Il numero di adolescenti che ricevono il vaccino HPV è alle stelle, quindi cosa significa questo per il colpo del coronavirus?

Dal 2022 ai ragazzi verrà proposto anche il vaccino HPV, così che anche loro siano protetti dal virus che può portare a forme di cancro.Statua di Ari Kefit

Tra i bambini nati nel 2018, il 91,3% ha ricevuto tutte le vaccinazioni previste dal programma (come quelle contro morbillo, poliomielite, difterite, rosolia e parotite) prima del secondo compleanno, con un aumento di 0,5 punti percentuali.

Più impressionante è stato l’aumento della vaccinazione HPV per le ragazze l’anno in cui hanno compiuto 13 anni. L’HPV è altamente contagioso e può essere trasmesso attraverso il contatto sessuale e può portare al cancro a lungo termine. Di tutte le ragazze nate nel 2006, il 63% è stato completamente vaccinato prima dei 14 anni. Un aumento di 10 punti percentuali rispetto alle ragazze del 2005. Ma anche dopo i 14 anni, le sfortunate candidate possono ancora avere una possibilità; Questo porta il tasso di vaccinazione temporanea per il gruppo del 2006 al 68 percento.

Dal 2022, ai ragazzi verrà offerto il vaccino e i bambini riceveranno il vaccino all’età di nove anni. Il vaccino funziona meglio quando il ricevente non è ancora sessualmente attivo.

Preparazione alla vaccinazione

Nel complesso, “una notizia meravigliosa”, afferma Jane Marie Hamnet, direttrice del programma RIVM per il National Immunization Program. Secondo lei, l’aumento della volontà di utilizzare il vaccino HPV è dovuto al fatto che le persone hanno dovuto abituarsi. La maggior parte dei vaccini nel programma protegge dalle malattie infettive e questo vaccino è contro il cancro a lungo termine. Ci è voluto del tempo, ma ora le persone sono anche fiduciose che questo vaccino sia sicuro e benefico.

Come per le vaccinazioni corona, l’enorme diffusione della preparazione alla vaccinazione tra i diversi gruppi di popolazione è notevole. La ricerca nei Big Four mostra che la partecipazione è molto più bassa tra i bambini con genitori immigrati. Gli adolescenti con genitori di origine marocchina rispondono alla chiamata solo nel 14% dei casi.

“Lo sappiamo solo da questa primavera, ma è una notizia importante”, afferma Hamnett. Il Programma Nazionale di Vaccinazione vuole raggiungere tutti i bambini, indipendentemente dal nido da cui provenite. Dobbiamo indagare a fondo sui motivi della bassa affluenza alle urne. Forse fornendo informazioni e forse aiutando se vaccinassimo in luoghi più piccoli, piuttosto che in grandi riunioni di gruppo nelle palestre. Hamnet non è ancora in grado di stabilire se la bassa condivisione tra questi gruppi abbia qualcosa a che fare con il tabù su un virus che può essere trasmesso anche attraverso il contatto sessuale. “Finché non indaghiamo, non penso che dovresti fare alcuna dichiarazione al riguardo.”

coronavaccinati

I numeri in aumento sembrano una buona notizia per altre vaccinazioni di massa per gli adolescenti a venire. Dopotutto, a partire da venerdì, le persone di età inferiore ai 18 anni possono iscriversi a un vaccino contro il coronavirus. Secondo Hammnett, le lezioni del National Immunization Program possono aiutare a raggiungere la più alta affluenza possibile.

Sarebbe bello se le scuole prestassero attenzione alla vaccinazione Covid prima delle vacanze, proprio come il vaccino HPV discusso durante la lezione di biologia. Come genitore, puoi anche iniziare una conversazione con tuo figlio con domande come: cosa significa per te il vaccino? Cosa trovi spaventoso? Ho l’impressione che molti bambini vorrebbero fare qualcosa per contribuire alla lotta contro l’epidemia.

Tali colloqui sono in linea con la tendenza degli ultimi anni, afferma Hamnett. I genitori sanno davvero di più sulle vaccinazioni negli ultimi anni e prendono decisioni informate. La discussione può aver luogo, con attenzione agli effetti collaterali effettivi. Questo è molto positivo.

READ  Van Wyck, 58 anni, pensa di dimettersi: "Non mando più il mio curriculum"

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24