Il 30% delle specie arboree in tutto il mondo è a rischio di estinzione

Circa il 30% delle specie arboree in tutto il mondo è minacciato di estinzione. Lo afferma il rapporto pubblicato mercoledì dall’International Botanic Gardens Organization Bgci. Le principali cause del declino sono l’agricoltura e la deforestazione. Anche l’urbanizzazione, il cambiamento climatico, gli incendi boschivi e le alienazioni invasive giocano un ruolo.

Ci sono 58.497 specie di alberi in tutto il mondo, secondo il rapporto, anche se nuove specie vengono ancora scoperte regolarmente, specialmente ai tropici. Come gli animali, c’è una lista rossa per gli alberi. Le specie rare che sono in pericolo di estinzione ottengono quindi lo status di “minacciata”. Secondo il rapporto, 17.510 specie rientrano in questa categoria. Un calo degli stock di alberi è una cattiva notizia per l’intera Terra, perché gli alberi non sono necessari solo per altre specie, ma anche, ad esempio, per il controllo dell’erosione e la regolazione del clima.

Brasile

Il Brasile è leader mondiale nella diversità degli alberi, ma anche nelle specie arboree in via di estinzione: su 8.847 specie diverse, 1.788 sono in pericolo. La situazione è allarmante anche sulle isole tropicali come il Madagascar. Più della metà delle 3.129 specie di alberi sono minacciate di estinzione. “Questo perché ci sono molte specie endemiche che crescono sull’isola: alberi che sono specifici di un luogo”, afferma il biologo Xander van der Burgt, che lavora ai Kew Gardens di Londra come esperto di alberi africani. Altrove in Africa, ci sono meno alberi endemici, ma la specie è minacciata dall’intensificazione dell’agricoltura, dall’urbanizzazione e dall’estrazione mineraria, tra gli altri. “E di alcune specie ci sono pochissimi esemplari. Nel 2018, il biologo dell’Università di Wageningen Frans Breitler ha scoperto una nuova specie di albero in Gambia, l’unico nel suo genere. Se viene tagliato, lo perderai”.

Le principali cause del declino sono l’agricoltura e la deforestazione

Da Kew Gardens, importanti aree di piante tropicali sono state designate per la protezione degli alberi in consultazione con le autorità locali. In Guinea, ad esempio, stiamo lavorando per creare una serie di parchi nazionali. Andrà a beneficio degli alberi”.

READ  I pescatori belgi conquistano il mondo intero e vincono un doppio... (Wommelgem)

La situazione in Olanda non è urgente

Secondo il rapporto, la situazione nei Paesi Bassi non è grave: delle 44 specie elencate, nessuna è in pericolo. Tuttavia, questo non significa che non ci sia nulla di sbagliato, assicura l’ecologo Bas Lerink della Wageningen University & Research. “Abbiamo specie rare, come le mele selvatiche”.

Inoltre, le specie aliene invasive hanno recentemente causato il declino di alcune specie. Una specie di coleottero che ha gravemente colpito l’abete rosso negli ultimi anni. Questa non è una specie arborea in via di estinzione, ma i numeri sono diminuiti drasticamente. Anche l’olmo deve tollerare molto, a causa del falso acaro del frassino, un tipo di fungo asiatico”.

Il cambiamento climatico renderà più facile in futuro l’insediamento di alcune specie invasive nei Paesi Bassi. Il riscaldamento stesso potrebbe anche influenzare le future popolazioni di alberi, ad esempio perché alcune specie sono meno tolleranti alla siccità. Ecco perché gli scienziati olandesi stanno conducendo esperimenti sulle “foreste climatiche”, dove vengono coltivate specie resistenti al calore e alla siccità.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24