I Rohingya fanno causa a Facebook | All’estero

L’annuncio arriva il giorno dopo che i rifugiati Rohingya hanno intentato una causa contro la compagnia per incitamento all’odio contro la minoranza musulmana perseguitata sulla piattaforma. Stanno rivendicando oltre 150 miliardi di dollari di danni. Tuttavia, il colosso tecnologico statunitense afferma che la decisione è stata pianificata da settimane.

L’identificazione delle società si basa su un rapporto del 2019 della Missione d’inchiesta delle Nazioni Unite sul Myanmar, sulla ricerca dei gruppi di attivisti Justice for Myanmar e Burma Campaign UK e sulle consultazioni con altre organizzazioni.

processo di scansione

Nel 2017, circa 10.000 musulmani Rohingya sono stati uccisi in un’epurazione militare nel Myanmar occidentale. Un milione di Rohingya sono fuggiti oltre il confine nel vicino Bangladesh, dove da allora hanno vissuto vite disperate in campi profughi sovraffollati.

Meta afferma di aver adottato misure per garantire la sicurezza delle persone. Ma tre anni fa, il CEO Mark Zuckerberg ha ammesso che l’azienda non aveva fatto abbastanza per prevenire l’incitamento alla violenza e l’incitamento all’odio contro i Rohingya. Ad esempio, i contenuti nelle lingue locali non sono stati scansionati attivamente, nonostante diversi avvisi.

Gli avvocati dei Rohingya accusano Facebook di essere “disposto a sacrificare la vita dei Rohingya per una migliore penetrazione del mercato in un piccolo paese del sud-est asiatico”.

Anomalia di base

Il social network ha oltre 22 milioni di utenti in Myanmar ed è per molti l’unico canale Internet che utilizzano. La società aveva già annunciato dopo il colpo di stato del generale Min Aung Hlaing a febbraio che avrebbe vietato tutte le pagine associate ai militari dalla pubblicità sul social network.

READ  Sydney riapre ai turisti, il resto dell'Australia resta chiuso | All'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24