I pazienti asmatici hanno un minor rischio di sviluppare un tumore al cervello

Risulta, una cattiva notizia per il sistema respiratorio è una buona notizia per il cervello.

Non c’è molto da dire sull’asma: una malattia respiratoria in cui sono sempre presenti piccole infezioni ai polmoni. I pazienti asmatici hanno spesso mancanza di respiro, respiro sibilante e tosse. Ciò che è interessante, tuttavia, è che rispetto ad altri, le persone con asma sembrano avere meno probabilità di sviluppare un tumore al cervello. Ora i ricercatori hanno scoperto perché.

Maggiori informazioni sull’asma
L’asma è un’infiammazione cronica delle vie aeree. La condizione è associata a restringimento e aumento dell’eccitabilità delle vie aeree, causando mancanza di respiro e frequenti tosse o respiro sibilante. Si dice che più di 300 milioni di persone nel mondo soffrano di questa malattia. Si prevede che il numero di asmatici aumenterà solo in futuro. Si stima che circa 400 milioni di persone svilupperanno l’asma entro il 2025. In Europa, si stima che attualmente il dieci per cento della popolazione soffra di asma. La condizione cronica porta con sé attacchi d’asma che possono portare al ricovero in ospedale: circa 500.000 all’anno. Circa il 5-10% delle persone soffre di asma al punto che i trattamenti attuali non funzionano.

L’idea che le persone con determinate malattie infiammatorie, come l’asma o l’eczema, abbiano un rischio inferiore di sviluppare tumori cerebrali è stata proposta per la prima volta circa quindici anni fa. Questa ipotesi si basa su osservazioni epidemiologiche. Ma perché sono collegati due tipi molto diversi di malattie? nessuno sa. Quindi alcuni scienziati si sono chiesti se il collegamento presunto esista effettivamente.

studia
In un nuovo studio pubblicato sulla rivista, Comunicazioni sulla naturaI ricercatori hanno accettato la sfida di spiegare il potenziale collegamento. I ricercatori hanno condotto diversi esperimenti su topi geneticamente modificati che mostravano sintomi di asma. E immagina cosa? In effetti, i topi asmatici non hanno sviluppato tumori al cervello.

READ  La NASA posticipa il ritorno degli astronauti sulla luna al più presto al 2025

cellule T
I ricercatori ora pensano di sapere perché. Ha a che fare con le cellule T; Globuli bianchi che svolgono un ruolo importante nel sistema immunitario. Questo è corretto. L’asma è caratterizzata da sintomi infiammatori. In molti casi, questi sorgono perché le tue difese sono attivate, quando in realtà non dovrebbe essere così. Le cellule T giocano un ruolo importante in questo. Quando vengono attivate troppe cellule T, ciò può portare a reazioni infiammatorie localizzate, come nel caso dell’asma. Le reazioni normalmente necessarie per combattere i germi e gli allergeni si sono deteriorate e si sono rivolte contro il corpo. Ciò provoca infiammazione nei polmoni negli asmatici, ma d’altra parte può prevenire la crescita dei tumori cerebrali.

Scenario
Il link qui: le cellule T nei topi asmatici sembrano secernere una proteina importante; chiamato decorazione. La decorazione è un problema respiratorio. Agisce sui tessuti delle vie aeree e aggrava i sintomi dell’asma. Ma i ricercatori hanno scoperto che la decorina è benefica nel cervello. Lì la proteina agisce sulla microglia. Cellule immunitarie che proteggono il sistema nervoso centrale da infezioni e danni. Tuttavia, la microglia attivata può promuovere la crescita e la progressione dei tumori cerebrali. Ma a causa dell’effetto della decorina su queste microglia, la possibilità che i pazienti asmatici sviluppino tumori al cervello è ridotta. In breve, una cattiva notizia per il sistema respiratorio può essere una buona notizia per il cervello.

in lavorazione
I risultati indicano una potenziale soluzione per i pazienti con tumore al cervello. “Naturalmente non indurremmo nessuno a sviluppare l’asma”, ha detto il ricercatore dello studio David Guttman. “Ma cosa accadrebbe se potessimo indurre le cellule T a pensare che siano cellule T dell’asma quando entrano nel cervello, in modo che non supportino più la formazione e la crescita dei tumori cerebrali? Queste scoperte aprono la porta a nuovi tipi di terapie che colpiscono le cellule T e le loro interazioni con le cellule del cervello”.

READ  I Red Lions sfondano il muro spagnolo solo dopo il primo tempo e raggiungono le semifinali | le Olimpiadi

Ciò significa che la riprogrammazione delle cellule T nei pazienti con tumori cerebrali può offrire una soluzione. “Il prossimo passo è vedere se lo stesso vale per altri tipi di tumori cerebrali”, dice Guttman. Studiamo anche il ruolo dell’eczema e dell’infiammazione nella prima infanzia, poiché entrambi coinvolgono le cellule T. Quanto meglio comprendiamo questa connessione tra le cellule T e le cellule che promuovono i tumori cerebrali, prima possiamo sviluppare buoni piani di trattamento. “

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24