I paesi che esportano più di altri non partecipano al trattato sul metano

Stranamente, ci è voluto fino al vertice sul clima di Glasgow per raggiungere un accordo internazionale sul metano. Martedì era il giorno. Su iniziativa degli Stati Uniti e dell’Unione europea, è stato presentato un piano a Ridurre le emissioni di metano del 30% entro il 2030.

“Una delle cose più importanti che possiamo fare in questo decennio cruciale è ogni grado e mezzo”. [opwarming] “Tenerlo a portata di mano significa ridurre le emissioni di metano il più rapidamente possibile”, ha affermato martedì il presidente Joe Biden. Già prima Il commissario europeo Frans Timmermans (Clima) ha descritto la riduzione delle emissioni di metano come “la nostra strategia più rapida per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C”.

Il metano è un gas serra rilasciato durante l’estrazione del petrolio, che fuoriesce dai gasdotti. Viene anche esalato dalle mucche e si forma come marciume di scarto nei cumuli di immondizia. È un gas serra decine di volte più potente dell’anidride carbonica, ma sta scomparendo dall’atmosfera più rapidamente. Mentre l’anidride carbonica rimane nell’aria per più di un secolo, il metano si decompone dopo più di un decennio.

sconto

Secondo gli scienziati del clima, le emissioni di metano sono responsabili di oltre un quarto del riscaldamento causato dall’attività umana. Una riduzione del 30% fino al 2030 e il proseguimento di tale politica in seguito potrebbero prevenire circa 0,8 gradi di riscaldamento entro la fine del secolo.

L’accordo ha il sostegno di più di 100 paesi, che sono collettivamente responsabili di circa la metà delle emissioni globali di metano. Mancano paesi importanti come Cina, Russia e India. Tra i paesi occidentali, solo l’Australia ha dichiarato che non firmerà il piano.

READ  “Paesi come il Belgio che hanno scelto di gestire i rischi piuttosto che sradicare il coronavirus hanno avuto una performance economica inferiore” | Economia

Leggi anche Le emissioni di metano dell’industria petrolifera e del gas sono state notevolmente ridotte

Presentato il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP) Osservatorio Internazionale sulle Emissioni di Metano (IMEO), un sistema di rilevamento del gas metano. Utilizza, tra le altre cose, informazioni sulle infrastrutture (nell’estrazione del petrolio, nell’agricoltura e negli oleodotti) e dati dai satelliti.

Perché IMEO funzioni, sono necessari i dati dei governi, ad esempio delle principali compagnie petrolifere. Gli Stati Uniti non hanno ancora compiuto alcun passo per partecipare all’IMEO. Delle compagnie petrolifere statunitensi, solo ExxonMobil e Chevron condividono le informazioni. Tuttavia, le grandi compagnie petrolifere di scisto, che producono molto metano, non lo fanno.

paesi partner

Le emissioni di metano nell’economia europea sono prodotte principalmente all’estero, durante il trasporto di combustibili fossili importati. La direttiva europea sul metano non ha senso se anche i paesi partner non sono incoraggiati ad agire. Ma il paese partner più importante è la Russia Soffre di molte perdite di gas Non supporta l’accordo.

L’accordo sulle conseguenze per l’agricoltura è ambiguo. Più veloce sarà la riduzione del metano, ci sarà una diminuzione del bestiame. Ma nella sua richiesta di accordo, Timmermans ha parlato solo di “e condivisione di buone pratichetecnologia innovativa e la promozione di “soluzioni basate sulla natura”.

in un articolo di opinione sul posto Conversazione L’esperto di metano Michael Caine avverte che concentrarsi sul metano non dovrebbe andare a scapito della riduzione dell’anidride carbonica. Infatti, scrive Cain, un terzo delle emissioni di metano antropogenico derivano dall’estrazione di combustibili fossili. Se smettessimo di farlo, ridurremmo sia l’anidride carbonica che il metano.

READ  L'elefante nell'universo occupa gli scienziati

Leggi anche Questo pezzo parla di cosa realizzare a Glasgow E quali sono gli ostacoli?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24