I Paesi Bassi sono all’avanguardia nel lavoro flessibile

In media, quasi il 40 per cento degli europei sceglie dove e quando lavorare

3 maggio 2022
Poco più della metà degli impiegati europei dichiara di lavorare in modo flessibile. Viene loro data maggiore libertà all’interno di un quadro di lavoro fisso, come orari di lavoro flessibili. La metà degli intervistati ha indicato che il monitoraggio dell’orario di lavoro li aiuta a mantenere un buon equilibrio tra lavoro e vita privata. E’ quanto emerge da un recente studio condotto da SD lavoro

Insieme a Protime, che fornisce tecnologia per la gestione della forza lavoro, SD Worx ha intervistato 5.500 impiegati di dieci paesi europei per avere una panoramica di come gestiscono il loro tempo di lavoro.

In media, il 53% degli impiegati europei ha orari di lavoro flessibili. I paesi con l’orario di lavoro più flessibile sono Finlandia, Germania e Paesi Bassi. Lì, quasi sei dipendenti su dieci hanno orari di lavoro flessibili. La Spagna è la meno accomodante quando si tratta di orari di lavoro flessibili (41%).
La flessibilità di dove e quando i dipendenti svolgono il proprio lavoro è un po’ meno consolidata. I Paesi Bassi sono in testa finora: metà degli impiegati olandesi (50%) sceglie quando lavorare (47%), molto più alto della media europea (39% sia per dove che per quando). La Spagna è anche la più conservatrice in circolazione: quattro dipendenti spagnoli su dieci affermano di non poter scegliere quando svolgere il proprio lavoro e quasi la metà afferma di non avere voce in capitolo su dove lavorare.

Tieni traccia delle ore consapevolmente
Più che mai, i dipendenti cercano la libertà di organizzare la propria vita e la propria vita lavorativa. La flessibilità è quindi essenziale per attrarre e trattenere i dipendenti. Dopotutto, ha un effetto positivo sull’equilibrio tra lavoro e vita privata. Come datore di lavoro, ha anche senso fornire ai dipendenti un supporto che consenta loro di gestire correttamente la libertà dell’orario di lavoro. Più della metà degli impiegati europei afferma che il monitoraggio dell’orario di lavoro aiuta: ritengono che il rilevamento dell’orario di lavoro sia un buon modo per raggiungere un equilibrio tra lavoro e vita privata. Ciò è particolarmente vero per gli olandesi (63%), seguiti da norvegesi e tedeschi (57%).
I tedeschi sono anche i primi a monitorare consapevolmente l’orario di lavoro, all’82%. Seguono da vicino Svezia (78%) e Italia (77%). In Belgio, poco più della metà (54%) tiene traccia del proprio orario di lavoro. In Francia, il numero di ore di lavoro è il meno registrato (43 per cento).
“Un buon equilibrio tra lavoro e vita privata è essenziale affinché i dipendenti rimangano motivati. Ora sappiamo anche che questo equilibrio tra lavoro e vita privata contribuisce direttamente all’aumento della produttività e alla riduzione del burnout. Fortunatamente, con la giusta tecnologia, può essere facile tenere traccia delle aspettative ,” afferma Cathy Gerts, responsabile delle risorse umane di SD Worx.
Peter s’Jongers, CEO di Protime, spiega: “Proprio come un cardiofrequenzimetro che ci avvisa quando ci alleniamo troppo intensamente, anche gli strumenti di registrazione online possono suonare l’allarme. Dopotutto, non ti pagano per lavorare 60 ore per completare le tue attività. Il moderno cronometro, che non fa t registrare il tuo tempo. Tramite app telefoniche non solo, ma possono anche collegare ad essa la tua produttività, diventando così ancora più importante nelle ore di lavoro da casa. È qui che i manager, proprio come i bravi allenatori, svolgono un ruolo importante. Loro apportare modifiche e in questo modo possono aiutare a prevenire il burnout.

Quattro su dieci controllano la posta elettronica durante l’orario di lavoro
Tuttavia, mantenere questo equilibrio non è ovvio per tutti. Ad esempio, il 41% degli intervistati ha affermato di controllare a volte le e-mail di lavoro o rispondere alle telefonate di lavoro dopo il lavoro. In Norvegia tale percentuale sale al 56%, in netto contrasto con la Germania, dove 3 impiegati su 10 sono sporadicamente impegnati con chiamate di lavoro o e-mail al di fuori dell’orario di lavoro.
Quando si tratta di straordinari, la Francia è in testa (56%), seguita dal Belgio (53%) e dai Paesi Bassi (53%). La Scandinavia è la più precisa quando si tratta di orari di lavoro. C’è anche una notevole differenza in termini di età. Ad esempio, il 52% degli impiegati di età compresa tra i 25 ei 29 anni dichiara di fare regolarmente gli straordinari. Più il dipendente è anziano, minore è questa percentuale. Tra i 50-54enni, il 42% afferma di continuare a lavorare fuori orario e per gli over 55 è il 40%.
“A causa del lavoro obbligatorio da casa dovuto a Corona, dove ciò è stato tecnicamente possibile, negli ultimi anni molti impiegati d’ufficio sono stati introdotti a una disposizione più flessibile dell’orario di lavoro. I dipendenti vedono come un enorme vantaggio poter scegliere dove e quando lavorano. I confini tra l’ambito delle attività e il lavoro svolto. Dallo studio abbiamo scoperto che il monitoraggio delle ore lavorate aiuta a mantenere l’equilibrio tra lavoro e vita privata “ conclude Kathy Gertz.

READ  Sport corti: Cillessen che corre sul polpaccio | gli sport

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24