I tifosi del Newcaste United sognano nuovi inizi

I due amici sono impegnati da giorni con le loro liste dei desideri. Chi meglio di lasciare e quali acquisti può fare il loro club? “Quasi tutti i migliori giocatori internazionali sono sulla nostra lista per venire qui. Ma la cosa più importante ora è chi sarà il nuovo allenatore”, afferma Kenny Lightfoot. “Spero in Antonio Conte”, dice l’amico Dean Goodwin. L’allenatore italiano viene spesso citato come candidato dai media britannici.

Lightfoot e Goodwin dalla faccia rossa bevono birra nel bar della loro squadra di calcio del Newcastle United. Entrambi vivono in Scozia, ma sono venuti a Newcastle upon Tyne dopo la notizia dell’acquisizione per celebrare la loro vittoria durante la notte con i fan del club più ricco della Premier League. lei era a caso Un’idea, dice Dean Goodwin. “Ma è bello essere qui per un po’. È bello avere di nuovo speranza”.

La scorsa settimana, una partnership di tre investitori ha rilevato il loro “Newcastle United”. Il Fondo per gli investimenti pubblici sauditi (PIF) è il partito principale e ottiene l’80% del club. Il restante 20% andrà a due investitori britannici: l’imprenditrice Amanda Staveley e Robin Brothers, proprietari di proprietà a Newcastle. I fan hanno reagito con gioia alla notizia: l’acquisizione ha segnato un nuovo inizio per il Newcastle United – e sulla sua scia per la città.

Leggi anche: I sauditi non vengono a Newcastle solo per il calcio

L’equità è giusta, dice Dean Goodwin: È venuto in campo meno spesso negli ultimi anni perché il club ha fatto così male. Il Newcastle è ora penultimo in Premier League e non ha ancora vinto una partita in questa stagione. “Non è che i giocatori non abbiano fatto del loro meglio, certo che lo hanno fatto. Ma non è divertente essere delusi dopo ogni partita. Per quattordici anni”.

L’uomo che non poteva fare niente di giusto

Quattordici anni, questo non indica da quanto tempo i fan stanno già aspettando il successo. Dura di più: nel 1969 il Newcastle United vinse il suo ultimo premio internazionale e nel 1927 vinse per l’ultima volta la competizione nazionale. Significa l’era del vecchio proprietario Mike Ashley, che è alla guida del club dal 2007. La maggior parte dei fan non ha nulla da dire su di lui.

Ashley è un commerciante al dettaglio miliardario e lo stadio, St James’ Park, è ancora pieno di pubblicità dal suo sito web Sports Direct. Esattamente l’accusa che gli hanno fatto i tifosi: di aver usato il Newcastle come striscione per i suoi affari e di avere poco a che fare con il club stesso. Molte volte hanno chiamato Ashley per andarsene. Oppure prova a boicottarlo, ad esempio non comprando più merce, camicie e sciarpe. Dopotutto, il profitto non andrà al club, ma ad Ashley.

READ  Gelateria Milano ad Amsterdamsestraatweg

E questo mentre il Newcastle United è noto per la sua lealtà incondizionata verso i suoi fan. Cosa c’è dentro? I due uomini alzarono le spalle. Sei nato qui e sei un fan, è così semplice. La città ha solo una grande squadra di calcio, oltre a Londra, Manchester e Liverpool. Kenny Lightfoot: „Nonostante tutto, le partite casalinghe sono ancora completamente esaurite. Non descrivono lo United come un gigante addormentato per niente: grande folla, bella storia, ma non ha funzionato per anni”.

Prima di domenica, quando il Tottenham Hotspur è venuto a visitare la sua prima partita dopo l’acquisizione, i due non erano già stati in grado di ottenere i biglietti. L’attuale allenatore Steve Bruce dovrà probabilmente lasciare il posto a un’altra fase presto, ma può contare su un buon spettacolo domenica durante la sua 1.000esima partita da allenatore.

Obiezioni di base ai proprietari che non rifuggino dagli abusi dei diritti umani, chiunque?

“Da semplice tifoso di calcio, non mi sarei mai aspettato di entrare in una tempesta mediatica sulla geopolitica e sul Medio Oriente”, ha detto Ian Pearson-Brown. lui è Medforzetter Van United con PrideIl fan club LGBT del Newcastle United. A seguito della notizia dell’acquisizione, hanno riscontrato un aumento dei gay onlinecolpire: “Saremo lapidati, questa è la fine della storia delle bandiere arcobaleno nello stadio, cose del genere. Con un nuovo proprietario di un paese dove l’omosessualità è illegale, i tifosi di calcio sembrano sicuri della loro opinione che essere gay è inaccettabile”.

Sono in buoni contatti con il club sull’argomento, afferma Pearson Brown: “Il Newcastle United è uno dei club più avanzati della Premier League in termini di diritti LGBT”. Non ha paura che cambierà con l’acquisizione. Guarda il Manchester City, dice, che è di proprietà di uno sceicco di Abu Dhabi, ma supera i loro vicini Manchester United in termini di interesse gay. “Mentre sono nelle mani degli americani. Gli standard etici e morali del club non dovrebbero corrispondere a quelli dei loro proprietari”. Dice anche che spetta ai governi stabilire regole più severe sulla proprietà, non a loro come fan.

READ  Intervista a Bo Van Langfield, co-fondatore del marchio di scarpe Baudoin & Lange

Ha davvero senso che i fan non si preoccupino molto delle condizioni barbariche in Arabia Saudita, scrive Il giornalista Tom McTague per oceano Atlantico: “Perché dovresti rifiutare i soldi di qualcuno se nessun altro lo ha fatto?” La maggior parte dei 20 club della Premier League sono di proprietà di stranieri. La English Football League è paragonata al settore immobiliare finanziario di Londra, che attira anche denaro da tutto il mondo. E poiché anche l’origine dubbia di questi soldi non importa: “Il Newcastle FC potrà presto competere con il miglior calcio europeo perché sarà molto più ricco. Questo è il capitalismo all’opera”.

Tuttavia, McTague sottolinea anche che tale pensiero capitalista è incompatibile con l’attuale tendenza nazionalista nel Regno Unito. Il primo ministro Boris Johnson ha recentemente respinto con forza l’idea di una Premier League europea in quanto eroderebbe la Premier League. E Johnson dice ancora di voler rendere l’economia più britannica, di migliore qualità e con salari migliori rispetto a quando il Regno Unito faceva ancora parte dell’UE? Questa era deve finire, la fine della storia con Brexit e Boris Johnson. Eppure esiste ancora.” Anche Johnson svolgere il ruolo di mediatore.

I tifosi del Newcastle United festeggiano l’acquisizione saudita del club in abiti arabi.
Foto di Olly Scarf/AFP

Proprio come a Manchester

I tre investitori hanno, ovviamente, promesso di mettere soldi in giocatori, strutture di allenamento e anche al St James’s Park, dove un amico dei tifosi del bar porta un cacciavite alle partite per sistemare il suo posto. Dove gli ospiti siedono in casse di cielo su sedie di pelle con stemmi di club stagionati e balaustre disseminate di macchie arrugginite. Dove la convinzione comune è che Mike Ashley abbia trascurato le cose.

Oltre al club, anche i residenti di Newcastle ne beneficeranno, come promesso da tutti e tre. Quel tempo non si è fermato qui dalla Rivoluzione industriale, i giorni di gloria del 19° secolo, quando l’acciaio e il carbone portarono al boom di Newcastle. Intorno a St. James’s Park, situato nel cuore del centro, vecchi pub e caffè alla moda si alternano al caffè latte alla zucca. Nuovi eleganti complessi di appartamenti in costruzione, cartelloni che indicano il locale: “Vivere, lavorare e rilassarsi all’ombra di un nido uccello gazza. ”

READ  "La migrazione economica è reale. Dobbiamo stabilire le regole per questo.

È facile fare un confronto con il Manchester City. Lì, gli Emirati hanno messo milioni nei quartieri intorno al loro stadio e hanno avviato una partnership con il comune per costruire nuove case. Ha dato a migliaia di residenti di Manchester più posti di lavoro e case di lusso. a Newcastle, Fratelli Robin Prevede di fare lo stesso, con ulteriori finanziamenti indubbiamente dall’Arabia Saudita. Due imprenditori immobiliari, che ora possiede il 10 per cento del club, ha un centro commerciale nel centro e diversi importanti progetti di uffici, hotel e appartamenti.

Separare: La storia di successo a Manchester ha un bordo grigio. Gli affitti continuano ad aumentare a causa delle nuove costruzioni, mentre non sono state aggiunte case a prezzi accessibili. Non è incluso nello schema per gli investitori in Medio Oriente. Di conseguenza, la disuguaglianza sociale non è diminuita e la popolazione più povera non beneficia del progresso economico.

Esattamente come questo strato inferiore Si trova anche a Newcastle. prendi una baraccopoli, panettiere – Qui non troverai annunci immobiliari moderni. Qui, la volontaria Hannah Stapley serve una cena gratuita di tre portate la sera, composta da ciò che hanno ricevuto dalle donazioni di questa settimana: zuppa di riso con carote e torta di mele calda. Una varietà di persone al tavolo, una madre con la figlia del Guatemala in giacche pesanti, un uomo muscoloso con una camicia rosa, un gruppo di anziani che chiaramente si conoscono bene.

Hannah Stapley dice che non fanno domande, tutti sono invitati a mangiare un piatto. Ma trarranno davvero beneficio dall’arrivo dei sauditi? Lei ne dubita: “Vedremo. Ma qui il problema è molto basilare. Il costo della vita quotidiana è troppo alto per chi viene qui. So che alcuni devono dormire in ostello”. E non spetterà a una società di calcio, quanto piuttosto il governo dovrà fare qualcosa al riguardo: “Ma il comune stesso si lamenta che hanno pochi soldi”.

Tuttavia, a Byker sognavano ancora di vincere titoli di calcio e titoli internazionali. Rachel Hoppen seduta a un tavolo, è nata e cresciuta Gordy Ed è un po’ difficile da capire perché ha perso alcuni denti nel corso degli anni. ma lei eraoltre la LunaTramite notizie di acquisizione. “Finalmente ci siamo sbarazzati di Mike Ashley. E il nuovo proprietario ha davvero un sacco di soldi, giusto? Spero che smettano tutto quello che possiamo”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24