Il buco nero nel cuore della nostra galassia sta “perdendo”

Gli astronomi hanno trovato prove indirette della comparsa di un “mini-jet” dal buco nero. Con questo, si stanno accumulando prove che il buco nero è regolarmente attivo.

Nel cuore della nostra galassia troviamo un enorme buco nero che pesa quattro milioni di volte la massa del nostro sole. Per molto tempo si è creduto che questo buco nero fosse un gigante addormentato. Ma i ricercatori hanno ora scoperto una perdita dannosa, confermando che il buco nero potrebbe ancora svegliarsi di tanto in tanto per uno spuntino a tarda notte.

Lek
Utilizzando il telescopio spaziale Hubble, i ricercatori hanno trovato prove di un “mini-jet” – un flusso di materia – che emerge dal buco nero. Ciò significa che il buco nero nel cuore della nostra galassia sta in qualche modo “perdendo”. Questo raggio non è stato ripreso direttamente, ma prove indirette forniscono prove sufficienti per confermare la sua esistenza. Ciò che il telescopio spaziale è riuscito a catturare era una nube luminosa di gas a circa 15 anni luce di distanza, presumibilmente colpita da un piccolo getto invisibile. Ciò indica che l’aereo sta correndo debolmente verso un’enorme nuvola di idrogeno ed esplodendo lì, simile all’acqua proveniente da un tubo da giardino diretto verso un mucchio di sabbia.

Un mostro addormentato… o no?
Secondo i ricercatori, questa scoperta raccoglie prove che il buco nero non è un mostro addormentato. Forse si sveglia ogni tanto per mangiare una stella minacciosa o una nuvola di gas che cade in lui inaspettatamente. Ogni volta che un buco nero ingoia qualcosa di pesante, come una nuvola di gas, rilascia piccoli getti; Le particelle volano quasi alla velocità della luce.

Foto: NASA, Agenzia spaziale europea, Gerald Cecil (UNC-Chapel Hill), Joseph DePasquale (STScI)

I minuscoli getti sono creati accumulando materia attratta da buchi neri in un disco di accrescimento rotante. Parte di questo materiale viene quindi scansionato dai forti campi magnetici del buco nero e rispedito nello spazio. Questi getti stretti sono accompagnati da un torrente di micidiali radiazioni ionizzanti.

READ  I bambini con un background migratorio hanno meno probabilità di essere vaccinati contro l'HPV e le malattie da meningococco

seconda versione
A proposito, questa non è la prima volta che i ricercatori incontrano un getto proveniente da un buco nero. Nel 2013, hanno anche trovato prove di un aereo a reazione che emergeva dall’angolo sud. Quindi il team di ricerca era curioso di vedere se esistesse anche un raggio nord opposto. Questo sembra essere davvero il caso. Ciò è evidenziato non solo dalle straordinarie caratteristiche di una nube di gas luminosa a circa 15 anni luce di distanza, ma anche da una bolla gonfia e luminosa di gas caldo a 35 anni luce dal buco nero. I ricercatori ritengono che il getto del buco nero sia penetrato in questo gas e abbia “soffiato” la bolla.

Più luminoso
I ricercatori hanno quindi realizzato diversi modelli al computer che simulano le osservazioni per studiare il deflusso dei getti nel disco simulato della Via Lattea. Perché quale potrebbe essere stato il risultato? La loro scoperta: “Il nostro buco nero centrale è diventato almeno un milione di volte più luminoso negli ultimi milioni di anni”, ha detto il ricercatore Alex Wagner.

studiando Conferma che il buco nero nel cuore della nostra Via Lattea è ancora regolarmente attivo. La più grande eruzione vulcanica si è verificata circa due milioni di anni fa. Erano così potenti da formare un’enorme coppia di bolle che torreggiavano sulla nostra galassia e brillavano ancora di raggi gamma. Queste bolle erano chiamate bolle di Fermi Scoperto nel 2010 e trovato su entrambi i lati del cuore della Via Lattea. Se il microaereo appena scoperto sopravvive per centinaia di migliaia di anni, potrebbero arrivare anche queste bolle di Fermi.

READ  Black Friday in borsa: il nuovo virus delle variabili sta scuotendo i mercati

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24