Il palestinese più ricco affronta una base militare

Quando le case in Palestina fanno notizia, di solito è perché sono state distrutte da bombe e bulldozer o minacciate di demolizione. Nel 2021, secondo il Coordinamento degli affari umanitari delle Nazioni Unite (OCHA), le forze israeliane hanno demolito un campo 593 case e altre strutture. Allo stesso tempo, la costruzione sta avvenendo ove possibile. Le città palestinesi esplodono sulle giunture.

Se guardi a Nablus, una di quelle città sovraffollate, tra macchine affollate e folle affollate, vedrai una grande villa rosa salmone. È la casa di Munib al-Masri, la persona più ricca della Palestina, meglio conosciuta dagli abitanti delle città come il Palazzo. La “Casa della Palestina”, la Casa della Palestina, è una replica della Villa Rotonda progettata dal famoso architetto italiano Andrea Palladio. Più ti avvicini, meno vedi. Raggiunta la cima della collina, la vista è limitata a un cancello metallico con citofono e un sentiero tortuoso che avvolge un po’ più in là l’angolo. Non si sa quanto costi la casa: le stime vanno da poche decine a decine di milioni. Un economista palestinese dice che i manufatti in una casa da soli “valgono più di poche case normali”.

Il giardiniere siede tra i cipressi che segnano il sentiero. Con chi hai parlato, Muneeb in persona? Sfortunatamente, è attualmente a Gaza.” Munib al-Masri aveva detto una settimana fa un caloroso benvenuto. Gli piace mostrare agli ospiti la Casa della Palestina, che è piena di oggetti d’antiquariato unici, dal trono ottomano agli arazzi del re di Francia. Luigi XIV. Ma non ora. È in Viaggio. Dopo Gaza, l’uomo d’affari 87enne andrà in Giordania e poi forse in uno dei paesi del Golfo. La libertà di movimento è un privilegio riservato all’élite della Palestina.

READ  Il numero di navi da crociera nel porto di Barcellona è quasi uguale al numero prima della pandemia

impero familiare

Munib Al-Masry è il capofamiglia egiziano. L’impero familiare si estende dall’agricoltura alle comunicazioni. Nato a Nablus nel 1934, Al-Masry ha fatto fortuna nell’industria petrolifera e del gas dopo aver studiato geologia negli Stati Uniti. È stato cofondatore e presidente di PADICO Holdings, la società di investimento che fino a poco tempo fa controllava un quarto dell’economia palestinese. Gli egiziani appartengono a quella che l’economista Raja al-Khalidi chiama la borghesia nazionale. Dopo la firma degli accordi di Oslo nel 1993, nei territori palestinesi è emersa una nuova élite, un misto di vecchio capitale e palestinesi che hanno investito in Palestina i loro soldi guadagnati all’estero.

Munib al-Masri si definisce un campione della causa palestinese. I quattro quartieri di Beit Palestine prendono il nome da città palestinesi, alcune delle quali si trovano nell’attuale Israele. Ci sono dipinti raffiguranti scene della storia palestinese e immagini di Al-Masry con celebrità come Nelson Mandela, Papa Giovanni Paolo II e il leader palestinese Yasser Arafat, che gli era vicino. Al-Masri ha rifiutato l’offerta di Arafat di assumere la presidenza del primo governo palestinese, ma è stato ministro per un breve periodo in Giordania e Palestina. Ha anche cercato più volte di mediare tra i movimenti rivali Fatah e Hamas. Al-Masry è uno schietto sostenitore della soluzione dei due stati.

Alcuni palestinesi incolpano gli egiziani e altre persone benestanti per il loro successo a causa dell’occupazione. Per avere successo negli affari in Palestina, è indispensabile un buon rapporto con l’Autorità Palestinese. Anche questo funziona a stretto contatto con Israele. “Israele, l’Autorità Palestinese e le grandi aziende si aiutano a vicenda a mantenere i loro monopoli e le loro posizioni”, ha affermato l’analista politico Tariq Dana. “Israele concede privilegi e accesso allo Stato a un gruppo selezionato e ci sono progetti economici congiunti, anche se non sempre pubblici, perché sensibili”.

READ  I profitti di Shell e ArcelorMittal non possono impedire la perdita di AEX

Beverly Hills Palestina

La casa di Masri non è l’unica villa in Cisgiordania. Prendiamo, per esempio, i palazzi multimilionari dell’élite politica alla periferia di Ramallah, o il villaggio di Termius Aya, meglio conosciuto come Beverly Hills in Palestina. Quasi tutti i residenti partirono per gli Stati Uniti o altrove e costruirono palazzi nei loro villaggi d’origine al loro ritorno per alcune settimane all’anno. Le persone mostrano quanto hanno successo con la pompa e le circostanze. “In Palestina, non si tratta di quanto sia costoso, ma di quanto sia costoso”, afferma Khalidi, l’economista.

Ancora più che altrove, le case sono le preferite su cui investire: qualsiasi altro obiettivo di investimento è rischioso. L’85% degli investimenti privati ​​in Palestina sono immobiliari. Inoltre, secondo Al-Khalidi, anche l’aspetto culturale gioca un ruolo. “Un padre non è completo finché non costruisce una casa per i suoi figli, preferibilmente sopra o accanto alla sua casa”.

Lo spazio sta diventando sempre più scarso. Quasi tutti i lavori di costruzione si trovano nell’Area A, città sotto il pieno controllo dell’Autorità Palestinese in base agli Accordi di Oslo. Inoltre, stanno crescendo gli insediamenti israeliani, che sono illegali secondo il diritto internazionale, ei palestinesi non sono mai sicuri se la loro casa sarà ancora lì il giorno dopo.

La Palestine House non è immune dalla situazione politica. Nel 2002, i soldati di occupazione occuparono temporaneamente la casa, che era ancora in costruzione. La villa si affaccia su due insediamenti israeliani e su una base militare. “Se non avessi costruito questa casa qui, ci sarebbe stato un insediamento ebraico”, ha detto Masri in precedenti interviste. Per essere sicuro, ha comprato quanta più terra possibile intorno a lui e vi ha piantato ulivi.

READ  Il futuro appartiene al professore britannico di olandese

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24