Il canale televisivo Majnoun differenzia tra Turchia e Turchi

La maggior parte degli abitanti di Istanbul si oppone e i gruppi di protesta spesso esprimono insoddisfazione nei suoi confronti. Ma il presidente turco Erdogan non ha lasciato dubbi la scorsa settimana: “Che ti piaccia o no, il Canale di Istanbul verrà. Verrà”.

Erdogan gliel’ha regalato sabato Sparo di pistola Pistol Per costruire l’enorme corso d’acqua che collegherà il Mar Nero al Mar di Marmara. Il canale sarà ad ovest di Istanbul e sarà lungo 45 chilometri, sei nuovi ponti, porti turistici di lusso e aree residenziali ultramoderne sulle rive.

Dovrebbe essere pronto in sei anni, ma non è stato scavato un centimetro. Al momento, i piani ambiziosi sono solo nell’animazione appariscente.

Il mega canale sarà probabilmente il più grande progetto infrastrutturale mai realizzato dalla Turchia. Erdogan una volta lo definì il suo “progetto pazzo”. Ma soprattutto è un progetto enorme che divide i turchi.

I 1.500 residenti di Sazilybosna hanno dovuto leggere sul giornale che il loro villaggio faceva parte del progetto del canale. “Parlano del canale, ma nessuno sa niente e nessuno ci dice niente”, dice il paesano Birol. “Noi abitanti del villaggio non vogliamo questo canale. La gente perde il posto. Cosa succede alle nostre case quando iniziano a confiscarle?”

‘Soor Dubai’

Il capo del villaggio Oktay Teke, membro fedele del Partito per la giustizia e lo sviluppo di Erdogan, vede delle opportunità. Questo non è sorprendente, perché è anche l’agente immobiliare del villaggio. Da quando è stato annunciato il percorso del canale, gli speculatori hanno aumentato i prezzi dei terreni lì. “Come parte del progetto del canale, qui verrà costruita la città più lussuosa. Sarà come Dubai e il Qatar. Tutte le case saranno di tre, quattro, cinque piani sopra il piano terra. E ci sarà molto spazio verde .”

READ  I resti dell'edificio crollato della Florida sono esplosi a causa dell'avvicinarsi della tempesta

Tiki riconosce che le informazioni che ricevono sono scarse. “Non abbiamo sentito nulla dalla parte ufficiale. Ma secondo la stampa, nessuno è stato ferito. Stiamo aspettando”, ha aggiunto.

Secondo i gruppi ambientalisti e gli urbanisti, ci sono già grandi gruppi di vittime. Dicono che il progetto sia un disastro per la natura e la qualità della vita a Istanbul. Il canale attraverserà riserve naturali e chilometri di terreni agricoli e chiuderà due grandi laghi che forniscono acqua potabile a milioni di persone.

L’opposizione più accanita viene da Ekrem Imamoglu, l’avversario politico di Erdogan, sindaco di Istanbul. Kanal Istanbul dovrebbe evacuare l’affollato stretto del Bosforo, attraverso il quale passano già 43.000 navi all’anno, mentre la capacità di sicurezza è di 25.000. Imamoglu trova un corso d’acqua artificiale e tutti gli edifici aggiuntivi non sono più necessari. “Istanbul non ha bisogno di più cemento e urbanizzazione. Istanbul vuole essere una città sana”.

Istanbul si trova sulla faglia dell’Anatolia settentrionale, una linea di faglia dove in passato si sono verificati grandi terremoti. Imamoglu teme che il canale di cemento sulle sue sponde sia altamente vulnerabile a un forte terremoto. “Lo dico perché penso anche al futuro di Erdogan. Perché anche lui è uno dei 16 milioni di cittadini di questa città”.

Ma Erdogan non pensa di fermarsi. Per lui il canale, antico sogno di molti sovrani turchi, è un progetto di prestigio. Secondo il governo, tutte le critiche mirano solo a sabotare il successo di Erdogan.

“Tutti i principali progetti del nostro governo in passato sono stati criticati, come il nuovo aeroporto di Istanbul”, ha affermato Mustafa Ilkali, professore di trasporti e membro dell’AKP. “Va spiegato nel modo giusto: che il progetto è di grande beneficio per i cittadini che amano il proprio Paese”.

READ  La variabile indiana minaccia di ritardare la facilitazione della lingua inglese | all'estero

Non ci sono soldi

Ma prima che inizi davvero la costruzione, sono necessari più fondi. Le banche sono riluttanti a finanziare a causa di tutte le critiche. La Cina è stata menzionata come investitore, ma nulla è ancora ufficiale.

A Sasilibosna una cosa è certa: i residenti non avranno voce in capitolo nel progetto. “Le persone qui sono sotto pressione e non osano parlare”, dice Birol. “Hanno paura che succeda loro qualcosa. Non c’è altra spiegazione.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24