Il mio nome in copertina? Non direi di no a questo”.

Immagine Getty Images

I buoni traduttori sono invisibili. L’autore si rivolge a un pubblico di lingua straniera apparentemente senza la loro interferenza. così è Fastidio serale Scritto come se Marek Lucas Renefeld fosse inglese. Naturalmente, nulla potrebbe essere più lontano dalla verità, perché dietro la versione inglese di La serata è scomodail vincitore dell’International Booker Prize 2020, nasconde la dedizione e il senso del linguaggio di Michelle Hutchison.

Parola dopo parola è stata messa sulla bilancia. Hutchison: “Mi chiedo costantemente: quale opzione di traduzione ha delle implicazioni? Ogni scelta manda il testo in una direzione diversa. Deve adattarsi alla natura del romanzo, perché cerco di rimanere il più vicino possibile al testo originale. In effetti, è un esercizio di imitazione».

E la pratica rende perfetti. Hutchison potrebbe scrivere il prossimo “Rijneveld”? Lei ride. Poi devo inventare dialoghi e personaggi. Quindi no. Ma ho imparato il suo stile di scrittura. Posso usarlo anche quando scrivo una lettera a qualcuno”.

Il traduttore è abile nel registrare la lingua di qualcun altro. In questo senso, dice Josephine Renaarts, è una professione subordinata. Traduce dal tedesco da più di trent’anni e durante la ventitreesima edizione di Giorni di traduzione letteraria Il premio d’opera per Letterenfonds (quindicimila euro) è stato assegnato al Rode Hoed di Amsterdam. “E sono d’accordo con lo scrittore. Non basta presentare un bel romanzo, deve essere come è stato detto”.

cavi audio

Allo stesso tempo, il linguaggio ha delle peculiarità che si perdono nella trasformazione. Rijnaarts: Io li chiamo doni dalla lingua madre: un’espressione o un detto che esiste in una sola lingua. Sto cercando di sostituire un caso del genere di termini tedeschi con un regalo degli olandesi. tipo di compenso. Vedo il testo originale come un materiale fatto di fili di suono, colore e significato. Il mio lavoro è creare qualcosa in una lingua diversa, quindi con thread diversi potrebbe sembrare molto diverso, ma è comunque lo stesso”.

Il mestiere richiede pazienza e abilità linguistiche. In particolare, afferma l’italiana Claudia Di Palermo, che attualmente lavora nella madrelingua Cliente E. Busken Jeroen Brewers, recentemente scomparso. “Pubblico articoli in olandese, ma non li traduco mai. Solo in italiano posso rinunciare alle mie preferenze e scrivere come qualcuno che non sia me stesso. Poi traduco dall’intestino: come ci si sente e come suona?”

Ha molto a che fare con uno scrittore come Brewers in questo senso. “Ha imparato come si scrive: il ritmo delle frasi e la scelta specifica delle parole sono importanti. Questo lo rende difficile. Sto per iniziare ad averne paura”.

Tuttavia, questi sono i lavori che ama Di Palermo. “Non è un lavoro da catena di montaggio per me. Scelgo anche libri belli ma stimolanti; la ciliegina sulla torta. Quindi la traduzione è una costante ricerca del tono giusto”. Senza l’aiuto dello scrittore olandese, perché di solito non parlano italiano. “Tranne uno, gli autori non capiscono il mio romanzo. Questo ha dei vantaggi. Supponiamo che dovessi continuamente giustificarmi: perché l’ho fatto così e non, per esempio? Allo stesso tempo, è anche un peccato. A volte , vorrei mostrare le cose allo scrittore La bellezza che ne ho fatto”.

#NomeIl Traduttore

Il riconoscimento deve provenire dalla propria area linguistica. Ma poi i lettori devono sapere chi è il traduttore. Secondo Hutchison, non è sempre così. “Siamo spesso paragonati a musicisti che eseguono un pezzo per qualcun altro. Ma stando di fronte a sale piene mi manca il pubblico. A volte le persone non sanno nemmeno che stanno leggendo un libro tradotto”. Quindi ci sono suoni per menzionare il traduttore in copertina.

Quando l’autore decora la quarta di copertina con una foto, spesso al momento non va oltre il frontespizio. Petizione per il cambiamento. Esempi di successo sono già condivisi su Twitter sotto #NameTheTranslator. Per molto tempo Rijnaarts si accontentò di un maschio modesto. “Traducendo Esther Kinsky, la cui prosa è vicina alla poesia e quindi richiede molto traduttore, ho litigato per la prima volta con l’editore. E con i risultati.”

Di Palermo non vuole essere all’altezza dell’autore. Per il semplice motivo che posso essere sostituito, ma l’autore no. Ma il mio nome è in copertina? Oh, non direi di no. I buoni compilatori possono essere invisibili, ma non sono certamente anonimi.

Michelle Hutchison (1972) Vive ad Amsterdam dal 2004 e traduce prosa e poesia in inglese. tradurre La serata è scomoda Scritta da Marek Lucas Reinfeldt, ha vinto l’International Booker Prize nel 2020.

Giuseppina Renaart (1947) è stato tradotto dall’inglese, dal francese e negli ultimi quindici anni principalmente dal tedesco. La giuria del Premio per la traduzione Letterenfonds 2021 ha elogiato il suo “coraggio di traduttore dotato, padronanza sovrana della lingua olandese e diversità stilistica”.

Claudia di Palermo (1967) ha studiato olandese a Roma e ha fatto un classico come Kellendonks corpo misterioso e WF Hermanns Camera oscura di Damocle in italiano.

READ  Ci sono tre rapporti contro "amati marocchini", ma non è finita, dice

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24