Il ministro dell’azoto Van der Waals trasforma le conseguenze in un circo: volare senza permesso ambientale impone requisiti inverosimili agli agricoltori

“La natura è profondamente rossa” Egli ha detto Il ministro uscente dell'Agricoltura Christiane van der Waals reagisce alle ultime notizie del RIVM. “Sono necessarie ulteriori misure per una natura sana e robusta. Questo rapporto mostra quanto sia ancora necessario e le conclusioni sono chiare”. Il nuovo governo può sentirsi orgoglioso di dover adottare misure aggiuntive. Rev Vede che gli obiettivi non sono più realisticiMa nota che le precipitazioni naturali stanno diminuendo.

Poche ricerche scientifiche hanno un impatto così diretto sulla società

Esercizio su carta

Le misure aggiuntive richieste sono il risultato di un esercizio cartaceo. In laboratorio, i ricercatori testano la sensibilità all'azoto delle piante che scelgono come rappresentative delle aree naturali. Stabiliscono limiti alla fecondazione eccessiva. Il personale del RIVM inserisce quindi i numeri risultanti nel modulo previsto dalla legge del governo. Se i dati contengono errori o deviazioni (dopo tutto, a causa dell'ambiente di laboratorio, non possono rappresentare la natura stessa) su cui le opinioni scientifiche possono divergere, verranno comunque inclusi nel modello e quindi diventeranno immediatamente legge. Poche ricerche hanno un impatto così diretto sulla società.

Una scelta illogica
Nel 2020, Johan Remkees ha consigliato al governo di scegliere come obiettivo le emissioni di azoto. Entro il 2030 dovrebbe essere ridotto del 50%. Secondo i modelli, ciò comporterebbe che il 74% del paesaggio olandese sarebbe privo di azoto in eccesso. Raggiungere questo obiettivo è responsabilità del governo. Ridurre le emissioni è responsabilità delle aziende. Buona divisione manageriale dei compiti perché le emissioni sono l’unico fattore che le aziende possono ottenere sotto il loro controllo. Ma il Consiglio dei Ministri ha deciso diversamente. L’anno target è stato spostato al 2035 e non si basava sulle emissioni ma sulla deposizione nelle riserve naturali. Di questo ha reso le aziende direttamente responsabili, una scelta che non ha senso.

READ  L'EMA approva il nuovo vaccino contro il virus RS: "punto critico sotto controllo" | salute

Basato sulla ricerca di Wageningen in condizioni di laboratorio Mostra l'anno scorso Molte riserve naturali, in particolare le aree forestali, sono più sensibili alla deposizione di azoto rispetto ai modelli precedentemente calcolati. Il RIVM ha applicato i nuovi numeri nei modelli di azoto gestiti dal National Institute of Government e, sulla base di un nuovo esperimento, ha determinato che in natura finisce molto più azoto di quanto precedentemente ipotizzato.

Secondo vecchi calcoli, l’81% delle riserve naturali non avrà un surplus di azoto nel 2035 con la politica attuale. Ma con i nuovi numeri, la percentuale rimane stabile solo al 40%. Di conseguenza, l’obiettivo fissato dalla legge del 74% è diventato irrealistico a meno che non vengano adottate misure drastiche.

Se lo scopo legale fosse quello di ridurre le emissioni, sarebbe possibile sviluppare una politica sostenibile. Ora i politici hanno due opzioni: modificare la legge o imporre misure che in ogni caso non sarebbero possibili

Pere al forno

Ora il governo e i politici si trovano ad affrontare lo stesso problema. Se l’obiettivo legale fosse quello di ridurre le emissioni, sarebbe possibile sviluppare una politica sostenibile alla quale gli agricoltori e gli altri imprenditori potrebbero aderire. E ora all'improvviso si è scatenato il panico, perché la riduzione doveva essere ulteriormente ridotta e forse più rapidamente, perché la legge lo richiedeva. Ora ci sono due opzioni: modificare la legge o agire. Quest'ultima non è un'opzione, ovviamente.

Il RIVM stima che le emissioni agricole debbano diminuire del 60-80% per raggiungere gli obiettivi. Questo è molto più alto del precedente obiettivo del 50%.

Il ministro uscente Van der Waals ha osservato che il nuovo governo è responsabile della determinazione dei prossimi passi nella politica sull'azoto e lascerà indietro i nuovi ministri. Quando i nuovi numeri dalla configurazione e dal modello del laboratorio sono usciti l'anno scorso Egli ha detto Ha detto: “L’ampia fluttuazione dei numeri mostra che l’attenzione è concentrata su KDW [de neerslagfactor op de natuur, DV] Si tratta di un fattore che complica la realizzazione di una politica coerente. Queste fluttuazioni causano anche incertezze indesiderate per gli agricoltori e altri imprenditori.

READ  Crescono i disordini sul nuovo picco dell'Omicron in Sud Africa

La fine del circo Van der Waals
Con queste parole ho ammesso che la politica basata sui depositi è priva di significato e ingiustificata per gli imprenditori. Le sue parole ora suonano come lacrime di coccodrillo da parte del ministro che ha trasformato la sua politica sull’azoto nel caos attraverso la cattiva gestione. Lo scorso fine settimana diventare conosciuto L'aeroporto Van der Waal di Eindhoven mette le mani sopra la testa all'ultimo minuto della sua carriera ministeriale semplicemente sottolineando che l'aeroporto non necessita di un permesso naturale. Ad aprile, ha dimostrato di essere troppo indulgente con le regole flessibili sull’azoto di Chaebol Sentirsi ingiusto Alla Camera dei Rappresentanti. Richiede un approccio duro nei confronti degli agricoltori e lascia agli aeroporti ampio margine di manovra. La ONG MOB per l'azoto non sarebbe d'accordo su questo. Toccherà al prossimo ministro che probabilmente si interesserà più all'agricoltura e meno all'aviazione.
Si spera che il nuovo ministro apporterà modifiche radicali alla legislazione sull’azoto e che le aziende si limiteranno a rispettare i requisiti di riduzione delle emissioni. Il circo che Van der Waal aveva trasformato nella sua missione poteva quindi essere chiuso.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24