I prigionieri ucraini sono scomparsi da mesi e le loro famiglie chiedono aiuto all’Occidente | Attualmente

Le famiglie dei soldati ucraini che alla fine furono deportati in Russia. Da mesi aspettano un segnale dai loro cari. La Croce Rossa Internazionale vuole visitare gli ucraini, ma non ottiene il permesso dalla Russia. Daria Tsikonova sta anche cercando di contattare il suo fidanzato, Ilya Samoylenko. “La pressione su Mosca dovrebbe essere aumentata il più possibile. La Croce Rossa dovrebbe poter visitare i nostri uomini”, dice in una conversazione con NU.nl.

Il 20 maggio, Tsikonova (22 anni) ha chiamato per l’ultima volta il suo fidanzato. Samoilenko era uno dei difensori dell’Azovstal, un’acciaieria nella città di Mariupol, nel sud dell’Ucraina. In questo complesso, le unità d’élite dell’esercito ucraino hanno combattuto per 82 giorni contro una forza russa superiore.

Samoilenko (28 anni) è diventato un’icona: un uomo con una grande barba, un occhio artificiale e un gancio al posto della mano sul braccio destro. In precedenza aveva subito queste ferite durante la Guerra degli Otto anni con i russi nell’Ucraina orientale. In un inglese fluente, Samuelenko ha parlato alla stampa mondiale della situazione ad Azovstal, da una stanza a trenta metri sottoterra.

Il 20 maggio, gli ultimi ucraini rimasti nel complesso della fabbrica si arresero ai russi. Sono stati portati in una prigione nel villaggio di Olenivka, nell’Ucraina orientale occupata dai russi. Non è chiaro come stiano ora Samuelenko e gli altri prigionieri di guerra. Tsynokova è molto preoccupata. “E’ stato davvero terribile ad Azovstal.”

“E ora due mesi in una prigione dove il cibo è scarso e le cure mediche sono scadenti”, continua. Ho sentito da uomini che erano tornati attraverso uno scambio di prigionieri che le condizioni a Olinevka erano precarie. “Questi ragazzi stavano male quando sono tornati.”

53 prigionieri di guerra uccisi in un attacco

Nessuno dei soldati rilasciati con cui Tiskonova ha parlato aveva visto la sua amica a Olinevka. Le sue paure sono aumentate dopo l’esplosione nel complesso carcerario il 28 luglio. È stato riferito che 53 prigionieri di guerra sono stati uccisi e 75 feriti.

Secondo i russi, gli ucraini hanno sparato un missile che è caduto sul complesso. Ma gli esperti internazionali hanno definito questa affermazione non plausibile. In precedenza c’era stata un’operazione russa per cancellare le tracce dei crimini di guerra.

Le Nazioni Unite vogliono un’indagine conoscitiva, ma le autorità russe non lo hanno ancora permesso. Quindi Tsykunova si affida alle liste non ufficiali dei morti e dei feriti che circolano sui social. Samoilenko non è ancora coinvolto.

L’amore è sbocciato durante il festival musicale

Tsykunova ha incontrato Samoilenko, sei anni, nell’estate del 2021 durante un festival musicale a cui ha partecipato con amici comuni.

Samoilenko era già fuori dall’esercito in quel momento. Era diventato un soldato all’età di 21 anni per prestare servizio nell’est del Paese nella lotta contro i separatisti russi e ucraini che avevano già preso il controllo di parti del Paese. È stato gravemente ferito ed è tornato dai suoi uomini con una protesi d’occhio e un braccio protesico. Al momento della conoscenza di Tsykunov, stava per tornare alla società civile.

“Ci siamo subito piaciuti”, afferma Tsykunova, che è lei stessa una specialista IT. “Nei mesi successivi ci siamo conosciuti sempre meglio. L’11 febbraio di quest’anno è ufficialmente continuato tra noi”. Otto giorni dopo, Samoilenko tornò a Mariupol per l’ultima volta per parlare alle nuove reclute delle sue esperienze in guerra. Il piano era di tornare a Kiev il 25 febbraio. Il giorno prima, Vladimir Putin ha iniziato la guerra. Samoilenko decise di restare, si arruolò di nuovo nell’esercito e fu uno degli ultimi sopravvissuti dell’Azovstal.

READ  Villa è ufficialmente nominato nuovo Primo Ministro della Repubblica Ceca

Così, l’amore di un giovane è stato stroncato sul nascere. “Era esattamente otto giorni prima del mondo esterno”, dice Tsikonova con una faccia triste.

È entrata a far parte della “Associazione dei parenti dei difensori dell’Azovstal”. Si tratta di un nucleo di venti donne circondate da una rete di familiari. Tsikonova e altri tre sono andati a Parigi a giugno per attirare l’attenzione sul destino dei loro uomini. Stanno organizzando manifestazioni, sfidando e ora cercando di attirare l’attenzione sul destino degli uomini attraverso una campagna mediatica internazionale.

“I governi occidentali devono fare pressione sulla Russia. In base alle Convenzioni di Ginevra, Mosca deve garantire che i prigionieri di guerra siano vestiti e nutriti in modo appropriato e possano mantenere i contatti con le loro famiglie. Queste regole vengono violate”.

Il compleanno di Samoilenko è stato il 10 luglio. “Vorrei che fossimo insieme in questa giornata estiva”, ha scritto Tsikonova in un post su Facebook. “Sono orgoglioso di te, della tua scelta, della tua posizione, rispetto la tua forza e la tua intelligenza. Ci incontreremo presto, ne ho voglia. Aspetterò il tempo necessario”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24