Il fascista di oggi non indossa una camicia nera

La parola F è ancora fondamentalmente un’imprecazione. Un modo retorico per rimproverare o mettere a tacere autorità o oppositori ideologici.

Ma cos’è il fascismo? I filosofi che vedevano solo il nichilismo furono superati da generazioni di storici che presero sul serio il fascismo come movimento rivoluzionario di massa. In Elementary Particles (Athenaeum), una serie di brevi introduzioni su argomenti di esperti, lo storico di Amsterdam Daniel Kneijt ha scritto un commento esplicito particella cronologica e oggettiva Sopra.

Perché un libro così breve su un argomento così grande?

“Beh, non più grande di ‘Terra’, di cui è rimasta anche una particella. Ero contento che ci fosse già una parte sul Terzo Reich, e non mi andava di parlare di Hitler e Mussolini diecimila volte. Volevo per essere più astratti sul fascismo come fenomeno internazionale che si è manifestato in tutta Europa – e oltre. Non di nuovo per l’uomo grassoccio e calvo a cui fu dato quel nome negli anni ’20.”

Qual è il più grande malinteso sul fascismo?

È un fenomeno storico chiuso degli anni ’30, morto da qualche parte nel 1945 sulle rovine di Berlino. Questo è un errore. Il fascismo è un movimento rivoluzionario che può manifestarsi in modi diversi a seconda del tempo e del luogo. Ecco perché non sorprende che un fascista non indossi una camicia nera o giovani cantare [een marslied van de Italiaanse fascisten]. “

Promette di tenere sotto pressione tutti i tipi di oggetti di valore

Come conosci il fascismo?

Si è sempre detto che il fascismo non aveva alcuna ideologia, ma che era soprattutto una politica di azione – e quindi di violenza. O che, come sostenevano i marxisti negli anni ’30, è semplicemente uno strumento del capitalismo per mantenere basse le masse in tempi di crisi. Dopo la guerra, il fascismo era visto come un movimento politico serio, come il liberalismo o il comunismo. Questo è cambiato negli ultimi decenni, grazie al lavoro di scienziati come Roger Griffin, su cui mi affido. Vedeva il fascismo come un movimento politico di massa con una serie di caratteristiche: l’ipernazionalismo, il populismo, il mito dell’oppressione e della rinascita nazionale e la promessa di una trasformazione rivoluzionaria dello stato, della società e persino dell’uomo.

Condividi questa definizione?

“Sì, con differenze di tono. Il fascino del fascismo non è solo rivoluzionario, ma anche conservatore: promette di tenere sotto pressione tutti i tipi di oggetti di valore: famiglia e proprietà privata. Questo lo rende per alcuni un’alternativa più attraente al sistema esistente gruppi rispetto al comunismo Griffin sulla necessità di pulizia interna e di espansione esterna che si vede con i fascisti: ci sono sempre “nemici del popolo”, sia dentro che fuori”.

È notevole vedere il sistema paramilitare come un effetto collaterale. È concepibile il fascismo non violento?

“La violenza è un concetto flessibile, ma penso di sì. La prima guerra mondiale ha giocato un ruolo cruciale nell’ascesa del fascismo in Italia con i giovani veterani di guerra. Ma in seguito è diventato attraente per gruppi che non erano affatto violenti, pensionati o casalinghe, o anche coloro che ne erano alienati”.

I marxisti spesso vedono il fascismo come un tentativo del capitale di rimanere al potere

Parli anche della “magia” del fascismo. che cos ‘era questo?

Questa era soprattutto la promessa di porre fine alle divisioni politiche. Ci sarà una comunità di persone a cui tutti potranno partecipare, poveri, ricchi, di basso o alto livello, dal notaio all’operaio di fabbrica. I fascisti sono anche abili nell’alternanza di malattie e medicine. Destabilizzano il sistema e poi gridano che sono loro il fattore stabilizzante”.

La “terza via” tra capitalismo e comunismo?

“Sì, è così che si presentano. I marxisti vedono spesso il fascismo come un tentativo del capitale di rimanere al potere, ma non è un prodotto del capitalismo. In una crisi come quella degli anni ’30, i capitalisti preferirebbero trattare con i fascisti che con comunisti, che vogliono abolire il capitalismo. Fascismo e capitalismo si ritrovano anche nell’idea che disuguaglianza e concorrenza sono cose buone”.

Quanto è importante il razzismo per il fascismo?

Per il nazismo di Hitler era necessario l’antisemitismo, come per altre forme di fascismo non lo è. Ma ce n’è sempre uno fuori dal gruppo; Dopotutto, il dissenso non è legittimo, ma tradimento. Ma questo gruppo non dovrebbe essere definito su base razziale”.

Gli storici tedeschi sono sempre più associati al colonialismo.

“Sì, questo è un dibattito molto interessante e violento. Intanto si sente l’accusa di relativismo dell’Olocausto, che colloca il genocidio europeo nella storia del genocidio tedesco in Africa. Certo ci sono differenze, ma c’è anche una relazione chiara. Hitler era contrario alla proprietà delle colonie d’oltremare – perdita del “Potere popolare” – ma era molto interessato al colonialismo. Apprese che era possibile usare la forza per ridisegnare la mappa etnica. Lo predisse sull’Europa orientale.

L’ascesa del fascismo fu inarrestabile

Stiamo assistendo a un ritorno al fascismo?

“Avevo già paura di questa domanda. Da storico non voglio gridare: stanno di nuovo camminando per le strade. Ma devi osare fare paragoni, altrimenti non imparerai nulla. All’estrema destra di solito manca il rivoluzionario dinamismo del fascismo, e la promessa di una rinascita nazionale che può essere anche violenta. Ma vedi Baudet guardare molto aggressivamente in quella direzione. Il suo radicalismo è sempre stato sottovalutato, ma innegabilmente dal suo discorso nel Gufo di Minerva. “

C’è qualcosa che puoi fare al riguardo?

“Combatto i cliché indifesi contro il cosiddetto fascismo inarrestabile. Tutti i tipi di documentari televisivi con immagini di soldati in marcia lo suggeriscono ancora. Nel mio libro mostro che le cose sarebbero potute andare diversamente. L’ascesa del fascismo non era impossibile, era Hitler lo era un fascista fallito per molto tempo. Il caso gioca un ruolo, e così anche l’atteggiamento della maggioranza”.

Vuoi dire: niente più Baudet nei talk show. Cordone sano?

“Sì, penso di sì. Non aver paura, osa filtrare. Non dare una piattaforma all’estremismo perché qualcuno tira voti o valutazioni. O perché dovrebbe comunque essere divertente in TV. “Il comico Martin Koning che Jenk un Manale Lo diede a Baudet, e poi si criticò principalmente. Direi: è ora di interrompere il divertimento per una volta”.

READ  EssilorLuxottica si arrende e paga il prezzo pieno per GrandVision

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24