I tassi italiani salgono dopo la decisione della Bce

“Ora tutto sta cambiando per l’Italia”.“Lo spread va alle stelle”.“Pubblica l’avviso”. Solo alcuni titoli sui siti dei giornali italiani di venerdì. Con un senso di dramma, hanno discusso della reazione dei mercati finanziari alla decisione di giovedì sui tassi di interesse da parte della Banca centrale europea.

Lo “spread” è la differenza tra gli interessi che l’Italia paga sui titoli di Stato e gli interessi che la Germania paga su di essi. È un indicatore dello stress finanziario dell’eurozona: maggiore è lo spread, più gli investitori sono nervosi per la sostenibilità del debito sovrano di paesi dell’euro deboli come l’Italia.

La pressione sta aumentando. Lo spread italiano (per i titoli di Stato decennali) era ancora inferiore ai 2 punti percentuali in anticipo rispetto alla riunione della BCE di giovedì pomeriggio. Immediatamente dopo l’incontro, il margine del tasso di interesse è salito a 2,15 punti percentuali, per poi salire a circa 2,25 punti percentuali venerdì pomeriggio.

‘Non è un problema’

Gli investitori stanno rispondendo al messaggio forte che la Banca centrale europea ha lanciato giovedì: combatteremo l’inflazione e, per farlo, i tassi di interesse devono aumentare su un ampio fronte. Tassi di interesse più elevati dovrebbero rendere più onerosi i prestiti, il che ridurrebbe i consumi e alla fine aumenterebbe i prezzi.

La Banca centrale europea non solo vuole aumentare gradualmente i tassi di interesse per le banche, ma smetterà anche di acquistare nuovi titoli di stato questo mese. Attraverso questi acquisti, negli ultimi anni la Banca Centrale Europea ha spinto i tassi di interesse sul debito pubblico, consentendo ai governi europei di indebitarsi molto a buon mercato. Dal 2015, la Banca centrale europea ha acquistato quasi 5.000 miliardi di euro di debito (titoli di Stato e obbligazioni societarie), più di sei volte più grande dell’economia olandese.

READ  Il marchio ha un piano, Van Dyck è un po' nervoso, Wiebes sogna: cosa dicono i favoriti Parigi-Roubaix?

La Banca centrale europea smetterà solo di acquistare ulteriori obbligazioni. Le obbligazioni già acquistate rimarranno per il momento nel bilancio della BCE. E quando scadranno le obbligazioni già acquistate, verranno sostituite per il momento da nuove. Ma il bilancio della BCE non crescerà ulteriormente.

Dopo la riunione della Banca centrale europea, i rendimenti obbligazionari sono aumentati in tutta Europa. Ad esempio, l’interesse sui titoli di stato olandesi è salito dall’1,65% all’1,78%. Ma relativamente parlando, i tassi di interesse italiani (e, in misura minore, spagnoli, portoghesi e greci) sono aumentati ulteriormente. Gli spread sono ancora lontani dal livello della crisi dell’euro: all’epoca erano il doppio.

Carsten Brzeski, economista di ING, non vede finora “nessun problema” per l’Italia. Il debito attuale del paese scadrà solo in una media di sette-otto anni. “Quindi ci vorrà del tempo prima che l’interesse davvero alto venga pagato”, dice Brzeski al telefono.

Leggi anche: Un rialzo dei tassi da parte della Banca centrale europea è un azzardo

paesi deboli

Non tutti all’interno della BCE sono preoccupati per il livello dello spread attuale. È del tutto normale che l’Italia indebitata paghi più interessi della Germania, come spesso si dice. Giovedì la presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde ha promesso di impedire che i rendimenti delle obbligazioni della zona euro divergano troppo. Ciò ostacola la lotta efficace contro l’inflazione nell’eurozona, ha affermato.

Per comprimere gli spread, la Banca Centrale Europea dovrà riacquistare il debito, ma questa volta prendendo di mira l’Italia (o la Spagna o la Grecia) piuttosto che il debito di tutti i paesi dell’euro. Questo può essere fatto, come ha già suggerito la Banca Centrale Europea, scambiando obbligazioni non italiane acquistate durante la pandemia di Corona e scadute con obbligazioni italiane. Se ciò si rivelasse insufficiente per controllare gli spread, la BCE potrebbe utilizzare “nuovi strumenti”, ha affermato Lagarde.

READ  Il capocannoniere Casiera vive in Russia e porta la squadra alla vittoria

Al culmine della crisi dell’euro, nel 2012, la Banca centrale europea aveva già progettato un programma di taglio dei tassi di interesse proprio nei paesi deboli. Il predecessore di Lagarde, Mario Draghi, dichiarò all’epoca che avrebbe fatto “tutto il necessario” per salvare l’euro (“Qualunque cosa tu prenda, qualunque cosa costi

Questo programma non è mai stato attuato: le parole di Draghi da sole sono bastate per calmare le turbolenze del mercato.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24