Il movimento a cinque stelle in Italia vuole ricreare il proprio populismo

Giuseppe Conte porterà in Italia una forma di “sano populismo”? L’ex primo ministro è stato pubblicizzato come il nuovo leader del teso movimento a cinque stelle. Ha annunciato che uno di questi giorni presenterà i suoi piani dettagliati per rilanciare questi attacchi al sistema politico.

Deve risolvere molti problemi delicati. Il Movimento Cinque Stelle, il più grande movimento populista italiano tre anni fa, sta ora lottando per sopravvivere. Il partito è in crisi d’identità, soffre di spiacevoli litigi per soldi e lavoro politico e si vergogna del comportamento del suo fondatore.

Conte ha già chiarito che lascerà cadere una delle idee chiave dei primi anni di Five Star. La distinzione sinistra-destra è politicamente obsoleta, sia che sia vecchia e nuova, sia che sia la nozione tra corruzione e onestà. Per quanto riguarda il contenuto, mi metto sull ‘“asse sinistro”, dice ora. Continua a trovare lati positivi al populismo in risposta agli introversi, ma senza l’odio straniero della Leica di Matteo Salvini. Conte ha già parlato più volte con Enrico Letta, il nuovo leader dei Democratici di centrosinistra, per vedere se vedono una collaborazione duratura.

Per anni il comico Pepe Grillo è stato il vero leader, quello che ha deciso cosa stava succedendo. Si era già ritirato di un passo formale, ma era potente. Grillo ha nominato Conte come nuovo leader politico. Ma il ruolo di Grillow è ancora in discussione dopo che si è accusato di un video il mese scorso in cui urla e rimprovera suo figlio, sostenendo che era ingiustamente perseguito per stupro. Il caso occupa il Paese da due settimane e ricorda che spesso in Italia si vedono vittime di stupro. Come Girillo voleva definirsi, Conte pare abbia preso le distanze dalla “dignità”.

L’aumento a cinque stelle è eccellente. La frazione è vuota, una divisione è imminente, i casi sono stabiliti e gli elettori sono in corsa. “È un sogno che si avvera che possiamo trasformare un’organizzazione e coinvolgere direttamente i cittadini nella politica”, ha sospirato Christian Romaniello, un deputato espulso dal partito. “Allora è venuto semplicemente alla nostra attenzione. Mi dispiace tanto per quello che ci è successo. ”

READ  'Decine di migliaia di vaccini AstraZeneca in fabbrica Italia'

In una conversazione telefonica dice di essersi unito al movimento nel 2009. Gli piaceva. “Oltre alla lotta al consumismo, alla corruzione e all’uso improprio del denaro pubblico, è importante per noi fornire soluzioni concrete ai problemi delle nostre città”. Le cinque “stelle” sono l’acqua, l’ambiente, i trasporti pubblici, la connettività, lo sviluppo – temi principalmente di sinistra nella pratica politica.

Fase Rousseau

L’idea di democrazia diretta ha svolto un ruolo di primo piano. Giancarlo Casalegio, buon amico di Grillo e imprenditore di Internet a Milano, ha creato un sito che potrebbe essere utilizzato per consultare i sostenitori registrati. “Rousseau”, battezzato dal filosofo francese. L’obiettivo era “Uno vale” – Il voto di tutti è uguale. “Ma in pratica, fin dai primi tempi l’approccio orizzontale è diventato l’approccio verticale per determinare cosa sta succedendo a Roma, quando c’è stato molto dibattito aperto a livello locale”, dice Romaniello. C’era ancora il dibattito, le votazioni erano organizzate, ma in sostanza ai membri era permesso dire un po ‘più di sì e amen, pensa.

Secondo lui, la mossa è arrivata in un momento in cui il movimento a cinque stelle sotto il primo ministro Drake, l’ex governatore della Banca centrale europea, ha votato per Rousseau senza alcun dibattito sull’opportunità di sostenere il governo. La squadra del partito anti-organizzazione dovrebbe unirsi al simbolo dell’establishment? “È una domanda polare, non puoi smettere”, dice. “Per protesta, non ho preso parte a un voto di fiducia in parlamento in seguito su Tragi. Dopo di che ho saputo che sarei stato espulso dalla commissione con circa 35 persone perché era contro i confini del partito. Ma nel voto interno su Rousseau, il 41% era a favore di Tragi e il 59% tra i nostri sostenitori. Rappresentiamo una parte importante della guerra “.

Leggi anche Analisi dei piani di Trohi: Drake vuole dare all’Italia un nuovo inizio

Una lattina di tonno

Romaniello ritiene che nel 2013 le cinque stelle abbiano iniziato a perdere i loro principi originari. Poi il partito ha vinto un quarto dei voti da nessuna parte e un gruppo di politici inesperti è entrato in parlamento. Contro gli altri partiti, Grillo ha gridato militarmente: “Uno tsunami vi travolgerà” e: “Apriamo il parlamento come un tonno”. Tutto doveva essere diverso. Cinque stelle spezzeranno l’ordine politico aperto.

READ  L'Italia ha sconfitto la Turchia nella partita inaugurale

La scelta di non stringere alleanza con nessuno si è basata su quel tono. Ma Romaniello dice che la verità è diversa. “Gradualmente siamo diventati parte dell’organizzazione. La politica romana si è infiltrata in noi e ha danneggiato l’idealismo dei primi anni. Nessuno ha anticorpi contro di essa. Le persone hanno iniziato a seguire la propria agenda. ”

Nel 2018, Five Star ha dominato oltre il 32%. Dopo molte esitazioni, hanno firmato un “contratto governativo” autenticato con la Lega nazional-populista di Matteo Salvini. Era quasi la metà delle dimensioni, ma Salvini ha catturato tutta l’attenzione e ha esagerato completamente il Five Star. Più di un anno dopo, quell’alleanza è crollata e le cinque stelle si sono trasferite con i Democratici di centrosinistra. Non ha fermato la caduta delle elezioni. Il partito era al 16 per cento alle elezioni alla fine del mese scorso.

Dopo quasi tre anni al potere, le cinque stelle possono scrivere tre cose al loro nome: introdurre una qualche forma di aiuto, ridurre il numero di parlamentari eletti da 945 a 600 e rilanciare la politica. “Importante”, dice Romaniello, “ma non avremmo dovuto fare più lavoro, giustizia e ambiente? Non abbiamo priorità chiare, cambiamo idea dall’oggi al domani. Quindi la nostra etica è scomparsa dalla vista. ”

Il giurista costituzionale Nicola Lupo (“neutralità politica”) vede la crescita delle cinque stelle in modo diverso. “È un’evoluzione inevitabile e i dolori aumentano con il passaggio all’età adulta”, afferma. “Sono diventati i più grandi nel 2018 e hanno dovuto governare. Senza di loro non ci possono essere alleanze. Inoltre, hanno dato voce alla reale insoddisfazione degli elettori per la classe politica introversa. Ma erano inesperti e avevano molto da imparare. Ad esempio, quel governo ha bisogno di un approccio diverso rispetto a chiedere che qualcosa cambi. Sono, necessariamente, molto realistici. ”

Ad esempio, lui, che stabilì il governo del partito durante il suo periodo di fondazione, cita che non dovrebbero esserci più di due termini di una funzione rappresentativa, sia nella politica locale che nazionale. L’idea era di impedire alle persone di attaccarsi alla seta. Ma ora i dubbi stanno sorgendo all’interno del movimento Five Star. Vuoi ringraziare tutti coloro che hanno acquisito esperienza e lasciato il mestiere politico ai nuovi arrivati? “Un tale divieto, più di due volte di seguito, avrebbe senso per il presidente di agire al governo negli Stati Uniti, o in Italia, come sindaci e presidenti delle regioni”, ha detto Lupo. “Ma è saggio lasciare che questa sia la regola a tutti i livelli?”

READ  Imprenditore | Olanda stringe i consigli di viaggio, Italia e...

Pratico

Questa è una delle domande a cui Conte deve rispondere. È popolare tra coloro che hanno votato per i Cinque Stelle nel 2018: un avvocato di provincia sconosciuto e apartitico che ha bombardato il primo ministro e ha promesso di essere “l’avvocato del popolo”. Mediatore tra Leah e le cinque stelle, ma che ha messo da parte Salvini e la sua Leah quando l’alleanza è esplosa. Nel 2019 è diventato senza problemi il leader di un’alleanza tra i Cinque Stelle e il centrosinistra. Il modo in cui è riuscito a mantenere la testa fredda durante i primi mesi dell’epidemia di corona gli ha fatto guadagnare molti riconoscimenti a livello internazionale – anche se da allora la preparazione di un piano di recupero è andata molto lentamente, all’inizio di quest’anno Drake ha assunto il ruolo di primo leader del ministro di un’ampia coalizione di dirigenti e politici non di partito.

Ora Conte cercherà di far uscire le cinque stelle dal trend dell’identità. “È come un buon avvocato”, ha detto Lupo. “Conte è pratico e si adatta a qualsiasi situazione”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24