Il nuovo sindaco di Kabul ordina alle dipendenti di rimanere a casa

Il nuovo sindaco di Kabul ha ordinato alle funzionarie donne di rimanere a casa e di non venire a lavorare a meno che le loro funzioni non possano essere svolte da un collega maschio. Il sindaco ad interim della capitale appartiene ai talebani, il gruppo estremista che ha occupato l’Afghanistan il mese scorso.

Secondo il sindaco Hamdallah Noaman, “è essenziale che le donne siano temporaneamente disoccupate”. La città conta circa tremila dipendenti comunali di sesso femminile. Secondo Numan, alcune donne possono continuare a lavorare, ad esempio le operaie che puliscono i bagni delle donne a Kabul.

Significa che i talebani stanno ancora una volta limitando le donne afghane, nonostante le precedenti promesse di rispettare le loro libertà e diritti “nel quadro della legge islamica”. Ieri è apparso chiaro che il gruppo è anche responsabile della gestione delle questioni femminili a Kabul. chiudere. L’edificio oggi ospita il Ministero della Virtù. Si dice che le impiegate siano state rimandate a casa nelle ultime settimane.

di nuovo dimostrazione

Decine di donne hanno manifestato oggi davanti all’edificio del ministero. Chiedono che le donne possano partecipare alla vita pubblica. “Una società in cui le donne non partecipano è una società morta”, recitano i loro cartelloni pubblicitari. La manifestazione è durata dieci minuti e si è svolta sotto gli occhi vigili dei talebani.

Non è la prima volta che le donne afghane scendono in piazza da quando hanno preso il potere. Le manifestazioni sono spesso schiacciate con mano pesante. Tuttavia, le donne continuano a manifestare: sono indignate per le politiche restrittive del gruppo sui diritti delle donne.

READ  Gli elettori si stanno allontanando in massa dalla CDU/CSU e la SPD sembra vincere le elezioni

L’istruzione è vietata

All’inizio di questa settimana, alle ragazze dell’istruzione secondaria è stato vietato per il momento di tornare a scuola, mentre ai compagni di classe maschi è stato permesso di tornare. Le studentesse studiano ancora, ma in classi separate e con un copricapo obbligatorio.

Quando i talebani presero il potere negli anni ’90, vietarono alle ragazze e alle donne di andare a scuola. Inoltre, le donne non potevano lavorare fuori casa. Gli attivisti per i diritti delle donne temono che il gruppo persegua nuovamente tale politica.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24