Il Belgio è campione d’Europa… Contraccezione

Il Belgio è il campione europeo nel campo della contraccezione. Dobbiamo questo titolo al fatto che dal 1 aprile 2020 tutti i contraccettivi per le donne sotto i 25 anni sono gratuiti nel nostro Paese. La pillola d’emergenza, la pillola del giorno dopo, è gratuita per tutte le età e disponibile senza prescrizione medica. Questa soglia bassa ha attratto i membri dell’Atlante della politica contraccettiva europea, pubblicato annualmente. Nel 2020 il sistema Atlas ha dichiarato il nostro Paese “Campione Atlas”. L’Atlante ha assegnato al Belgio il punteggio più alto…

Il Belgio è il campione europeo nel campo della contraccezione. Dobbiamo questo titolo al fatto che dal 1 aprile 2020 tutti i contraccettivi per le donne sotto i 25 anni sono gratuiti nel nostro Paese. La pillola d’emergenza, la pillola del giorno dopo, è gratuita per tutte le età e disponibile senza prescrizione medica. Questa soglia bassa ha attratto i membri dell’Atlante della politica contraccettiva europea, pubblicato annualmente. Nel 2020 . è stato chiamato atlante Il nostro paese “Campione dell’Atlante”. Atlas Belgio ha assegnato il punteggio più alto tra tutti i paesi europei. In altre parole, tra tutti i paesi europei, il Belgio ha ottenuto il contraccettivo più meritato nel 2020.

Nand Peters

I medici belgi hanno sempre avuto un atteggiamento liberale nei confronti dei contraccettivi. Probabilmente perché il luogo di nascita della pillola anticoncezionale era a Kempen. Il fiammingo Kempen era un ginecologo Ferdinando Peters (1918-1998) che può essere considerato l’antenato della pillola contraccettiva. Ho letto su Wikipedia che Nand Peters era un uomo socialmente attento che ha incontrato gravidanze indesiderate nella sua pratica. Non è raro che queste famiglie finiscano in povertà. Per porre fine a questi abusi, il dottor Peters è andato alla ricerca di un modo in cui le donne potessero regolare la propria fertilità.

biologo americano Gregory Pincus (1903-1967) La pillola contraccettiva Enovid, commercializzata nel 1957, ebbe molti effetti collaterali. Nausea, vomito, dolore al seno e gonfiore, questi erano i risultati delle dosi molto elevate di ormoni femminili (estrogeno/progestinico) in Inovid. Quindi le pillole Pincus erano consentite solo come trattamento per periodi dolorosi. Perché periodi dolorosi? Ecco come funziona: la pillola impedisce l’ovulazione, rendendo impossibile la fecondazione. I periodi di dolore sono più frequenti nelle donne che stanno ovulando, quindi l’effetto delle pillole anticoncezionali è benefico sul dolore mestruale.

READ  Sarah è libera dalla sclerosi multipla attiva dopo l'intervento a Mosca e sta curando altri qui

Nel tranquillo Kempen Hotel

Nel 1959, il dottor Peters iniziò a lavorare sulla sua “pillola anticoncezionale” dal suo laboratorio al St. Elizabeth’s Hospital di Turnhout. Gli era stato offerto dalla società farmaceutica tedesca Schering AG di Berlino un preparato ormonale. Ha testato questo per sei mesi su cinquanta donne di Kempen.Avere più figli era un rischio significativo per la salute. Dopo molte prove per ottenere quello giusto – meno della metà! – Per trovare una dose di progesterone ed estrogeno, Peters presentò le sue scoperte a Schering nel 1960. I risultati furono sorprendenti. Nessuna donna è rimasta incinta e non ci sono stati effetti collaterali.

Dopo che le pillole di Peters furono ritenute sicure ed efficaci negli Stati Uniti, in Giappone e nel Regno Unito, Schering introdusse Anovlar sul mercato belga il 1 gennaio 1961. Pincus riconobbe tacitamente la superiorità delle pillole di Peters dimezzando la dose di ormoni. in Inovid nel luglio 1961. Alla fine, fu Pincus a prendersi questo merito e passò alla storia in tutto il mondo come l’inventore della pillola anticoncezionale. Temendo che la chiesa lo rubasse, l’umile e cattolico Peters non pubblicizzò la sua invenzione. Inoltre, la ricerca pionieristica di un “medico di campagna” suscitò molto disprezzo tra i professori gelosi della KU Leuven, dove era attivo anche Peters.

Il Papa e la pillola anticoncezionale

Nel 1963, in una prova con Papa Giovanni XXIII (1881-1963), Peters difese la sua invenzione. Lo ha descritto come “un mezzo per regolare il ciclo di fertilità di una donna che ha reso l’astinenza periodica molto più efficace”. Molto intelligente da parte del Dr. Peters nel collegare le pillole anticoncezionali all’astinenza periodica. Questa è l’unica forma di contraccezione consentita dalla Chiesa cattolica romana.

La contraccezione è stata discussa tra i cattolici durante il Concilio Vaticano II (1962-1965). Raggiungere una “fertilità dignitosa e responsabile”, secondo i Padri sinodali, era una questione tra i coniugi e Dio. Questo compromesso è stato erroneamente interpretato come una tolleranza implicita alla pillola. Nel 1968, Papa Paolo VI (1897-1978), nell’Enciclica Humanae Vitae, ha sottolineato il divieto di forme artificiali di contraccezione. La pillola non poteva.

READ  Molte meno diagnosi di epatite - e questa non è una buona notizia

I ginecologi belgi e i loro pazienti non si curavano molto delle opinioni del Papa. Ciò non toglie che ci sia stato comunque un confratello che per motivi etici si è rifiutato di prescrivere la pillola. La pillola aveva un brillante futuro davanti a sé. Da quando la pillola anticoncezionale è stata introdotta sul mercato nel 1961, la sua popolarità è cresciuta costantemente. Con oltre il 50% della quota di mercato, le pillole anticoncezionali sono da sempre il metodo contraccettivo più diffuso nel nostro Paese. Hai dato un enorme contributo alla liberazione delle donne.

La pillola contraccettiva riduce significativamente la paura di una gravidanza indesiderata e permette a una donna di studiare prima e poi di pianificare la sua famiglia. Nel 2007, i lettori del prestigioso British Medical Journal hanno votato “The Pill” come uno dei 15 risultati medici più importanti degli ultimi 150 anni. Acqua pulita, vaccini, antibiotici e anestesia erano altri risultati indispensabili.

Fatica da pillola

Perché la pillola è stata ampiamente presa per mezzo secolo… Milioni di donne europee Prendi una pillola quotidiana, forse una delle droghe più conosciute in assoluto. Negli ultimi anni ho notato “stanchezza da pillola”, soprattutto tra le giovani donne molto istruite. Alcune donne sono stanche degli effetti collaterali delle pillole. È vero che le pillole anticoncezionali non sono immuni agli effetti collaterali. In circa 1 utente su dieci, il desiderio sessuale diminuisce. Ma anche in 1 su 10 il desiderio sessuale aumenta perché diminuisce la paura della gravidanza. 1 su 10 si lamenta di sentirsi depresso mentre prende la pillola. Quest’ultimo compare principalmente nelle giovani donne che assumono la pillola per la prima volta. Alcune donne mi hanno detto che le pillole anticoncezionali le rendono lunatiche.

L’effetto collaterale di gran lunga più temuto dell’assunzione della pillola è il rischio di sviluppare coaguli di sangue. Di recente giornali e riviste, alimentati dal rischio trombosi gestito da giovani donne che hanno ricevuto il vaccino Astra/Zenica, sono venuti a conoscenza del rischio trombosi da pillola anticoncezionale. Tuttavia, questi dati sono noti da anni. Una donna che non assume pillole anticoncezionali ha un rischio doppio di sviluppare un coagulo di sangue ogni 10.000 donne all’anno.

READ  Il rover cinese su Marte condivide nuove immagini dal pianeta rosso - IT Pro - Notizie

Le pillole più vecchie, Microgynon 30, aumentano il rischio di trombosi a 5-7 casi ogni diecimila donne all’anno. Con l’ultima pillola, tipo Jasmine, il rischio è di 9-12 casi ogni diecimila all’anno. In generale, questo è un piccolo rischio. Ma poiché molte donne prendono pillole anticoncezionali, ogni ginecologo incontrerà una condizione durante la sua carriera.

IUD

Il mio atteggiamento nei confronti delle pillole anticoncezionali è semplice: prima verifico se ci sono controindicazioni alla pillola. Ovviamente non prescrivo pillole anticoncezionali a donne con una storia di coaguli di sangue o cancro al seno. Comincio sempre a descrivere le vecchie pillole. È il più economico e il meno pericoloso sviluppare un coagulo di sangue. Se la paziente non tollera la pillola o se pensa che il rischio di sviluppare un coagulo di sangue sia troppo alto, passo a un’altra forma di contraccezione.

La bobina, sia di rame che quella ormonale, è un’ottima alternativa. Gli IUD stanno diventando sempre più popolari a scapito delle pillole anticoncezionali. Secondo Sensoa, nel 2018, l’83% delle donne di età compresa tra 15 e 49 anni ha utilizzato una qualche forma di contraccezione. La pillola contraccettiva è ancora la più popolare, ma la sua quota si riduce del 48% a meno della metà. Lo IUD è in aumento del 21%. Tutte le altre forme di contraccezione sono inferiori al 5%.

Torniamo all’inizio. Siamo campioni europei nella contraccezione non perché disponiamo di un’ampia gamma di contraccettivi, ma soprattutto perché la contraccezione è alla portata di tutti. Le conseguenze di una buona politica contraccettiva sono la prevenzione delle gravidanze indesiderate e la restrizione delle madri adolescenti. Maggiori informazioni su questo la prossima volta.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24