Il governo Netanyahu approva la marcia attraverso Gerusalemme Est a condizione

E il governo israeliano, in procinto di dimettersi, ha autorizzato, all’ultimo minuto, l’organizzazione di una controversa marcia ultranazionalista che issa bandiere israeliane in un quartiere islamico di Gerusalemme est. La condizione è che gli organizzatori e la polizia si accordino sulla strada.

La manifestazione era inizialmente prevista per il 10 maggio, ma è stata successivamente annullata a causa delle tensioni, comprese le pianificate evacuazioni dei palestinesi a Gerusalemme est.

Invece, avrebbe dovuto essere preso in custodia domani, ma lunedì la polizia lo ha vietato. La polizia teme che questo porterà a nuove violenze.

martedì

E il primo ministro Netanyahu ei suoi ministri hanno deciso ieri che la marcia potrebbe continuare martedì prossimo alle suddette condizioni. Dopodiché è probabile che ci sia un nuovo governo composto da un gran numero di partiti.

La domanda è cosa farà il nuovo governo guidato dal primo ministro ultranazionalista Bennett e dal suo partner di coalizione Lapid. Lapid è il leader del partito laico “C’è un futuro”.

Capitale

Israele occupò Gerusalemme Est nel 1967 durante la Guerra dei Sei Giorni con Egitto, Giordania e Siria. Per Israele, l’intera città di Gerusalemme è diventata una capitale indivisibile.

Secondo il diritto internazionale, Israele ha occupato Gerusalemme est. I palestinesi vogliono che Gerusalemme est diventi la capitale di un futuro stato palestinese.

READ  Coppia cristiana in Pakistan evita la pena di morte per aver insultato Maometto | all'estero

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24