Il medico del Texas ammette l’aborto per tentare una causa contro una legge dura

Un medico americano ha ammesso di aver violato intenzionalmente la nuova rigida legge sull’aborto in Texas. con la sua confessione Nel Washington Post Alan Pride spera di provocare un processo. Questa è la prima volta che qualcuno ha ammesso di aver infranto questa legge.

Braid ha scritto che la mattina del 6 settembre ha avuto un aborto spontaneo in una gravidanza che stava già avendo un battito cardiaco, che di solito si verifica intorno alle sei settimane. Una nuova legge in Texas proibisce l’aborto in questo caso.

“Ho agito perché era mio dovere prendermi cura di questa paziente, come faccio per tutti i pazienti, e perché lei ha un diritto fondamentale a questa cura”, ha spiegato Briad. “Capisco che potrebbero esserci conseguenze legali, ma voglio assicurarmi che il Texas non se la caverà con una legge così chiaramente incostituzionale senza essere testato”.

10.000 dollari

Legge sull’aborto del Texas inizia questo mese È stato adottato in modo più rigoroso di quanto il paese abbia visto da quando la Corte Suprema ha stabilito nel 1973 che l’aborto era un diritto fondamentale delle donne. Non solo era vietato interrompere una gravidanza se si poteva rilevare il battito cardiaco, ma era anche vietato aiutare le donne nel senso lato del termine.

Inoltre, la legge permetteva a chiunque di citare in giudizio gli assistenti. Se riconosciuto colpevole di aiuto illegale, il dichiarante deve pagare al dichiarante $ 10.000 e il rimborso delle spese legali. I critici disprezzavano il fatto che un tale prezzo dovesse essere imposto ai medici primari e agli altri coinvolti.

READ  Incendio idrico a causa della perdita del gasdotto nel Golfo del Messico

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24