Il Museo di Leida restituisce un vaso in Italia

Il Museo Archeologico Nazionale (RMO) di Leida ha restituito un vaso greco in Italia mercoledì, dopo che è stato stabilito che il vaso aveva lasciato illegalmente il paese negli anni ’80. “La polizia italiana ci ha fornito prove convincenti qualche tempo fa: appare in un archivio fotografico sequestrato a Gianfranco Picchina, un commerciante italiano condannato”, ha affermato Lucas Petti, responsabile delle collezioni e della ricerca. “Per noi non si trattava di cosa fare, perché vogliamo essere puri e trasparenti”.

È Ascus, un tipo che veniva usato per versare liquidi come l’olio. Il sito è Canosa nella provincia meridionale italiana della Puglia. Il tipo di vaso deve il suo nome greco al fatto che la forma ricorda il cuoio del vino. I vasi Canossa sono famosi per le loro copiose immagini dall’esterno.

La versione di Leida, che è stata in mostra permanente, raffigura, tra le altre cose, il mitico mostro marino Scilla, una donna con un bambino, un’amazzone a cavallo e la testa di un’anatra. Il vaso è lungo più di un piede e alto più di 27 pollici e risale al IV secolo a.C., quando Canossa era una colonia greca.

A quei tempi i musei facevano alcune domande sull’origine delle antichità

Il vaso è stato acquistato dal Museo nel 1988; Questo è stato il primo acquisto per Ruurd Halbertsma, l’attuale curatore del mondo classico. “Il museo aveva già alcuni Askoi nella sua collezione, ma non uno straordinario di Canosa. È stato anche nel periodo in cui i musei hanno posto alcune domande sulla provenienza delle antichità al momento dell’acquisto”, afferma Petty.

READ  I timori di inflazione stanno travolgendo i mercati azionari europei

Il venditore Saeed/Said Motamed, di origine iraniana, è stato uno dei principali commercianti di antichità a Francoforte tra gli anni ’60 e ’90. Trattare con il British Museum, tra gli altri. Petty dice che l’ORM aveva già fatto affari con lui. In questo caso, invia una foto. Quando il museo ha risposto che era interessato, ha inviato il vaso a Leida in modo che potesse essere studiato più da vicino. Poi il vaso è stato comprato”.

È ormai noto che Motamad, morto nel 2013 all’età di 88 anni, era in buoni contatti con il commercio illegale. Nel 2014, Christos Tsirogiannis, Professore Associato e Fellow presso l’Aarhus Institute for Advanced Study, ha scoperto nella sua indagine in corso sul commercio illecito di antichità, che un trust aveva commercializzato illegalmente le antichità scavate attraverso Becchina e Giacomo Medici, un altro noto mercante d’arte condannato… ..

Altre indagini

Pertanto, RMO effettuerà ulteriori ricerche sulla fonte delle altre cose nel kit acquistato da una persona autorizzata, afferma Petty. Abbiamo acquistato un totale di 146 pezzi da Certified. La prima nel 1963, l’ultima nel 1993, per lo più prima del 1979, e quattordici in seguito. La maggior parte dei pezzi (97) proviene dall’Iran, in particolare dalla vetreria sasanide. L’altra roba arriva da Egitto, Libano, Siria, Turchia e Italia. „Secondo un certificato, due pezzi italiani provenivano da Centuripe in Sicilia, ma il nostro fiduciario in quel momento [Fréderic Bastet] Sentivo che, in base allo stile, doveva anche venire da Canossa”.

L’organizzazione regionale per la gestione dei rischi ha anche indagato se il museo ha condotto in passato affari diretti con Becchina. “Sembra che non sia così”. Nel museo hanno ancora una domanda sulle prove della polizia italiana. “Canosa” e “4.2.1981 (Mus. Leid.”) sono scritti a matita su cartoncino. Becchina probabilmente stava tenendo traccia di dove è finito. Abbiamo comprato il vaso solo nel 1988. Probabilmente ha venduto il suo asco Pekina a un fidato in quel momento, e non ce l’ha venduto fino a sette anni dopo. Non c’era motivo di contestare le prove”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24