Il circo di Mourinho corre a tutto gas a Roma: ‘Lui vede tutta la partita’ | proprio adesso

Con l’AS Roma, il Feyenoord incontrerà anche l’allenatore più famoso del mondo: Jose Mourinho nella finale di Conference League. Nonostante il portoghese aspetti un premio da cinque anni, rimane eccentrico come sempre, e anche con la Roma. “Si sente più grande del club e poi iniziano tutti i suoi meccanici”.

La stagione in corso della Roma presenta Mourinho in tutte le sue forme: borbotta di avere una “squadra bassa”, applaude per minuti in area con tifosi fanatici, rifiuta di rispondere alle domande dei giornalisti dopo la sconfitta, scoppia in lacrime dopo essere arrivato in conferenza. Finali di campionato e litigi regolari con gli arbitri, che brucia senza pietà sulla stampa.

Il punto più basso è il segnale telefonico di Mourinho all’arbitro Luca Barreto a febbraio nella partita di campionato contro l’Hellas Verona (2-2). Si riferisce al padre di Barreto, coinvolto nello scandalo delle partite truccate nel 2006. Sta affrontando una squalifica per due partite.

Il circo di Mourinho va a gonfie vele anche a Roma, dove a sorpresa si è stabilito la scorsa estate. Ma il suo status di vincitore del premio sta lentamente declinando: l’Europa League con il Manchester United nel 2017 è l’ultimo riconoscimento per l’ex allenatore di successo di Porto, Chelsea, Real Madrid e Inter.

“Non attira l’immaginazione da alcuni anni ormai. Nei suoi ex club Manchester United e Tottenham Hotspur, non offre più il livello a cui siamo abituati”, ha affermato Emil Schilves, commentatore di Ziggo Sport ed esperto del settore. Sport Calcio italiano.

“Ma ora si sente più grande del club. Vede per tutto il gioco: è molto intelligente. Ha allenato centinaia di volte club più grandi di Mourinho di sempre, ma altri club si arrendono a lui. Dan colpisce”. pelle di giocatori, membri del consiglio e dei mezzi media e tutto il circo inizia”.

Uno psicologo popolare tra i giocatori

Sebbene Mourinho non sia indiscusso nel mondo del calcio, i giocatori fuggono insieme all’allenatore portoghese, che è entrato nell’apice del calcio negli anni ’90 come traduttore di Sir Bobby Robson. Dà loro tutta la libertà, purché si esibiscano sul campo.

Wesley Sneijder dice nella sua biografia che i giocatori dell’Inter potevano persino fumare e bere. “Poi gli è passato accanto e lei ti ha picchiettato forte sulla guancia.” Cammina due volte, poi torna a casa e mettiti al lavoro decentemente domani! “Ti ho preso allora.”

Mourinho manda regolarmente in vacanza anche i suoi giocatori. Inoltre, è a bordo non seduto davanti con i membri del consiglio, come fanno di solito gli allenatori, ma dietro con i giocatori. Si è rivelata una ricetta per il successo: nel 2010 ha vinto la Champions League, il campionato e la Coppa con l’Inter. In questo modo ha ottenuto anche un successo senza precedenti per Porto e Chelsea.

Secondo Shelves, Mourinho è l’allenatore di maggior successo che usa la psicologia. Nella biografia di Kees Jansma, Sneijder cita come esempio un dittico con l’FC Barcelona irraggiungibile in semifinale di Champions League. “Siamo rimasti molto colpiti da questa squadra. Abbiamo vinto in casa (2-1) e fuori (0-1) dal Chelsea nei quarti di finale, ma il Barcellona?

“Mourinho lo sentiva. All’inizio del suo incontro eravamo ancora tutti un po’ stagnanti. Ma è uscito con tutto, con le immagini, le analisi, con la forza del voto. Si trattava solo dei punti deboli del Barcellona, ​​dei punti deboli del trasferimento, quel genere di cose. Spin. La sua storia riguarda in realtà la nostra fiducia e ci siamo seduti più e più volte. Ci siamo detti l’un l’altro nelle stanze che avremmo vinto”.

La Roma ama Mourinho

Mourinho è stato nominato alla Roma l’estate scorsa con grande clamore: chi oltre a ‘The Special One’ potrebbe offrire qualcosa ai milioni di appassionati romanisti? Dopotutto, il titolo nazionale del 2001 è l’ultimo premio “Gellorous”.

Ma il risultato della prima stagione è piuttosto scarso: la Roma conquista il sesto posto in Serie A, che fa bene al campionato europeo di calcio. Questo mentre l’obiettivo era la qualificazione alla Champions League, Mourinho ha potuto investire nella selezione oltre 100 milioni di euro. In conference league, la Roma ha affrontato due volte l’FK Bodø/Glimt, inclusa l’umiliante sconfitta per 6-1 in Norvegia.

Nonostante la scarsa prestazione, Mourinho non è stato sotto pressione per un momento. “Quando perde, i tifosi gli stanno sempre dietro”, ha detto il tifoso della Roma Massimo Cecchini al quotidiano sportivo italiano La Gazzetta dello Sport. “Pensano che sia impossibile vincere qualcosa anche se Mourinho non può. Lo adorano”.

Ma Shelves vede Mourinho regredire sempre di più, essendo stato precedentemente espulso dal Manchester United e dal Tottenham Hotspur. “La scorsa stagione ho iniziato a chiedermi se fosse ancora il grande Mourinho e non una caricatura di se stesso. Combatte costantemente con l’arbitro. Non è mai noioso, ha sempre una storia. Ma devi anche vedere che la Roma fallisce ogni volta in momenti importanti”.

Secondo Shelves, il campionato di conference è quindi una “manda dal cielo” per Mourinho e Roma, che non hanno mai vinto il Gran Premio d’Europa. “Ha trasformato la finale contro il Feyenoord in un punto di riferimento nella storia della Roma in modo da poter dare ai romani ciò che desideravano. Soprattutto, ce l’avrebbe fatta”.

READ  Il Natale è stato cancellato in Europa?

25 Premi José Mourinho

  • Scudetti (8 volte): 2003, 2004 (con l’FC Porto), 2005, 2006 (con il Chelsea), 2009, 2010 (con l’Inter), 2012 (con il Real Madrid), 2015 (con il Chelsea)
  • Champions League (2 volte): 2004 (con l’FC Porto), 2010 (con l’Inter).
  • Coppa UEFA/European League (due volte): 2003 (con il Porto), 2017 (con il Manchester United)
  • Cup Championship (8 volte): 2003 (con l’FC Porto), 2005, 2007 (FA Cup e League Cup con il Chelsea), 2010 (con l’Inter), 2011 (con il Real Madrid), 2015 (con il Chelsea), 2017 (con il Manchester ) Uniti)
  • Supercoppa Nazionale (5 volte): 2003 (con l’FC Porto), 2005 (con il Chelsea), 2009 (con l’Inter), 2012 (con il Real Madrid), 2016 (con il Manchester United)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24