I prezzi dell’energia stanno aumentando a causa di anni di assenza di politica

Questa settimana politici di tutti i colori e partiti si sono quasi fatti uno sgambetto per la rabbia per il forte aumento dei prezzi dell’energia. Questo è tanto intrigante quanto fuori luogo.

Concessioni losche

La politica energetica è un esempio da manuale di un dossier che ha lasciato marcire la politica per anni, in cui gli interessi di alcuni gruppi di pressione e leader del settore hanno generalmente prevalso sugli interessi dei singoli cittadini. Mentre questo cittadino delega tuttavia la politica a rappresentare i suoi interessi, preferisce anche mostrare la necessaria intuizione.

È anche un esempio scritto di un file Mancanza di coraggio e visione che da decenni caratterizza la politica di questo Paese, Di conseguenza, nel 2021 il Belgio e le Fiandre erano particolarmente attrezzati per affrontare ogni grande sfida sociale con qualsiasi possibilità di successo.. Dalla riforma delle pensioni (pezzo LINK) alla modernizzazione del nostro mercato del lavoro alla politica climatica ed energetica.

Le concessioni di Shady – un tempo acclamate da alcuni politici e commentatori politici come il prodotto di esportazione di maggior successo del Belgio – hanno spinto le finanze pubbliche sull’orlo del collasso e ogni anno rendono più profondo il divario tra cittadini e politica. La politica energetica – o la sua mancanza – ne è un altro esempio.

Suez

Quando il gruppo francese Suez ha acquisito la holding belga Tractebel alla fine degli anni ’90 – che controllava il settore belga dell’elettricità e del gas attraverso le sue due controllate Electrabel e Distrigas – l’allora governo Dehaene stava a guardare. Fino ad allora, erano state gettate le basi per vendere quasi l’intero settore energetico belga alla Francia. Oggi Engi-Electrabel è una filiale del gruppo francese Engie. Negli ultimi anni sono passati in mani francesi anche Luminus, Essent e Lampiris, tra gli altri.

READ  Si sono formati i laghi di svuotamento di Marte - NRC

I politici non hanno mai fatto uno sforzo serio per fermare la vendita quasi completa di un settore particolarmente strategico all’estero.

CREG

Naturalmente, l’aumento dei prezzi dell’energia oggi non è un fenomeno puramente belga, ma la perdita di controllo e il consolidamento di vasta portata nel settore non erano naturalmente tali da motivare una politica energetica privata ben congegnata. Questo è stato tradotto per anni – e quindi non da oggi o da ieri – a prezzi altissimi. Non è un caso che CREG, l’ente regolatore belga del mercato energetico, abbia sistematicamente piantato lo stesso chiodo negli ultimi anni: i consumatori belgi hanno pagato molto di più per gas ed elettricità rispetto alla maggior parte dei paesi vicini. Ciò è stato confermato anche dai confronti internazionali dei prezzi per Eurostat.

Nemmeno i continui disaccordi politici sulla chiusura delle centrali nucleari – un dibattito che va avanti da quasi 20 anni – non hanno aiutato. Negli ultimi decenni il nostro Paese si è gradualmente ma costantemente sviluppato da esportatore netto di energia elettrica ad importatore netto. È stata prestata così poca attenzione allo sviluppo della capacità di trasporto transfrontaliero, che a un certo punto vengono poste a gran voce domande sulla sicurezza dell’approvvigionamento nei mesi invernali. All’inizio di quest’anno si è aggiunto il disastro del pannello solare. La decisione della Corte Costituzionale di abolire il regime transitorio fiammingo con il contatore di rimpatrio ha lasciato l’intera comunità politica fiamminga con la vergogna sulle guance.

mancanza di vista

Sullo sfondo di anni di indifferenza, manipolazione totale e un’apparente mancanza di visione, l’attuale malcontento per il forte aumento dei prezzi dell’energia sembra particolarmente scoraggiante. Anche perché da anni esperti indipendenti martellano un chiodo diverso: molto più degli aumenti dei prezzi della componente elettricità o gas puro, è il torrente di tasse e commissioni che rendono le bollette energetiche belghe le più care d’Europa.

READ  Lo studente di astronomia di Leida riceve un raro 10 per la sua tesi | interni

Le tasse e le tasse rappresentano già circa il 60 percento della bolletta elettrica e il 40 percento della bolletta del gas. Politici che si sono svegliati improvvisamente sulla scia di una diffusa protesta sociale: in quale angolo del Parlamento hanno dormito negli ultimi dieci anni? E qui la storia rischia di ripetersi: da ogni parte piovono improvvisamente proposte che difficilmente vanno al di là di una fissazione provvisoria o del proverbiale intonaco su una gamba di legno. Prezzi dell’elettricità troppo alti? Poi una tariffa social per quasi tutti! Oppure no, abbassiamo l’IVA! Che tutti noi dovremo poi recuperare l’importo perduto attraverso il bilancio generale e che, naturalmente, l’essenza del problema non sarà risolta? L’orecchio del ginocchio si fa a pezzi per questo.

E che il desiderio dei fiamminghi ordinari di mettere le spalle al volante sotto la necessaria trasmissione di energia sta venendo meno a causa di questo sfortunato spettacolo? Risolveremo questo problema in seguito, se è già apparso. Dove abbiamo adottato questo approccio visivo diventerà dolorosamente chiaro di nuovo nelle prossime settimane, una volta che le negoziazioni sul budget avranno raggiunto lo sprint.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24