I repubblicani sostengono Brown Jackson, quasi certa la nomina alla Corte Suprema

Tre senatori repubblicani hanno approvato la nomina di Kitangi Brown Jackson a nuovo membro della Corte Suprema degli Stati Uniti. Di conseguenza, la posizione difficilmente può sfuggire all’avviso del giudice 51enne, quando il Senato voterà sulla sua nomina alla fine di questa settimana. Jackson è poi diventata la prima donna di colore alla Corte Suprema e il primo membro a farlo Nominato dal presidente Biden

La scorsa settimana, la senatrice repubblicana Susan Collins ha detto che avrebbe sostenuto Jackson, e la scorsa notte i suoi colleghi di partito Mitt Romney (Utah) e Lisa Murkowski (Alaska) si sono uniti a lei. Dal momento che il Senato è diviso tra 50 Democratici e 50 Repubblicani, ciò fa un’enorme differenza nella sua nomina: tutti i Democratici supportano Jackson. Secondo Romney, in quanto senatore conservatore, non sarebbe certamente sempre d’accordo con le sue decisioni, ma lei “soddisfa più di tutti i requisiti di eccellenza e integrità”.

undici contro undici

La nomina di Jackson è stata sospesa dopo diverse settimane di audizioni nella commissione giudiziaria del Senato, i cui membri non sono stati in grado di concordare la sua nomina: 11 repubblicani contrari, 11 democratici erano favorevoli. il Sole Impasse Non dal 1991, quando fu nominato il giudice conservatore Clarence Thomas. Quindi lunedì sera l’intero Senato ha votato per appello nominale sulla sua nomina questa settimana, costringendo a una decisione.

Molti repubblicani non sono contenti di Jackson, che considerano eccessivamente progressista. Durante le udienze delle ultime settimane, è stata accusata di condanne ridotte per crimini sessuali come giudice federale.

Gli equilibri in Cassazione non cambiano

READ  'IS Beatle' Elsheikh condannato all'ergastolo negli Stati Uniti

La nomina di Brown-Jackson non altererà l’equilibrio politico all’interno della Corte Suprema: sei dei nove membri sono alquanto conservatori. Tuttavia, Biden ha colto l’occasione per nominare un candidato relativamente giovane, che potrebbe servire come membro di facoltà per decenni.

La Corte Suprema ha l’ultima parola in senso giuridico su questioni controverse come l’aborto, il possesso di armi e l’immigrazione. I membri sono nominati a vita ma possono scegliere di ritirarsi o dimettersi.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24