I pinguini imperatori si estingueranno tra ottanta anni | all’estero

Il famoso pinguino imperatore potrebbe aver trascorso il suo tempo più lungo sulla Terra. Un nuovo studio statunitense mostra che quasi tutte le colonie della specie sono a rischio di estinzione entro la fine di questo secolo.




Se il cambiamento climatico continua al ritmo attuale, oltre il 98% di tutte le colonie di pinguini imperatori sarà virtualmente estinto entro 80 anni, ha previsto un gruppo di ricercatori nell’ultimo numero della rivista. La biologia del cambiamento globale. A breve termine, le prospettive per gli animali non sono certo migliori: entro il 2050 due terzi di tutte le colonie saranno estinte.

I pinguini imperatori sono la specie di pinguino più grande al mondo. Erano anche stelle dell’animazione piedi felici (2006). A differenza di altri pinguini, i pinguini imperatori si riproducono in pieno inverno antartico. Quindi affrontano coraggiosamente temperature fino a meno 60 gradi. Uno studio pubblicato nel 2020 ha stimato che nel mondo sono rimaste ancora circa 280.000 coppie riproduttive, quasi tutte in Antartide. Queste specie sono particolarmente vulnerabili ai cambiamenti climatici perché, come gli orsi polari nell’Artico, dipendono dalla presenza di ghiaccio marino per la loro sopravvivenza.

ghiaccio marino

I pinguini si riproducono su ghiaccio marino stabile che fornisce anche protezione contro i loro peggiori nemici come orche e squali. Lo ha affermato in una nota la ricercatrice Stephanie Jenoferre, specialista in uccelli marini presso la Woods Hole Oceanographic Institution e autrice principale dello studio. “Se c’è troppo poco ghiaccio marino, i pulcini possono annegare se il ghiaccio marino si rompe troppo presto; se c’è troppo ghiaccio marino, i viaggi di alimentazione diventano molto lunghi e difficili per i genitori e i pulcini possono morire di fame”.

READ  Un americano passa tre giorni su un albero per evitare la polizia | All'estero

In alcune parti della penisola antartica, gran parte del ghiaccio marino si è sciolto negli ultimi tre decenni e una colonia di un pinguino imperatore è già scomparsa, hanno detto i ricercatori. Sono rimasti solo pochi animali, e troppo pochi per dare un futuro alla colonia. A causa dello scioglimento precoce del ghiaccio, 10.000 pulcini sono annegati quando il ghiaccio si è rotto prima che fossero pronti a nuotare. “Sebbene siano in Antartide, lontano dalla civiltà umana, vivono in delicato equilibrio con il loro ambiente, che oggi sta cambiando rapidamente: sono diventate le moderne Isole Canarie”, ha detto Genovrier, riferendosi ai canarini nella miniera di carbone che ha sottolineato C’era un rischio significativo (monossido di carbonio) per i minatori.

Dopo lo studio, il Dipartimento per la pesca e la fauna selvatica degli Stati Uniti deciderà oggi se il pinguino imperatore sarà inserito nell’elenco delle specie in via di estinzione. Sempre più animali sono in questa lista a causa dei cambiamenti climatici. I pinguini imperatori sono una parte essenziale della catena alimentare antartica, essi stessi predano krill, calamari e piccoli pesci e sono una fonte di cibo per le foche tigre e le orche assassine.

Guarda tutti i nostri video di notizie più interessanti in questa playlist.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24