Il pensiero eccessivo rende più difficile l’apprendimento delle lingue

I bambini piccoli imparano facilmente la loro lingua, proprio perché le loro capacità mentali non sono ancora del tutto sviluppate. Questo è il risultato di un esperimento in cui adulti meno capaci di pensare raccolgono rapidamente “parole” ripetute frequentemente da un flusso di suoni casuali.

Le persone ricevevano una lunga serie di sillabe (…be ta ro go di tu pi ro go la bu da ku pa di ta go la bu be ak uk go…) mentre si guarda un film muto sulla natura. Nello specifico, i soggetti meno svegli dal punto di vista cognitivo erano quelli che in seguito hanno scoperto di ricordare più spesso in un test, ad esempio, un set di tre sillabe. Gulabo Ha parlato relativamente spesso nella serie, come scritto da un team internazionale di linguisti guidati da Eleonor Smale (Università di Gand) Questa settimana in PNAS.

L’esperienza è una simulazione del modo in cui, secondo molti linguisti, i bambini imparano la loro lingua: notando (inconsciamente) ogni tipo di regolarità statistica nei suoni pronunciati intorno a loro. Negli esperimenti, alcuni su circa 100 persone hanno ridotto artificialmente il loro livello di prontezza cognitiva. In un esperimento, una parte del loro cervello è stata temporaneamente indebolita con un potente magnete appena prima dell’esperimento. Ciò includeva la corteccia prefrontale dorsolaterale sinistra: un importante centro di coordinamento per funzioni coscienti come pianificazione, flessibilità cognitiva, memoria di lavoro e pensiero astratto. Nell’altro esperimento, alcune persone devono prima sottoporsi a test mentalmente stressanti.

Pazienti Korsakov

Secondo i ricercatori, essere “temporaneamente cognitivamente compromessi” ha fatto meglio nel “rilevamento del linguaggio”, dimostrando che il sistema di memoria cosciente e altri sistemi di controllo cognitivo possono intralciare i meccanismi di apprendimento statistico più “brutali” dell’inconscio. ruolo nell’acquisizione del linguaggio da parte dei bambini.

READ  Un vaccino contro la malaria incompleto potrebbe salvare la vita di decine di migliaia di bambini

Il direttore del Max Planck Institute for Psycholinguistics, professore di neuroscienze cognitive a Nijmegen, Peter Haggort, che non è stato coinvolto in questa ricerca, vede anche prove “molto convincenti” che il controllo cognitivo non è necessario per rilevare modelli statistici dall’ambiente. Beck. È lo stesso qualche anno fa Ricerca simile È stato condotto con pazienti di Korsakov che, nonostante (o meglio: grazie a) la loro memoria cosciente non riuscita, erano in grado di cogliere meglio le strutture grammaticali implicite. Questa ricerca è stata effettuata con schemi nascosti nelle immagini che le persone dovevano descrivere. Haggart: “Se questo controllo cognitivo non fosse realmente necessario, sarebbe utile presentare le stesse strutture linguistiche anche durante il sonno. Anche il controllo cognitivo è fortemente compromesso”. Haggort dubita che la ricerca abbia un uso pratico diretto per gli adulti. “Quando impari una seconda lingua, raramente devi affrontare la ripetizione dello stesso insieme di parole.”

I risultati di questo esperimento sono chiaramente in linea con la ricerca precedente e anche Heike Behrens ha inviato un’e-mail quando gli è stato chiesto. È professore di linguistica cognitiva e acquisizione del linguaggio presso l’Università di Basilea e non è stata coinvolta in questa ricerca. Non c’è da stupirsi che ci siano così tante ricerche come questa, osserva seccamente, “perché il riconoscimento degli schemi e l’apprendimento statistico sono solo uno dei tanti fattori nell’acquisizione del linguaggio, ma uno che puoi sperimentare con relativa facilità”.

Gli adulti sembrano imparare la lingua meglio dei bambini, in meno tempo

Ci sono molti altri fattori che possono facilitare la maturazione. Burns ricorda uno studio a Nimega negli anni ’90: “Gli studenti parlavano più facilmente nella loro seconda lingua dopo aver bevuto un bicchiere. Con meno inibizioni e più fiducia in se stessi”. Ma: se bevono di più, questo effetto scompare di nuovo, a causa del generale declino cognitivo causato dal troppo alcol.

READ  La scienza è finalmente uscita: ecco come si calcola la forma di un uovo

Secondo Berens, il nuovo PNASLa ricerca si adatta davvero perfettamente all’ipotesi decennale “less is more”. Ciò significa, tra le altre cose, che i bambini possono riconoscere le parole così bene proprio perché hanno una memoria di lavoro più piccola, che si concentrano automaticamente su sillabe più piccole nei flussi sonori. Ma sull’importanza di quel ricordo più piccolo anche le criticheProprio perché molti adulti parlano ai bambini piccoli in un modo molto particolare in cui vengono enfatizzate parole separate.

I bambini impiegano anni

Ed è proprio questa maggiore comprensione del complesso ambiente in cui i bambini imparano la lingua a crescere che Behrens fa un sorprendente commento di chiusura. Perché questi ragazzi sono davvero bravi nell’apprendimento delle lingue? “No, ora è sempre più chiaro che gli adulti imparano meglio una lingua, in meno tempo. Questo perché il tempo che effettivamente impiegano i bambini per acquisire la lingua è sempre stato sottovalutato, anni! E guardate le condizioni in cui gli adulti imparano la lingua Non trascorrono molto meno tempo solo dai bambini, ma la loro presentazione in questa lingua straniera è molto peggiore in qualità e quantità di quella dei bambini.I genitori prestano molta attenzione linguistica ai loro figli!I genitori di solito sanno anche esattamente quale lingua supporta i bisogni dei loro figli e danno questo supporto ancora e ancora. Come puoi vedere da molti bambini con ritardo linguistico, questo non va sempre bene”.

Anche il successo nell’acquisizione di una seconda lingua, che i bambini possono imparare molto rapidamente, dipende in gran parte dalle circostanze. “Altrimenti, perché il ritardo linguistico dei bambini immigrati potrebbe essere un problema del genere?”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24