Il giovane Milan si suicida per razzismo



Il giovane Milan si suicida per razzismo


© Crediti Sconosciuti
Il giovane Milan si suicida per razzismo

Qualche anno fa, Sid Vizin era un giovane giocatore molto noto del Milan. Poi tutti volevano vedere con lui. Non ha avuto successo nel calcio. Finì nel settore dell’ospitalità. Lì ha scoperto quanti razzisti c’erano in Italia. . Il corpo del ventenne Vizin è stato trovato venerdì a casa sua. È stata trovata anche una nota di suicidio in cui ha scritto delle sue esperienze con il razzismo.

Visin è nata in Etiopia nel settembre 2000 e adottata da una famiglia italiana a Nocera Inferiore. Trasferitosi al Milan per giocare nel Settore Giovanile Milanese, si è ritirato dal calcio nel 2016 ed è tornato al Nocera Inveriore. Andò a lavorare nel settore dell’ospitalità, ma c’erano clienti che non aspettavano di essere serviti dal Visin nero.

“Ovunque io vada, ovunque mi trovi, sento il peso di sguardi scettici e prevenuti, disgusto e paura”, ha scritto l’ex giovane giocatore nella nota di addio, secondo quanto riportato dal “Corriere della Sera”. Non sono un immigrato. Sono stato adottato da bambino e ricordo che tutti mi amavano. Ovunque andassi, la gente amava parlare con me, mostrando rispetto e curiosità. Ora tutto sembra diverso. Ho trovato un nuovo lavoro, ma l’ho lasciato perché molte persone, soprattutto anziani, non volevano che servissi”.

“Come se non bastasse, hanno detto che ero responsabile del fatto che tanti giovani italiani bianchi non riuscivano a trovare un lavoro. Qualcosa dentro di me era cambiato. Mi vergognavo di essere nero, così come avevo paura di essere visto come un immigrato. Mi sentivo come se dovessi dimostrare alle persone che non sapevo di essere esattamente come loro: italiani e bianchi. Ho fatto brutte battute sui neri per dimostrare che ero come loro. Ma quella era soprattutto paura. Ho visto la paura dell’odio negli occhi delle persone quando guardavano gli immigrati. Non voglio che le persone si sentano dispiaciute per me. Le difficoltà che ho passato sono solo una goccia nell’oceano di tutte le persone che preferirebbero morire piuttosto che sopportare la sofferenza in Inferno.”

READ  La tempesta contro la vecchia zia selvaggia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24