Il coltivatore di pomodori italiano continua a crescere in inverno per trattenere il personale

I maggiori costi energetici e delle materie prime, combinati con lo sviluppo di ToBRV in diverse regioni di coltivazione, portano a un forte calo della resa del pomodoro in Europa.

“Nonostante i problemi attuali, bisogna prima tener conto dell’aumento dei costi di tutte le materie prime. Dopo un’attenta valutazione, abbiamo deciso di continuare a seminare durante il ciclo invernale, con l’obiettivo di fornire lavoro ai nostri dipendenti anche questo inverno come un partner affidabile per la fornitura di colture”, afferma il direttore commerciale Alessio Orlandi di Fri-El Greenhouse, un prestigioso progetto di giardinaggio in serra in Italia che le parti olandesi hanno contribuito a costruire.

Alessio Orlando

Ma quali problemi economici stanno emergendo in tutta Europa? Per quanto riguarda le materie prime, i prezzi del gas e dell’energia elettrica sono in costante aumento, cosa particolarmente sfavorevole nel periodo invernale, a causa della necessità di illuminazione e riscaldamento. Allo stesso tempo, aumentano anche i costi di logistica e imballaggio. Infine, ci sono anche le tasse CO2 ETS per le serre tecnologiche con cogenerazione e l’uso del gas per il riscaldamento.

Un esperto in questo campo ha notato che la presenza di ToBRV nella coltivazione del pomodoro nel ciclo invernale è stata notevolmente ridotta. I dati incrociati di aziende sementiere e vivai stimano una riduzione conservativa del 50% delle piantine ordinate. In Spagna, la coltivazione del pomodoro è sempre più orientata verso pomodori premium più piccoli, mentre si stima che la superficie sia diminuita di oltre il 30%.

“Nei Paesi Bassi la situazione è diventata ancora più grave a causa dell’enorme aumento dei costi energetici per il riscaldamento e l’illuminazione delle serre, a seguito del quale molti agricoltori hanno deciso di non aumentare il ciclo invernale, licenziando il personale e liberandosi delle piantine Ho già ordinato”.

READ  Improvvisamente, Cuba è diventata in cima alle liste del corona e i medici hanno lanciato l'allarme per la carenza

Orlandi conclude che “la combinazione di queste ragioni porterà a una situazione in cui si prevede che la domanda superi l’offerta”.

per maggiori informazioni:
Alessio Orlando
H2ORTO
Via delle Serre 1
44020 Ostelato (Ferrara) – Italia
+39 0533 57411
[email protected]
www.h2orto.it

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24