Il premio Nobel per la fisica va agli scienziati del “riscaldamento globale”

Il Premio Nobel per la Fisica a Stoccolma è stato assegnato a due pionieri della teoria del “riscaldamento globale”: Siokoru Manabe (90) e Klaus Haselmann (89). Tuttavia, negli anni ’70, gli scienziati erano increduli sull’impatto del comportamento umano sul nostro ambiente in tutto il mondo. All’epoca non c’era consenso scientifico su questo e gli scienziati erano convinti che la Terra fosse fredda. È stato il professore olandese Paul Crutzen a sottolineare l’impatto globale delle sostanze emesse da frigoriferi e condizionatori d’aria.

L’effetto serra come fungo divisorio

Nello stesso periodo, Siokoro Manabe e Klaus Hesselmann hanno attirato la nostra attenzione sull’anidride carbonica. Entrambi hanno avviato il dibattito sul riscaldamento globale negli anni ’70 utilizzando modelli (computerizzati). Hanno previsto il riscaldamento globale dalla combustione di combustibili fossili. Successivamente, il chimico Charles David Keeling dichiarò, secondo le misurazioni iniziate nel 1958, che le concentrazioni di anidride carbonica nell’atmosfera aumentavano a un ritmo accelerato. L’ipotesi dell’effetto serra associata a ciò potrebbe causare l’attuale scontro diretto tra esperti di clima e altri gruppi sociali.

Il riscaldamento globale causato dall’anidride carbonica, che deriva dalla combustione dei prodotti petroliferi, ha portato e continua a portare ad accese discussioni sociali. Alla fine del secolo scorso, il Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC) ha iniziato la sua ricerca di chiarezza. La fusione tra scienza e politica delle Nazioni Unite diventerà l’istituzione più odiata al mondo. Ad esempio, l’argomento è diventato una questione controversa tra, tra le altre cose, uomini d’affari e scienziati ambientaliMentre altri imprenditori e investitori vedono in esso nuove opportunità. Dopotutto, una tale trasformazione di energia può funzionare solo se c’è qualcosa da guadagnare da essa.

Molti vedono la maledizione dei combustibili fossili come una minaccia per l’economia globale. Stanno facendo pressioni e versando un sacco di soldi in controcampagne. Adesso i “credenti” hanno gettato una carta dura sul tavolo: il premio Nobel per due predicatori sul riscaldamento globale.

READ  Testa RIVM: numero di riproduzione Corona aumentato a 2,17 interno

Manabe Attenzione

In un’intervista, Seokura Manabe ha detto: “Mi ha stupito come puoi liberarti dei combustibili di carbonio”. Tradotto liberamente: “Non capisco come farai a liberarci dei combustibili di carbonio”. Il premio Nobel sa che possiamo fare molta strada con le energie rinnovabili e l’elettricità. Ma non crede negli obiettivi individuali che i politici e l’industria ci stanno proponendo, che saremo carbon neutral in pochi decenni.

Rapporto sullo stato globale delle energie rinnovabili 2021, REN21, mostra il contrario: dal 2010 al 2020, il consumo totale di energia nel mondo è aumentato di circa il 15% (vedi anche il sito web per Il nostro mondo nei dati). La quota dei combustibili fossili (80%) è rimasta invariata. Quindi questo significa Ora stiamo lanciando il 15% in più di anidride carbonica nell’aria in tutto il mondo rispetto al 2010. In effetti, la concentrazione di anidride carbonica misurata all’Osservatorio di Mauna Loa alle Hawaii è aumentata più fortemente che mai nell’ultimo decennio. Seokura Manabe è un uomo saggio. Come vede le cose Klaus Haselmann?

Gli sforzi coraggiosi di Hasselman

Klaus Hesselmann fa uno sforzo coraggioso nelle sue pubblicazioni accademiche per formulare proposte concrete per i responsabili politici per affrontare la transizione energetica. Il suo gruppo aderisce al classico approccio tecnologico concentrandosi su pannelli solari, turbine eoliche e batterie. Tenendo conto dei commenti di cui sopra di Syokura Manabe, questo non farebbe molto per ridurre l’aumento di anidride carbonica. Questa opinione è condivisa anche da Bill Gates, che favorisce i sistemi a base nucleare, che impiegheranno almeno altri dieci anni per raggiungere la maturità.

READ  A causa di Corona, il personale del catering americano può finalmente effettuare ordini

Nel frattempo, il pacchetto di pannelli solari, mulini a vento e batterie può fornire prodotti molto utili, ma le loro possibilità sono limitate. Quindi questo è un piccolo trasferimento di energia, che cresce come un pavone. Hasselman si interroga su quale forma di governo o modello di società sia effettivamente l’ideale per ottenere il massimo risultato possibile in questo campo. In un articolo scientifico pubblicato nel 2020, ne recensisce alcuni, come Stati Uniti, Cina, Germania e Spagna.

paesi a confronto

Negli Stati Uniti, le energie rinnovabili hanno trovato coraggiosi sostenitori nei presidenti Bush e Obama, ma Trump si è tirato indietro. Tuttavia, il paese ha stati con una ragionevole autonomia e California, Maryland e New York sembrano essere all’avanguardia. I lobbisti dei gruppi di combustibili fossili operano a livello federale, ma alcuni stati stanno cercando di aggirare il problema. Il Gruppo Haselman ritiene che la situazione negli Stati Uniti si stia sviluppando in una direzione più positiva verso le energie rinnovabili.

Secondo il Gruppo Haselmann, la Cina è la fabbrica in cui l’Europa produce, tra le altre cose, i suoi prodotti. Quindi, la Cina sta implementando capacità energetiche che sono scomparse in Europa. Di conseguenza, questo fornisce un quadro lusinghiero delle emissioni di CO2 in Europa. Quindi la Cina progetta circa 200 nuove centrali a carbone, ma punta al nucleare. Inoltre, Haselman osserva che in Cina c’è una liberalizzazione, diversificazione, strutture politiche più orizzontali e un minor controllo da parte del capitale privato.

Per la Germania il gruppo Haselmann è estremamente importante. a partire dal trasmissione di energia Lì abbandonò l’energia nucleare e la sostituì con centrali elettriche a lignite. Preferisci la sicurezza al clima. C’è stato un forte sostegno per le energie rinnovabili, ma il risultato non è stato molto efficace. I pannelli solari provengono dalla Cina. Ora le compagnie energetiche ei grandi investitori sono più favoriti, ma alla fine del secolo scorso erano le iniziative dei cittadini a muovere la barca. La Germania perde un nodo in questo.

READ  Quello che c'è da sapere sulla variante delta del coronavirus

Prima del 2012, la Spagna era leader nelle energie rinnovabili, ma poi il nuovo governo si è ritirato. Ci sono anche altri sviluppi locali (Madrid, Barcellona, ​​​​Valencia, Saragozza, Cadice) verso le energie rinnovabili perché le nuove autorità locali e i gruppi di cittadini vedono benefici in questo.

La crescita demografica è un tabù?

Né Manabe né Haselman rischiano di uscire dalla classica mentalità tecnologica. Questo è sorprendente per gli scienziati che pensano globalmente. Allora dammi i pensieri dell’ex premio Nobel Stephen Chu (1997) (73). Una volta era Segretario dell’Energia sotto Obama. Chu sostiene che l’aumento della crescita della popolazione mondiale è argomento di discussione tabù. Chu dice che gli economisti non ne parlano, né i governi. Secondo lui, questo rende impossibile risolvere il problema dell’anidride carbonica.

60 ONG intendono fare il loro punto alla COP26 (Climate Change Conference) a Glasgow all’inizio di novembre. Usa i tuoi soldi per il clima per pagare la contraccezioneQuesto è il contenuto del loro articolo sul giornale guardiano Come messaggio alla COP26. Solo così possiamo garantire che la massa controllabile raggiunga l’energia (sostenibile). Questo vale sia al Nord che al Sud. Non vedo l’ora che arrivi la COP26.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24