I ribelli occupano più territorio nel Tigray, chiamano la tregua uno “scherzo malato”

I ribelli etiopi del Fronte di liberazione del popolo del Tigray controllano sempre più territorio nel nord del Paese. Lunedì, il governo ad interim istituito dal governo federale ha preso il potere a Mekele, la capitale dello stato del Tigray.

Funzionari delle Nazioni Unite dicono di BBC La cittadina di Shire, a circa 140 chilometri a nord-ovest di Mikkeli, ora anch’essa catturata dai ribelli. L’area era in precedenza sotto il controllo delle forze eritree a supporto dell’esercito etiope, ma queste hanno già lasciato la città.

fuoco di stato

Il governo ha dichiarato unilateralmente un cessate il fuoco lunedì nel Tigray, dove dal novembre dello scorso anno infuria una feroce battaglia tra il governo ei ribelli. Secondo il governo, il cessate il fuoco dovrebbe consentire agli agricoltori di ricostruire le proprie terre e consentire alle organizzazioni umanitarie di accedere all’area, devastata anche dalla carestia.

I ribelli hanno descritto il cessate il fuoco unilaterale in un’intervista all’Associated Press come uno “scherzo malato”. Secondo loro, è stato proprio il governo a rifiutarsi di fornire aiuti umanitari nella regione. Sono determinati a catturare l’intera regione ed espellere le forze e i soldati del governo eritreo.

Almeno migliaia sono stati uccisi nella sanguinosa battaglia. Più di due milioni di persone sono state sfollate e si stima che 350.000 muoiano di fame.

I giornalisti non hanno avuto accesso al Tigray per molto tempo, ma il giornalista Ellis van Gelder ha avuto accesso all’area questo mese:

READ  Media australiani multati per aver riportato abusi sul cardinale Pell

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24