Il giudice sospende temporaneamente la controversa legge sull’aborto in Texas

Un giudice federale degli Stati Uniti ha stabilito che una legge del Texas che rende quasi impossibile l’aborto dovrebbe essere temporaneamente sospesa. è diventata la legge In vigore da inizio settembre Si afferma, tra l’altro, che una donna dovrebbe smettere di abortire dopo la sesta settimana di gravidanza. È la legge sull’aborto più severa negli Stati Uniti.

L’amministrazione del presidente Joe Biden considera incostituzionale la legge sull’aborto e quindi lo stato del Texas Portare in tribunale. Quella Corte Costituzionale dovrebbe riesaminare. Fino a quando ciò non accadrà, la legge non potrà essere applicata in Texas, ha stabilito il giudice Robert Pittman.

La Corte Suprema ha respinto la legge prima che la legge entrasse in vigore con una maggioranza di cinque a quattro giudici illegale Ma non ha rilasciato alcuna dichiarazione di costituzionalità. C’è una maggioranza di giudici conservatori nella Corte Suprema a causa delle varie nomine dell’ex presidente Trump.

Oltre ad aiutare con l’aborto

La legge ha suscitato proteste diffuse in America ea livello internazionale. Secondo la legge del Texas, l’aborto è legale solo quando non è possibile rilevare il battito cardiaco. Questo di solito è intorno alla sesta settimana di gravidanza. Alcune donne non sanno di essere incinte in quel momento. La legge, inoltre, non consente l’interruzione della gravidanza per stupro e incesto.

Le persone che sostengono un aborto che è stato dichiarato illegale possono anche affrontare una pesante multa. Ciò riguarda non solo i medici, ma anche, ad esempio, le persone che accompagnano una donna in una clinica per aborti o che forniscono supporto psicologico. Devono pagare 10.000 dollari alla persona che li ha denunciati alle autorità. I critici dicono che premia gli operatori umanitari con l’obiettivo di intimidazione.

READ  L'uragano Ida sta guadagnando forza e potrebbe essere più violento dell'uragano Katrina | All'estero

Raw contro Wade

L’amministrazione Biden si è pronunciata con forza contro la legge in diverse occasioni. Si fa riferimento al famoso caso Roe v. Wade, considerato dalla Corte Suprema degli Stati Uniti nel 1973. Da allora, è stato deciso a livello nazionale che le donne in America dovrebbero poter eseguire legalmente aborti fino alla 24a settimana di gravidanza.

Diversi stati conservatori stanno contestando la sentenza di Roe v. Wade, sostenuta da una maggioranza conservatrice nella Corte Suprema. A dicembre, lo stato del Mississippi avvierà un caso per vietare l’aborto dopo 15 settimane di gravidanza. Il Mississippi chiede alla Corte Suprema di ribaltare la sentenza Roe v. Wade.

80% di aborti in meno

Il giudice Robert Pittman ha già anticipato la sentenza del suo collega giudice che deve considerare la costituzionalità della legge del Texas: “Altri tribunali potrebbero trovare il modo per aggirare questa conclusione. Ma questo tribunale si trova nella scioccante negazione di un tale importante, non permettendo un lungo giorno .”

La domanda è se la sospensione temporanea della legge cambierà molto in pratica in Texas. I medici temono di essere citati in giudizio per quello che fanno durante questo periodo, se la legge diventa definitiva in seguito.

Secondo l’organizzazione no profit Planned Parenthood, il numero di aborti è diminuito dell’80% da quando la legge è entrata in vigore. Quindi le cliniche per aborti in Texas rischiano la chiusura, mentre le cliniche negli stati vicini non possono gestire l’afflusso di donne dal Texas.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24