I ragazzi libanesi si arrendono allo stipendio di 1.000 euro dell’Isis

A causa della povertà e della mancanza di prospettiva, molte persone alla periferia di Tripoli vedono solo una via d’uscita. Le barche partono regolarmente dal porto del Libano settentrionale per l’Europa. Cipro è a poche ore di barca.

I trafficanti fanno pagare un sacco di soldi per quel viaggio e questo non è per tutti. Alcuni uomini di Tripoli stanno ora scegliendo un’altra opzione per sfuggire alla miseria: si uniscono allo Stato islamico in Siria e Iraq. Sembra che lo stipendio dell’ISIL sia di circa 1.000 euro al mese. Negli ultimi tre mesi se ne sono andati tranquillamente in gruppo.

“Finora sono stati colpiti più di cento ragazzi. Negli ultimi tre mesi, molti genitori di Tripoli si sono svegliati e hanno scoperto che il loro figlio è scomparso”, ha detto Mohamed Sablouh, avvocato di Tripoli. È coinvolto in casi terroristici dal 2007 e ora è in stretto contatto con i parenti dei ragazzi che hanno viaggiato. “Una mattina, trenta di loro sono scomparsi in una volta.”

senza vantaggio

Sablouh dice che molti ragazzi si sono radicalizzati nelle carceri libanesi. Dopo il loro rilascio, sono stati ignorati e non potevano più integrarsi nella società. “Sono usciti peggio di come sono entrati. Di solito sono stati bloccati con i leader estremisti per anni. Una volta a casa, non sono stati in grado di riprendere la loro vita normale. Le autorità hanno reso le loro vite un inferno. Questi uomini si sentono inutili nella società e vengono nuovamente arrestati a il minimo segno”.

Questo è esattamente quello che è successo al figlio di Umm Tariq. Suo figlio è stato in prigione per cinque anni, suo padre è morto durante quel periodo e, una volta tornato a casa, lo sconforto è stata la sua più grande sfida. Non riusciva a trovare un lavoro. “Si stava per sposare, ho cercato di organizzare tutto per lui. Ma due settimane fa mi sono svegliato e lui non c’era”.

READ  Oltre 150 dispersi in Germania: alla ricerca di cumuli di macerie metro per metro

Non incolpa la sua educazione, ma incolpa le autorità per il fatto che suo figlio ora è con l’Isis: “Qui è colpa del governo libanese. Trattano i nostri figli ingiustamente. Non hanno vita, ci tengono poveri deliberatamente, “dice, guardando fuori dalla sua finestra piena di tori sopra il suo sobborgo di Tripoli. I bambini escono per strada, non c’è scuola da mesi e l’acqua e l’elettricità sono disponibili solo in modo intermittente.

Vedi anche questo rapporto di Daisy Mohr

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24