Il Movimento Cinque Stelle è diviso in due parti, cosa significa questo per il governo italiano?

“Continueremo a sostenere il governo”, ha detto il leader del partito Giuseppe Conte dopo la separazione da Luigi Di Maio. A seguito della scissione, il Movimento Cinque Stelle non aveva più la fazione più numerosa al Parlamento italiano, ma la Lega nazionalista di destra.

Lì, tutti i partiti tranne uno sostengono ancora il governo di unità di Mario Draghi, che quindi avrebbe ancora la maggioranza anche senza la restante fazione a cinque stelle di Conte. Il presidente del Consiglio, però, potrebbe aver dormito più serenamente di quanto non abbia fatto questa settimana, perché sa anche che le garanzie nella politica italiana non esistono e che le promesse sono spesso molto limitate.

Questo vale anche per le promesse fatte dallo stesso ministro degli Esteri Di Maio. Alcuni anni fa, il politico 35enne era ancora critico nei confronti di innumerevoli parlamentari che “rubano seggi”, uno dei fenomeni che rende così imprevedibile la politica italiana. Di Maio predicò in quel momento che coloro che lasciavano il Movimento Cinque Stelle dovessero rinunciare del tutto ai loro seggi. Il partito ha anche voluto infliggere una multa di 100.000 euro.

Di Maio ora vede le cose diversamente dal centro del potere: con più di sessanta parlamentari, ha rotto con il partito che lo ha portato alla vittoria alle elezioni del 2018 con la sua retorica antielite. il suo nuovo gruppo parlamentare, Insieme per tutto il futuro (“Insieme per il futuro”), vicino a Draghi, la personificazione dell’impresa.

lotta di potere

La causa immediata della divisione è stata il voto sulle forniture di armi all’Ucraina. Di Maio difende la linea filo-Nato nell’amministrazione Draghi, mentre l’ex premier Conte da settimane si oppone all’invio di nuove armi e insiste sui negoziati di pace.

Tuttavia, il conflitto tra Di Maio e Conte appare più come una lotta per il potere personale che come una disputa ideologica. Già prima della guerra, la cooperazione tra i due uomini era già difficile. Giuseppe Conte, divenuto presidente del Consiglio da zero nel 2018, all’inizio dello scorso anno ha dovuto rinunciare a quella carica quasi bruscamente a favore di Mario Draghi.

Con sorpresa di molti, de Mayo, che ha iniziato come ministro inesperto di 31 anni sotto Conte, è stato autorizzato a rimanere negli affari esteri da Draghi. Negli ultimi mesi il legame tra Draghi e Di Maio si è solo rafforzato, mentre Conte si è voltato duramente contro il governo di unità, preparandosi alle elezioni della prossima primavera.

Il tumulto nel Movimento Cinque Stelle, che cerca disperatamente di reinventarsi in mezzo a sondaggi drammatici, potrebbe non finire per qualche tempo, ma è altamente improbabile che si svolgano elezioni anticipate. Inoltre, c’è molto da perdere per gli altri partiti a causa dell’imminente ridimensionamento del Parlamento.

Tuttavia, il Movimento Cinque Stelle potrebbe ritirare il suo sostegno al governo nel prossimo futuro, in modo da consentire all’opposizione di votare o non votare con il governo su singole proposte. Mario Draghi non ha nulla da temere in questo momento, visto che ha anche la maggioranza senza Conte.

Anche questa settimana, il Primo Ministro si è finalmente recato a Bruxelles con lo Stato che voleva consegnare nuove armi. Ma con l’inizio della campagna elettorale dopo l’estate, è improbabile che il crollo del Movimento Cinque Stelle rappresenti la rottura definitiva dell’unità d’Italia.

Inoltre, sta diventando sempre più attuale la questione di come procedere nella politica italiana dopo l’era Draghi. E mentre ha interrotto la sua tendenza al caos e alla frammentazione nell’ultimo anno e mezzo, di certo non l’ha rotta, come si è scoperto questa settimana.

READ  IDL Retro | "Team Cow" come Nikki Terpstra è entrata nel gruppo del WorldTour

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24