I ricercatori mappano la rete delle dipendenze cerebrali dei fumatori a lungo termine | Scienze

I ricercatori sono stati in grado di mappare una “rete di dipendenza” nel cervello di fumatori a lungo termine che hanno smesso di fumare improvvisamente dopo una lesione cerebrale. Gli autori dello studio, che è stato pubblicato sulla rivista Nature Medicine, sperano che i risultati della ricerca possano aiutare a combattere la dipendenza da nicotina, così come altri tipi di dipendenza.

Gli scienziati hanno esaminato 129 pazienti con trauma cranico che fumavano quotidianamente. Più della metà di loro ha continuato a fumare dopo l’infortunio, ma un quarto di loro ha smesso immediatamente di fumare e ha detto che non ne aveva più bisogno.

Coloro che hanno perso il desiderio di fumare hanno avuto danni in una delle tre regioni: la corteccia cingolata dorsolaterale, la corteccia prefrontale laterale, l’insula o altre aree del cervello con forti connessioni a queste tre regioni. Questo è ciò che gli scienziati considerano la “rete delle dipendenze”.

Al contrario, il gruppo per smettere di fumare non ha avuto danni in una quarta regione importante di questa rete: la corteccia prefrontale mediale. Questa regione del cervello, situata al centro della fronte, sembra avere un effetto inibitorio sull’attività in altre parti del cervello della rete.

In un altro studio, gli scienziati hanno scoperto che lo stesso tipo di danno cerebrale è legato anche all’alcolismo. Questo sembra indicare una rete comune di dipendenza attraverso queste sostanze.

Secondo l’autore dello studio Juhu Gutsa, neurologo presso l’Università finlandese di Turku, la rete specifica fornisce un obiettivo verificabile per i tentativi di trattamento. “Alcuni nodi di rete nella corteccia cerebrale sono accessibili con tecniche di neuromodulazione non invasive”, ha detto Gutsa.

READ  La variante indiana sta causando sporadiche vittime nei Paesi Bassi

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24