“I Paesi Bassi avevano paura della serie di omicidi”.

Martedì 30 settembre 1924 fu una giornata particolarmente rumorosa allo zoo dell’Aia: non erano gli animali che facevano rumore, ma le persone. I Paesi Bassi erano stati dilaniati per mesi dalle controversie sociali sui militari. I pacifisti credevano che la guerra futura sarebbe stata così spaventosa che sarebbe stato meglio abolire del tutto l’esercito olandese. I sostenitori di una forza di difesa nazionale hanno detto che non ha senso che siano necessari più soldi per andare alle forze armate.

I due si sono incontrati al grande teatro del Giardino Botanico Reale dell’Aia per sistemare pubblicamente la causa e il palco. I 2.500 biglietti erano esauriti con settimane di anticipo, quindi gli altoparlanti sono stati allestiti nell’edificio, circondati da migliaia di spettatori. Il dibattito è stato trasmesso anche alla radio, rendendolo la prima trasmissione in diretta nella storia olandese. “Quella che ora chiamiamo l’atmosfera del festival dominava il sito”, afferma Wouter Linnmans. “C’erano carretti” assetati “e l’atmosfera era eccitata”.

Linmans è uno storico. Ha ricevuto il suo dottorato di ricerca questo mese dalla Leiden University per la sua tesi La guerra di domani. Immagine olandese della guerra imminente 1918-1940. „Il dibattito sullo zoo È andato fuori controllo “, dice. I militanti anti-militari in sala hanno cantato slogan e cantato canzoni, rendendo impossibile la parola all’ex comandante delle forze armate. Alla fine è caduto. Penso che fosse tipico di il dibattito sociale in questo momento: le persone si parlavano ma non c’erano dubbi sull’ascoltarsi davvero a vicenda ”.

READ  In quali paesi posso andare in vacanza?

Il libro di Linneman esamina come le persone nel periodo tra le due guerre olandesi – che non parteciparono alla prima guerra mondiale – credevano che sarebbe stata la prossima guerra. Di cosa avevano paura e quale azione doveva essere intrapresa?

Ho passato mesi a fare ricerche su riviste e giornali olandesi tra le due guerre

Qual è la grande paura?

Un attacco aereo farebbe cadere bombolette di gas velenoso. Nella prima guerra mondiale furono usati gas tossici sul fronte e c’erano aerei che dimostrarono la loro capacità di bombardare città lontane dalle linee del fronte. Queste due cose combinate hanno reso molti olandesi un incubo “.

come lo hai saputo?

Ho passato mesi a fare ricerche su riviste e giornali olandesi del periodo tra le due guerre. È iniziato con i settimanali come Amsterdam è verde, a partire dal Ossessionato dalla posta Sopra panorama. Ho estratto una serie di argomenti importanti da questo e ho continuato a ricercarli sui giornali. Di solito sono disponibili digitalmente tramite Dal sito web di Delpher, Ma a volte dovevo andare alla Koninklijke Bibliotheek e a molti istituti di archiviazione, perché mancavano alcuni volumi. Effettuando una ricerca sulla stampa in questo modo, mi sono imbattuto in cose che non erano ancora menzionate nella letteratura relativa al periodo tra le due guerre “.

Quando scoppiò la guerra nel 1939, vedete riemergere la paura

Ad esempio?

“La scoperta più eccitante, credo, è la paura della serie di omicidi. Nel 1924 arrivò Inventore inglese Con la notizia che ha inventato un aereo in grado di far esplodere la polvere da sparo e uccidere piccoli roditori. Ciò ha suscitato un’enorme eccitazione nella stampa. Apparvero schizzi di come avrebbe funzionato il dispositivo, ma anche disegni spaventosi apparvero come lo scheletro che avrebbe dovuto raffigurare la morte distrusse tutta la vita nel suo ambiente con un raggio. I giornali Avevano paura di un’ulteriore escalation della corsa agli armamenti, mentre l’inventore sperava che la sua arma sarebbe stata così terribile da rendere la guerra inimmaginabile “.

READ  Turkish Togg dovrebbe diventare un'auto elettrica competitiva

Suona come una dottrina MAD (Mutual Emphasized) della Guerra Fredda.

“Esatto. Ma nei Paesi Bassi la gente non era rassicurata da questo effetto deterrente. Qui, la paura era principalmente per un’arma che poteva svuotare intere regioni della popolazione”.

“Dopo circa sei mesi il rumore delle notizie si placò, quando divenne chiaro che la serie di omicidi non sarebbe arrivata così rapidamente. Ma noti che l’idea ha preso piede nelle persone, perché quando è scoppiata la guerra nel 1939, vedi la paura riappare. tutto? “

La ricerca mostra che c’era un libro che ha avuto una grande influenza sul pensiero olandese sulla guerra.

quello era Nessuna notizia dal fronte occidentale Dal 1929 di Eric Maria Remark. Questo libro – e il film rimasterizzato – hanno confrontato il pubblico con il massacro che era la guerra moderna. Ora sappiamo che è anche un romanzo composto con cura, ma all’epoca era visto come un vero racconto di un testimone oculare da un soldato tedesco in primo piano. Questo era molto diverso dai rapporti aridi che erano sui giornali durante la prima guerra mondiale. Il libro di Remark ha dato un grande impulso ai pacifisti “.

Dopo che Hitler prese il potere nel 1933, il movimento per la pace perse slancio

È possibile distinguere un tema centrale nelle prospettive per il futuro nel periodo tra le due guerre?

“Concentrati sulla tecnologia e sugli aspetti negativi del progresso. La prima guerra mondiale ha mostrato quanto velocemente invenzioni come gas velenosi e aerei potrebbero essere utilizzate per la battaglia. Perché questo non accade anche con le radiazioni? Perché dovrebbe rimanere con cose innocenti come la radio e x -rays? “

READ  Venezia riapre la sua laguna per le crociere in un'atmosfera controversa

Che fine hanno fatto queste aspettative all’avvicinarsi della guerra negli anni ’30?

Dopo che Hitler prese il potere nel 1933, il movimento per la pace perse slancio. È diventato chiaro che il disarmo unilaterale, come richiesto durante il dibattito sullo Zoo, non avrebbe impedito la guerra. La guerra civile in Spagna e l’invasione italiana dell’Abissinia nel 1935 hanno dato un’idea migliore di come sarebbe stata la guerra moderna. Così i Paesi Bassi hanno iniziato a spendere più soldi per gli armamenti “.

E quale fu la reazione quando, nel maggio 1940, i Paesi Bassi furono coinvolti nella seconda guerra mondiale?

C’era un misto di terrore e sollievo. Hanno riaperto il fatto che la battaglia era già finita dopo cinque giorni e Rotterdam è stata bombardata, ma hanno anche sollevato il fatto che la battaglia non fosse molto peggiore. La paura più grande, il bombardamento aereo di gas velenosi, non si è materializzata. Ciò che ha colpito le persone soprattutto nei giorni di maggio è stato l’immenso caos causato dalla battaglia. È chiaro che non puoi immaginarli correttamente se non combatti una guerra “.

Lineman dell’acqua: La guerra di domani. Immagine olandese della guerra imminente 1918-1940 Prometeo, 396 pagine. 27,50 euro

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24