Il manoscritto “estremamente raro” di Einstein è stato messo all’asta per oltre 11 milioni di euro

Un manoscritto del fisico premio Nobel Albert Einstein ha raccolto 11,7 milioni di euro all’asta a Parigi. La casa d’aste Christie’s aveva preventivato una cifra tra i 2 ei 3 milioni di euro.

Il libro comprende 54 pagine di note dal 1913 al 1914 sulla relatività generale che Einstein pubblicherà nel 1915. Quasi la metà del documento è stata scritta dall’ingegnere svizzero Michel Besso, con il quale Einstein ha lavorato alla teoria.

Il documento all’asta è uno degli unici due documenti sopravvissuti che contengono note sulla teoria di fama mondiale, che descrive la gravità come una proprietà geometrica dello spazio e del tempo. Grazie a Biso, il manoscritto è stato conservato.

“I documenti di Einstein precedenti al 1919 sono molto rari, ed è questo che li rende speciali”, afferma Vincent Belloy, banditore di Christie’s. “Einstein teneva pochissimi appunti, quindi la semplice sopravvivenza di questo manoscritto lo rende eccezionale”.

Einstein (1879-1955) ricevette il Premio Nobel per la Fisica nel 1921, non per la sua teoria della relatività ma per la sua spiegazione dell’effetto fotoelettrico. È considerato il fondatore della fisica moderna.

READ  La madre è a malapena malata di corona, ma la placenta è rotta

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24