Il giudice cancella le nuove frequenze 5G dopo una denuncia della compagnia satellitare

Il ministero dell’Economia dovrebbe modificare lo schema nazionale delle frequenze, poiché ciò mette a rischio i servizi di emergenza per il traffico marittimo. Lo ha deciso un giudice di primo soccorso di Rotterdam dopo una denuncia della società satellite Inmarsat.

Dalla città frisone di Borum, Inmarsat utilizza due satelliti per ricevere rapporti di emergenza dalle navi nell’Oceano Atlantico e Indiano e inviarli alla Guardia Costiera. Questi segnali di emergenza utilizzano la banda da 3,5 GHz, la stessa frequenza che verrà utilizzata da settembre 2022 per accelerare significativamente la rete mobile 5G nei Paesi Bassi.

Secondo Al-Qadi, il Ministero dell’Economia e del Clima era molto guidato dagli interessi economici del settore delle telecomunicazioni e “non si rendeva sufficientemente conto dell’importanza della continuazione delle comunicazioni di emergenza, urgenza e sicurezza senza ostacoli in gran parte del mondo”, secondo Al-Qadi. pronuncia che è stato pubblicato mercoledì.

Inmarsat è stato detto che deve muoversi, proprio come i servizi di intelligence AIVD e MIVD, che stanno ancora origliando su dozzine di satelliti sopra l’equatore da Borum. Il Dipartimento della Difesa ha già trovato una nuova soluzione per intercettare i segnali satellitari dopo il settembre 2022, una soluzione che rimane segreta. Inmarsat non ha ancora alternative per mantenere il servizio di emergenza in volo con adeguate garanzie. La società ha pertanto presentato ricorso al giudice del primo soccorso, chiedendo la sospensione del piano di frequenze.

Misure non prese in tempo

Il segretario di Stato uscente Mona Keijzer (Affari economici, CDA) accusa Inmarsat di non aver adottato misure tempestive spostando o utilizzando una banda di frequenza diversa. La corte non segue questa obiezione e dice in una spiegazione: “La data del 1 settembre 2022 non è intesa per garantire comunicazioni di emergenza, urgenti e di sicurezza, ma per il tempo necessario alla difesa per spostare le sue operazioni a Borum”.

READ  Gli insegnanti e i viaggiatori italiani ora devono mostrare anche la Corona Card e l'Anti-Shake Rebellion

Secondo la corte, sul piano delle frequenze avrebbero dovuto essere condotte più ricerche e consigli. Gli affari economici hanno invitato Inmarsat per un’intervista a breve termine. Se non si trova una soluzione, ci sono buone probabilità che il tribunale annulli il piano di esitazione entro la fine dell’anno.

Un portavoce degli affari economici ha affermato che il dipartimento sta “considerando le conseguenze” e riferirà alla Camera dei rappresentanti in merito all’assegnazione della banda a 3,5 GHz.

Inmarsat presuppone che sia possibile la “coesistenza” dell’orto con la rete 5G a una frequenza di 3,5 GHz. I fornitori di servizi mobili possono sintonizzare le frequenze sui loro ripetitori cellulari in un’area di diverse decine di chilometri intorno all’orto per fare spazio ai segnali di emergenza. Gerard Lorisma, Direttore di Inmarsat, ha detto in una precedente conversazione con Consiglio norvegese per i rifugiati.

L’idea: se tutti nel nord dei Paesi Bassi sono un po’ d’accordo, non è necessario ritardare il lancio di Internet mobile veloce. Le reti mobili presto non offriranno più la copertura nazionale della banda da 3,5 GHz; Ciò richiede più punti di stabilizzazione perché la gamma di questa frequenza è limitata.

Il sistema di emergenza gestito da Inmarsat si chiama GMDSS o “Global Maritime Distress and Safety System”. Si tratta di una rete globale a cui sono collegate centinaia di migliaia di grandi navi. I satelliti coprono vaste aree dell’Oceano Atlantico e dell’Oceano Indiano e sono tracciati da Borum e dall’Italia. Questa “doppia copertura” è necessaria in caso di guasto di una delle stazioni di terra. Burum riceve in media cinque segnalazioni al giorno da navi in ​​pericolo.

READ  Il primo ministro italiano Mario Draghi abbandona il suo stipendio ministeriale: perché è una `` cattiva idea ''

Le antenne paraboliche delle colline italiane non risentono della rete mobile, le antenne sulla piana di Burum “scontrano” con le radiazioni radio delle torri di trasmissione. Pertanto, Inmarsat sta lavorando per trasferire le antenne in Grecia. La società prevede di utilizzare Burum fino a gennaio 2024.

All’inizio di maggio, la società satellitare ha ordinato apparecchiature per un valore di dieci milioni di euro per la costruzione della stazione terrestre greca. Questi articoli hanno un periodo di consegna da uno a un anno e mezzo.

innegabilmente negligente

Secondo il ministero dell’Economia, Inmarsat ha risposto molto tardi al piano delle frequenze. Ma il giudice del primo soccorso afferma che il piano di esitazione è stato redatto “manifestamente negligente”. Il giudice ha anche concluso che il risarcimento per il trasferimento di Inmarsat “non elimina il rischio per le comunicazioni di emergenza, urgenti e di sicurezza”.

Inmarsat offre GMDSS e servizi di dati commerciali. Secondo l’azienda, non hanno bisogno di una doppia copertura e non sono ostacolati dall’espansione 5G. A lungo termine sarà disponibile una tecnologia satellitare non influenzata dalle frequenze di 3,5 GHz. Nei prossimi anni Inmarsat lancerà nuovi satelliti programmati su una parte diversa dello spettro di frequenze e ci vorrà fino al 2032 perché orbitino intorno alla Terra.

Leggi anche: A Frisian Burum, il 5G colpisce le navi in ​​difficoltà

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24