I piloti di Formula 1 hanno boicottato il raduno Pirelli

Foto: Pirelli (Zak Mauger/Immagini LAT)

Il sapone per pneumatici di Formula 1 è tutt’altro che finito. Tutti i 20 piloti si sono rifiutati di partecipare a un incontro con il fornitore di pneumatici Pirelli giovedì pomeriggio in Francia. Diverse fonti lo confermano per telegrafo.

Max Verstappen ei suoi colleghi vogliono fare una dichiarazione ed esprimere la loro insoddisfazione per la situazione attuale. C’è molto da fare per le gomme di prima classe, dopo i duri colpi di Lance Stroll (Aston Martin) e Max Verstappen (Red Bull) durante l’ultima gara a Baku. Le gomme posteriori sinistre di entrambi i piloti si sono bruciate e gli incidenti hanno impedito loro di finire la gara.

Pirelli deve essere onesta

È importante per i conducenti che venga intrapresa un’azione. “Pirelli deve essere onesto perché è in gioco la nostra sicurezza”, ha detto il leader della Coppa del Mondo Verstappen. “Se fosse caduto nel muro invece che a destra e a sinistra, avrebbe avuto un aspetto completamente diverso. Non puoi aggirarlo, immagino.”

Max Verstappen / Red Bull / Francia / Paul Ricard / 2021
Foto: Red Bull Content Pool (Antonin Vincent – Pool / Getty Images)

Verstappen non è l’unico a non essere soddisfatto e ad avere il supporto dei compagni. Tuttavia, il rivale Lewis Hamilton ha rilasciato alcune dichiarazioni contraddittorie durante la conferenza stampa di giovedì al Circuit Paul Ricard. Il sette volte campione del mondo ha concordato con Verstappen che la sicurezza dovrebbe essere una priorità assoluta e che dovrebbero entrare in azione immediatamente. Poi il britannico ha dichiarato che ai suoi occhi non sembrava essere stata colpa di Pirelli.

Si è rifiutato di incontrare Pirelli

Verstappen, tra gli altri, ha un’opinione diversa sulla questione. Lui e i suoi colleghi hanno rifiutato di partecipare alla riunione di giovedì pomeriggio prevista per le 16:30. La Pirelli ha infatti emesso un comunicato stampa martedì sera, che non ha reso nessuno più saggio. Il produttore di pneumatici italiano ha affermato che la causa dell’esplosione è stata il modo in cui i team in questione hanno utilizzato le loro gomme. Red Bull e Aston Martin hanno successivamente dichiarato in una dichiarazione di aver aderito a tutti i regolamenti.

READ  Wall Street chiude in rosso in tutto il Nasdaq

“Possiamo solo mostrarlo. Tutto questo viene tracciato. È tutto tracciato”, ha detto Verstappen, che crede che sia importante per Pirelli essere onesti e dire esattamente cosa c’è che non va. Verstappen osserva inoltre di aver trovato molto poco chiaro.

Leggi anche: Programma del Gran Premio di Francia

Leggi anche: Verstappen sulla frangetta: ‘Pirelli deve guardarsi’

Leggi anche: Lewis Hamilton: “L’esplosione di Baku non è colpa di Pirelli”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24