Il nord Italia è libero: chi al sud lavora da casa al sud

Immagine Altezza olandese / EPA

“Vedo solo i benefici”, dice Francesco Apallonio di Lex, la città tacco della startup italiana. “Meno viaggi, meno inquinamento atmosferico, meno stress”. Dopo aver trascorso un po’ di tempo a Monaco e Bologna, decise di tornare nel luogo in cui era cresciuto perché non riusciva ad abituarsi alla cultura. Fino a poco tempo una scelta del genere era condannata per lavori avariati o disoccupazione, e ora Apollonio lavora per un’azienda di software a Londra. “Ci sono andato tre volte l’anno scorso, davvero per le cose sociali.”

Negli ultimi anni, le aziende italiane hanno incoraggiato attentamente i propri dipendenti a lavorare da remoto, ma l’epidemia di corona ha accelerato questo processo. Quando il blocco era nell’aria all’inizio di marzo, le aziende hanno mandato a casa il personale dell’ufficio. Lavorare da casa è diventata la norma, con circa 3,5 milioni di italiani che attualmente lavorano da casa.

Per molti meridionali, lavorare da casa è il motivo per tornare in patria. “Sono salito in macchina il 7 marzo e sono andato dai miei genitori in Calabria”, racconta Giuseppe Plassey. È un esperto di sicurezza informatica. Quella stessa sera, il presidente del Consiglio Conte ha annunciato la chiusura del nord Italia, e due giorni dopo in altre parti del Paese.

‘Sentiti libero qui

“Lavoro tanto a casa quanto in ufficio, ma qui mi sento molto indipendente”. Plassey non sa ancora del tutto che il suo datore di lavoro gli offrirà la possibilità di restare al Sud dopo la crisi, quindi al momento manterrà il suo costoso appartamento a Milano. La maggior parte non lo fa, e il risultato è un ampio spazio libero in edifici per uffici, appartamenti e stanze per studenti nelle principali città del nord.

Secondo il sito immobiliare Immobiliare.it L’offerta di spazi abitativi e lavorativi è raddoppiata rispetto allo scorso anno, con Milano che ha addirittura il 290 per cento. Il sindaco della città, Salah, inizia a preoccuparsi e invita la gente a ‘tornare al lavoro’ perché, oltre ai proprietari terrieri, anche i ristoratori e i bar risentono della carenza di lavoratori in città. Quei soldi ora vengono spesi nel resto d’Italia, appena sotto Roma.

Svimez, un’organizzazione dedicata allo sviluppo del sud Italia, dice che c’è un’opportunità per lo sviluppo del sud. Per decenni, le persone nel sud si sono spostate al nord per lavoro e la digitalizzazione potrebbe fermare questa tendenza. “Il Nord non risente dello sviluppo del Sud”, ha chiarito Elena Mildello. Fondatore del Southern Work Trust, decide di tornare a Palermo dopo alcuni anni trascorsi a Milano e Lussemburgo. “Se c’è più equilibrio, così le persone non sono costrette ad andarsene, siamo sulla strada giusta”.

READ  L'Alfa Romeo fa un'apparizione speciale in Italia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24