Il film che profuma davvero di Gucci

La maison di Gucci è stata colpita da una tragedia nel 1995. Era il colmo di tensione, sospetto e invidia che da anni perseguitava la famiglia. Ridley Scott ha trasformato l’intera storia in un dramma stravagante: “House of Gucci”.

“Una storia emozionante di omicidio, follia, sedizione e avidità.” Il sottotitolo di “The House of Gucci”, il reality di Sarah Jay Forden su cui Ridley Scott ha basato il suo film omonimo, dice tutto. Questa descrizione non è un’esagerazione. Fermiamoci lì. Coloro che hanno dimenticato i fatti apprezzeranno di più il film.

l’essenza

  • “House of Gucci” è il nuovo film di Ridley Scott, appena due mesi dopo The Last Duel.
  • Il film rielabora le tensioni nella famiglia della moda italiana, che hanno raggiunto il loro drammatico culmine nel 1995.
  • Scott affronta la storia come un misto di tragedia, soap opera e commedia di Dell’arte.
  • Lady Gaga è notevole nel ruolo principale. Il trucco irriconoscibile di Jared Leto è fuori posto.

Quello che è successo dietro le quinte di questa prestigiosa casa di moda negli anni ’70, ’80 e ’90 è decisamente allucinatorio, anche per chi segue il mondo da vicino. Scott pensa che sia una vecchia storia allo stesso tempo. Lo paragona ad altre due famiglie leggendarie d’Italia dove ricchezza, lotte di potere e spargimenti di sangue si sono combinati, anche se da 500 a 600 anni fa: i Medici (proprio come i Gucci di Firenze) e i Borgia. Che non si tratti ovviamente di un fenomeno tipicamente italiano, lo stesso regista 83enne ha spiegato qualche anno fa con “Tutti i soldi del mondo”, uno sguardo freddo sulla facoltosa famiglia americana Getty.

La Maison Gucci ha aperto nei primi anni ’70 e, all’epoca, la Doppia G era sinonimo di lusso che solo i grandi e famosi potevano permettersi. Il fondatore Guccio Gucci, che aprì il suo modesto negozio di pelletteria esattamente 100 anni fa, morì nel 1953. I suoi figli Aldo, Vasco e Rodolfo rilevarono l’impero e continuarono ad espanderlo. Aldo è stato il grande pioniere, l’uomo che ha dato a Gucci un aspetto cosmopolita. Stranamente, Vasco non è menzionato nel film, ma morì anche nel 1974.

I problemi – e anche questa è una storia classica – sono iniziati con la terza generazione. Il figlio di Aldo, Paolo, si considerava un grande designer, ma suo padre e suo zio non condividevano questa opinione. Tuttavia, “House of Gucci” si concentra principalmente sul figlio di Rodolfo Maurizio. Questo giovane un po’ timido non vuole fare niente nel mondo della moda e ha messo gli occhi su una carriera come avvocato. Fino a quando a una festa ha incontrato la stravagante Patricia Reggiani. Sebbene Rodolfo si rifiutasse di dare la sua benedizione, si sviluppò una stretta relazione e nel 1972 si sposò anche. Patricia, una donna simpatica ma anche intelligente e ambiziosa, non aveva intenzione di rinunciare a una posizione di autorità in un’istituzione come Gucci.

Dovrebbe essere ovvio che “House of Gucci” non dipinge un quadro molto bello della famiglia. Tuttavia, Scott e sua moglie/produttrice Giannina Fasio sono riusciti a convincere la casa di moda a collaborare. Deve aver aiutato il fatto che Gucci non fosse nelle mani della famiglia dai primi anni ’90. e che Facio è un buon amico di Salma Hayek, che è sposata con François-Henri Pinault, CEO del gruppo francese Kering che oggi possiede il marchio (Hayek ha anche un importante ruolo di supporto nel film). Con quel supporto, Scott non ha avuto problemi a creare un mondo che profumasse di vero Gucci.


“House of Gucci” è un’introduzione indimenticabile a una famiglia sfortunata.

La maison ha sempre avuto stretti legami con Hollywood e il suo glamour. A metà del secolo scorso, Elizabeth Taylor, Grace Kelly e Jackie Kennedy, tra gli altri, erano di casa qui. All’inizio di quest’anno, Macaulay Culkin e Jared Leto hanno sfilato sulla passerella di Gucci.

Leto, amico dell’attuale stilista di successo di Gucci Alessandro Michele, assume il ruolo di Paolo Gucci nel film, ben nascosto sotto uno spesso strato di trucco. Il suo contributo stilizzato e grafico non è esattamente l’apice di “House of Gucci”, ma per fortuna non appare molto sullo schermo.

La maggior parte delle star Scott riempie il suo film di un lavoro molto migliore. Anche l’accento italiano con cui ravvivano il loro inglese difficilmente li infastidisce. Adam Driver cattura sottilmente la trasformazione che attraversa Maurizio Gucci e Jeremy Irons è il suo io elegante come padre di Rodolfo. Al Pacino nei panni di Aldo Gucci cattura perfettamente il tono plastico – l’ha definito “più grande della vita” – a cui mira Scott, a metà tra il dramma e la commedia di Dell’arte. Tuttavia, la grande rivelazione di “House of Gucci” è Lady Gaga. Convince così come la simpatica populista Patrizia Reggiani e l’astuta e manipolatrice Patrizia Gucci. Un’introduzione indimenticabile a una famiglia pietosa.

House of Gucci arriva nei cinema questa settimana.

READ  Il mondo della danza perde un'icona: morta la DJ Lady Aida (63) a Eindhoven

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24