I sauditi non vengono a Newcastle solo per il calcio

La principessa Rima Bandar Al Saud ha pianto la morte della leggenda del basket americano Kobe Bryant poco dopo la sua morte all’inizio dello scorso anno. La principessa, membro della famiglia reale dell’Arabia Saudita, ha scritto su Twitter quel giorno che Bryant sarebbe stato “un simbolo eterno della gentilezza e del potere positivo di questo sport”. Bryant è stato ucciso in un incidente in elicottero insieme alla figlia di 13 anni e ad altri sette passeggeri.

La principessa Rima conosceva personalmente Kobe Bryant. Si sono incontrati il ​​2 dicembre 2018 e hanno parlato di “L’evoluzione del basket in Arabia Saudita”. L’incontro è stato organizzato da Anna Lewis, presidente del Churchill Ripley Group, una nota società di lobby di Los Angeles. In quel periodo era preoccupata per la famiglia reale saudita.

In base a un contratto annunciato nel 2019 dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, Anna Lewis è stata pagata $ 22.000 al mese (circa $ 19.000) per stabilire contatti con la famiglia reale e tenere colloqui con quasi tutti i principali dirigenti sportivi statunitensi. Lo ha fatto: la principessa ha incontrato i membri del consiglio di amministrazione della National Basketball Association (NBA), della National Hockey League (NHL), della Major League Soccer (MLS) e della World Wrestling Entertainment (WWE).

“Anna si recherà in Arabia Saudita ogni tre mesi per incontrare Sua Altezza Reale e la sua squadra. Parteciperà a conversazioni telefoniche e verrà nel Regno se Sua Altezza Reale glielo ordina”. Ha anche dovuto organizzare interviste con i principali media – ci è riuscita, inclusi i canali TV CNN, ESPN e il quotidiano. Washington Post. Tutto doveva essere pianificato e preparato “estremamente attento”.

Obiettivo: “Rafforzare il prestigio del Regno” – Aiutare la nascita del Regno dell’Arabia Saudita come nazione sportiva riconosciuta a livello internazionale.

Leggi anche: I tifosi del Newcaste United sognano nuovi inizi

Con il Fondo per gli investimenti pubblici sauditi che ha rilevato la squadra di calcio del Newcastle United la scorsa settimana, è diventato chiaro che l’influenza dell’Arabia Saudita nel mondo dello sport internazionale ha assunto forme pericolose. Anche se l’affare non è finanziariamente sostenibile. La cifra che i sauditi hanno versato al club, circa 350 milioni di euro, rappresenta circa lo 0,001 per cento del totale attivo del fondo. Cyril Federshofen, un consulente olandese che ha lavorato, tra le altre cose, per il fondo di investimento che ha acquistato il Newcastle United, descrive l’acquisizione come “una nocciolina nel gioco più importante dell’Arabia Saudita”.

Ma la proprietà del Newcastle United da parte dell’Arabia Saudita ha un grande valore simbolico. Il club è un’istituzione calcistica britannica con una storia che risale a più di 130 anni, strettamente associata all’ex regione mineraria del nord-est dell’Inghilterra. Inoltre, il fondo sovrano e il suo capo, il principe ereditario Mohammed bin Salman, avranno un posto ai tavoli mentre il futuro del calcio europeo prende forma. Include anche lo sceicco Mansour bin Zayed Al Nahyan di Abu Dhabi, proprietario del Manchester City dal 2008, e rappresentanti del Qatar, che possiede azioni del Paris Saint-Germain dal 2011. Il presidente del Paris Saint-Germain Nasser Al-Khelaifi è ora il presidente dell’European Club Association, un’associazione europea di club.

READ  AEX stabilisce un record | Problemi finanziari

L’acquisizione del Newcastle United è il passo successivo di una strategia saudita che fino ad ora consisteva principalmente nel portare eventi sportivi popolari. Il 12 gennaio 2020, l’Atlético Madrid ha giocato la finale della Supercoppa spagnola al King Abdullah Sports City Stadium di Jeddah, in Arabia Saudita. La Federazione spagnola ha ricevuto quaranta milioni di euro dalle autorità saudite per organizzare duelli nel Regno. Il Real Madrid vince ai rigori.

La Federcalcio era disposta anche a spostare le partite di coppa in Arabia Saudita in cambio di petrodollari. Inoltre, i sauditi hanno pagato più di 100 milioni di euro per un titolo di boxe dei pesi massimi – “Clash On The Dunes” tenutosi nel 2019 tra Andy Ruiz Jr. Anthony Joshua II a Diriyah – ha liberato milioni di persone dal paese per ospitare partite di biliardo, golf e wrestling. Il più grande affare finora: $ 560 milioni per ospitare la F1 – Il primo Gran Premio si terrà in Arabia Saudita a dicembre.

prezzo del petrolio

L’interesse saudita per lo sport è un fenomeno relativamente recente dovuto in parte alla statura sportiva che hanno acquisito i suoi vicini molto più piccoli Qatar e Abu Dhabi. Dietro c’è anche una logica commerciale. Nel 2016, quando il prezzo del petrolio ha raggiunto il minimo storico, il regime ha deciso che era giunto il momento di cambiare strutturalmente l’immagine e il modello di reddito del Paese. In “Vision 2030”, la famiglia reale saudita ha annunciato il suo obiettivo di diventare meno dipendente dal petrolio. L’Arabia Saudita voleva svilupparsi culturalmente e finanziariamente per essere un “modello per il mondo”. I migliori sport, che sono riusciti a raggiungere miliardi di telespettatori in tutto il mondo, sono stati una parte importante di quella campagna.

Molti critici, come Amnesty International, vedono l’investimento sportivo saudita come un tentativo di distogliere l’attenzione dalle violazioni dei diritti umani e dalla repressione nel Paese. Ma se il “lavaggio sportivo”, come viene chiamato, è l’obiettivo primario, allora la strategia non funziona, afferma l’economista sportivo britannico Simon Chadwick (Università di Leeds). Dopotutto, l’Arabia Saudita sta suscitando discussioni sugli abusi nel paese rivendicando un ruolo di primo piano come ospite di eventi sportivi molto seguiti e proprietario di un club della Premier League inglese. Secondo Chadwick, le ambizioni sportive saudite riflettono il desiderio di prestigio e legittimità del regime. Si tratta di prenderlo sul serio.

READ  I 'becchini' del Belgio: trattative di governo con tanti giochi politici, ma poca sostanza - Notizie finanziarie ed economiche - Tendenze

Inoltre, altri interessi più grandi svolgono un ruolo nell’acquisizione del Newcastle United. Sia per il governo britannico che per l’Arabia Saudita. Chadwick si aspetta che l’accordo sia un precursore di significativi investimenti sauditi nella regione impoverita. Nel settore immobiliare, ma anche nell’ambizione della città costiera di diventare un centro per la produzione e lo sviluppo della tecnologia dei mulini a vento. Inoltre, l’Arabia Saudita ha annunciato che presto lancerà una compagnia aerea nazionale che competerà con Emirates Airlines e Qatar Airways. I nuovi proprietari possono utilizzare Newcastle United per l’aggiornamento. La conclusione di Chadwick: “Questo accordo non ha davvero nulla a che fare con il calcio”.

mega yacht

Gli interessi politici e commerciali possono spiegare perché l’Arabia Saudita alla fine ha preso il controllo del Newcastle United nonostante il precedente blocco. Financial Times Ha scritto che l’investitore Amanda Staveley ha spinto il principe ereditario saudita bin Salman nell’accordo nell’ottobre 2019 quando era ospite sul suo mega yacht. calma. Era entusiasta, ma turbato dalle relazioni politiche in Medio Oriente, e le obiezioni della Premier League hanno ostacolato a lungo il piano.

Il primo ha portato a una lite sui diritti di trasmissione in Premier League. I concorsi rompono i loro diritti di trasmissione in pezzi e li vendono a livello globale ai migliori offerenti. In Medio Oriente, questo è beIN Sports, di proprietà del regime del Qatar. A fine 2020 ha pagato più di 430 milioni di euro per poter trasmettere le partite dei migliori club inglesi nel periodo dal 2022 al 2025. Uno dei club era contro: il Newcastle United.

Non è stato un incidente.

Fino ad allora, il Newcastle United era stato aperto ai soldi dell’Arabia Saudita. Ma questo paese ha avuto un grave conflitto con beIN Sports. O meglio il Qatar, rivale finanziario e culturale della regione. Si dice che l’Arabia Saudita sia stata coinvolta nella creazione e nel funzionamento del canale pirata BeoutQ, che ha trasmesso in streaming le partite della Premier League inglese online senza averne il diritto, con grande indignazione di beIN Sports, ovviamente.

Quindi c’è stata molta resistenza quando sono emerse le prime voci sui piani sauditi di rilevare il Newcastle United. In particolare, beIN Sports e le autorità del Qatar, influenzando i soldi che hanno investito nella sponsorizzazione della Premier League e dei diritti televisivi, sono state frustrate. Allo stesso tempo, organizzazioni come Amnesty International hanno protestato contro i diritti umani nel paese, il cattivo atteggiamento delle donne e la repressione dei giornalisti critici e dell’opposizione.

READ  Radio di bordo VT3 | Hamilton chiede delle impostazioni di Verstappen: "Hanno cambiato l'ala?"
Nel 2020, Real Madrid e Atletico Madrid hanno giocato la partita della Supercoppa spagnola a Jeddah, in Arabia Saudita.
Foto di Ali Al-Qarni/EPA

La Premier League in particolare non deve dimenticare che il regime saudita è responsabile dell’omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, ucciso nell’ottobre 2018 nel consolato saudita a Istanbul. Secondo il rapporto della CIA, il principe ereditario Mohammed bin Salman – il capo del fondo di investimento PIF – ha ordinato personalmente l’assassinio. Lo stesso principe ereditario lo ha sempre negato.

Le preoccupazioni etiche svaniscono rapidamente quando uno dei fondi di investimento più ricchi del mondo bussa alla porta della competizione più costosa del mondo, in un paese che non può permettersi di alienarsi l’Arabia Saudita. Una volta che il Qatar e i sauditi hanno risolto la loro battaglia sui diritti televisivi, la Premier League ha cercato e trovato un modo capriccioso per accettare l’accordo. No, secondo le regole, allo stato non era permesso possedere un club di Premier League, ma ciò non ostacolava un’acquisizione da parte del fondo sovrano, secondo il Consiglio della Lega.

mettere sotto pressione

Secondo l’economista sportivo Chadwick, il governo britannico ha esercitato pressioni sulla Premier League affinché accetti l’accordo. Questo pensiero non è strano. mail giornaliera occupazione Financial Times Scrivo che bin Salman ha inviato un messaggio di testo al primo ministro britannico Boris Johnson quando l’accordo era ancora in vigore Sto aspettando stava in piedi. Bin Salman scrisse all’epoca: “Ci aspettiamo che la Premier League riconsideri e corregga le conclusioni sbagliate”. In caso contrario, si potrebbero danneggiare le relazioni diplomatiche tra Gran Bretagna e Arabia Saudita. All’inizio di questa settimana è stato anche annunciato che il governo britannico si rifiuta di rivelare le istruzioni che ha dato alla Premier League in materia.

Ai tifosi del Newcastle United non interessa. Sono scesi in piazza per celebrare la presa del potere da parte dei sauditi, alcuni indossando il velo in stile arabo. Dopo quattordici anni senza grandi investimenti sotto il proprietario Mike Ashley, i fan possono sognare l’arrivo di grandi star, forse già questo inverno.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24