Il Comitato per i diritti umani del Cremlino critica la mobilitazione dei riservisti | Attualmente

Il capo della commissione per i diritti umani del Cremlino, Valery Fadeev, ha criticato la mobilitazione dei riservisti per combattere in Ucraina. Il presidente russo Vladimir Putin ha emesso l’ordine questa settimana.

Fadeev ha chiesto al ministro della Difesa russo Sergei Shoigu di porre fine al modo rigoroso in cui operano molte delle agenzie di reclutamento del paese. Anche uomini senza esperienza nella lotta armata ricevettero l’ordine di svolgere il servizio militare.

Per mobilitarsi sono necessarie circa 300.000 persone. Durante la procedura, tutto va storto. Il leader della Repubblica siberiana di Yakutia, Isin Nikolaev, ha ammesso gli errori. “I riservisti sono stati chiamati per errore. Dovrebbero essere riportati indietro. Il lavoro è già in corso”, ha detto.

Ci sono anche rapporti sui social media in Russia su persone senza precedenti militari che vengono comunque richiamate. Lo stesso vale per gli ufficiali di riserva anziani o malati cronici. In precedenza era stata annunciata la possibilità di reclutare soldati fino all’età di 35 anni.

Vuole sempre premiare i riservisti

Resta da vedere se l’invito di Fadeev cambierà qualcosa. Alla Duma di Stato, il parlamento russo, la mobilitazione di 300mila riservisti sembra essere in cima all’agenda. Ad esempio, sabato è stato introdotto un disegno di legge per dare ai soldati che si arruolano nell’esercito russo un bonus una tantum.

L’agenzia di stampa statale russa ha riferito che la ricompensa ammonterebbe a 300.000 rubli (circa 5.450 euro). RIA Novosti un favore.

READ  I resti dell'edificio crollato della Florida sono esplosi a causa dell'avvicinarsi della tempesta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24