Il governo italiano taglia i finanziamenti alla produzione cinematografica Notizia

Secondo il ministro della Cultura italiano Gennaro Sangiuliano, l'Italia è pronta a tagliare gli 800 milioni di euro di finanziamenti che attualmente stanzia annualmente per la produzione cinematografica.

Questa mossa arriva in un momento in cui l’Italia produce un gran numero di film italiani e internazionali. Tuttavia, i film italiani continuano a sottoperformare al botteghino rispetto all’era pre-pandemia.

“È ora di intervenire”, ha detto Sangiuliano, sottolineando che i finanziamenti statali per i film sono passati da 400 milioni di euro nel 2019 a 800 milioni di euro nel 2022, secondo i dati del Fondo per gli investimenti nel cinema e nello sviluppo audiovisivo. Le agevolazioni fiscali del 40% dell’Italia rappresentano finora il 72% della spesa totale nel 2023.

“La produzione cinematografica mi sta molto a cuore e a tutta la produzione statale in generale”, ha detto Sangiuliano. “Tuttavia, dal momento che tutti i ministri chiedono giustamente tagli al bilancio, se ci si rende conto che ci sono sprechi e che è stato creato un mostro che è passato da 400 a 800 milioni di euro in pochi anni, allora è chiaro che si stanno chiedendo quei finanziamenti. da dirottare altrove”.

Sia i film italiani a medio che ad alto budget continuano a ottenere scarsi risultati nei cinema, con guadagni medi molto più bassi rispetto alle uscite pre-pandemia.

Durante il fine settimana, i notiziari locali hanno citato il ministro evidenziando casi “sospetti” tra cui “film che ricevono milioni e milioni di sussidi pubblici e sono visti da pochissime persone”.

In un rapporto dell'ANSA, Sangiuliano avrebbe affermato che il governo prevede “un piccolo taglio per modificare il meccanismo di spesa e renderlo più efficiente”.

READ  Le reti inverse saranno un "pendio scivoloso" verso la formula 2

Recentemente sono stati prodotti venti film con un finanziamento statale di 11,5 milioni di euro, ma ciascuno ha incassato solo circa 2.000 euro al botteghino e meno di 1.000 persone sono andate a vederli, secondo un rapporto del 2018, ha sottolineato Sangiuliano. El Sol 24 Crudoil principale quotidiano finanziario in Italia.

A luglio la viceministra alla Cultura Lucia Borgonzoni aveva dichiarato: uno schermo Il governo sta lavorando alla riforma dell'esenzione fiscale per film e serie televisive. Ha detto che l'Italia non sta cercando di modificare il tasso chiave del 40% offerto per la produzione, ma vuole “alzare il livello di qualità” per i progetti che garantiscono il credito.

Lei ha detto che l'anno scorso attraverso l'esenzione fiscale sono state sostenute tra le 800 e le 900 produzioni.

L'agevolazione fiscale del 40% in Italia si è rivelata una grande attrazione per il cinema internazionale, compresi film di quest'anno come quello di Edward Berger. concavo E la serie Il Gladiatore di Roland Emmerich Coloro che stanno per morire. Tra i recenti titoli cinematografici italiani degni di nota figurano il film d'apertura ad alto budget di Eduardo De Angelis a Venezia; Capo, Una storia di vendetta Adagio Scritto da Stefano Sollima e Saverio Costanzo Finalmente l'alba.

I dati pubblicati all’inizio di questo mese mostrano che la spesa per la produzione audiovisiva italiana è aumentata del 20% a 1,8 miliardi di euro nel 2022.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24