I polinesiani francesi si aspettano che Macron si scusi per i test nucleari | all’estero

I residenti della Polinesia francese sperano e si aspettano che durante la sua visita alle loro isole, il presidente francese Emmanuel Macron si scuserà per i test nucleari che la Francia ha condotto lì fino al 1996. Macron visita l’arcipelago del Pacifico per quattro giorni. Appartiene alla Francia, ma è autonomo in vari settori. Il presidente è stato accolto all’aeroporto da corone di fiori e danze.




Gli studi dimostrano che più di 100.000 persone sono state esposte alle radiazioni durante i decenni in cui la Francia ha testato le armi nucleari. Questo è successo negli anni ’60 e ’70 nell’atmosfera, e successivamente nel sottosuolo. Più tardi, relativamente molti sulle isole hanno sviluppato leucemia, linfoma e altri tipi di cancro.

“Ci aspettiamo scuse dal presidente”, ha detto August Obie Carlson, presidente di un’associazione locale di vittime di test nucleari. “Proprio come ha ammesso che colonizzare l’Algeria era un crimine, ci aspettiamo che lo dichiari un crimine, una forma di colonialismo associata all’energia nucleare qui nel Pacifico”. Oltre alle scuse, sono previsti anche accordi di compensazione. Finora, solo 63 persone hanno ricevuto un risarcimento dal governo francese, secondo quanto riportato in precedenza dalla piattaforma di ricerca Disclosure.

Al di là delle sofferenze causate dai test nucleari, importanti punti all’ordine del giorno sono la posizione strategica delle isole, anche nei confronti della Cina, e la lotta al coronavirus. Macron ha invitato tutti i residenti a farsi vaccinare. “Questo ti protegge e non puoi più diffondere il virus”, ha detto.

Guarda i video delle notizie nella playlist qui sotto:

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24