Il partito di governo honduregno ammette la sconfitta, torna a sinistra dopo 12 anni

Dodici anni dopo il colpo di stato che ha portato al potere il Partito nazionalista conservatore, l’Honduras è tornato con un presidente di sinistra. Chiomara Castro, moglie del deposto presidente Manuel Zelaya nel 2009, ha vinto le elezioni presidenziali domenica. Il suo avversario durante le elezioni ora ha ammesso la sua sconfitta. Castro, del Partito per la Libertà e il Ristabilimento, è diventata la prima donna presidente del paese.

Nasri Asfora, sindaco della capitale, Tegucigalpa, era un candidato per il Partito Nazionale. Con poco più della metà dei voti contati, ha vinto con il 34 per cento dell’elettorato. Questo lo ha lasciato alle spalle di Castro, che ora è al 53 percento.

“Voglio dire pubblicamente che mi congratulo con lei per la sua vittoria”, ha detto Asfora dopo aver parlato con Castro. “Che Dio la benedica e che il suo governo faccia ciò che è meglio per tutti gli honduregni”.

Frode elettorale

Nelle elezioni del 2017, Castro è stato il vice del candidato di sinistra Salvador Nasrallah. Ha perso di misura le elezioni, ma gli osservatori internazionali hanno notato irregolarità. Le manifestazioni contro i risultati sono state brutalmente represse e 23 persone sono state uccise.

Molti honduregni erano profondamente arrabbiati con l’attuale presidente Juan Orlando Hernandez e il Partito Nazionale. L’Honduras è uno dei paesi più poveri dell’America centrale ed è soggetto a una diffusa corruzione. Il fratello di Hernandez è negli Stati Uniti Condannato per traffico di droga. Anche lo stesso presidente è sospettato di traffico di droga. Si dice che abbia ricevuto una tangente da $ 1 milione dal famoso spacciatore messicano El Chapo attraverso suo fratello.

READ  La CIA ha fatto piani segreti per rapire o addirittura uccidere Julian Assange

C’è anche molta violenza tra gang e il tasso di omicidi è tra i più alti al mondo. Centinaia di migliaia di honduregni lo hanno fatto negli ultimi anni Prova a migrare, principalmente negli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti si sono congratulati con Castro. Il Segretario di Stato Blinken ha descritto la sua storica vittoria in una dichiarazione. Durante il colpo di stato del 2009, gli Stati Uniti sono rimasti relativamente in disparte. Il deposto presidente Zelaya si è ritrovato nel campo populista di sinistra dell’America Latina in paesi come Venezuela e Bolivia, che hanno scarse relazioni con gli Stati Uniti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24