Il presidente dello Sri Lanka vuole rimanere in carica per altri due anni, nonostante le violente proteste

Il presidente dello Sri Lanka Gotabaya Rajapaksa ha dichiarato di non voler partire per il momento, nonostante le proteste di massa contro di lui. Rajapaska vuole porre fine al suo mandato. Ciò significa che partirà tra due anni. “Dopodiché, non mi candiderò alle elezioni”, ha detto a Bloomberg News. prima la sinistra Suo fratello maggiore, il Primo Ministro Mahinda Rajapaksa.

Violente proteste continuano da mesi in Sri Lanka. I manifestanti anti-governativi incolpano Rajapaksa e la sua famiglia per aver fatto scelte che hanno lasciato il paese a corto di quasi tutto, dal carburante alle medicine.

Il tasso di inflazione nel paese ha raggiunto il 40 per cento e, di conseguenza, storicamente c’è un grande deficit di bilancio. L’economia del paese sul suo culoAnche perché i turisti si allontanano per paura della situazione finanziaria e delle proteste.

Il presidente è bloccato nella residenza ufficiale

Migliaia di manifestanti si sono accampati intorno alla residenza ufficiale del presidente da marzo. Vogliono che se ne vada. Il Presidente non può partire finché è più o meno confinato nella sua residenza ufficiale, perché il percorso verso di lui è fortificato.

Lo Sri Lanka è in trattative con il Fondo monetario internazionale per un prestito di emergenza di 4 miliardi di dollari. Gli esperti ritengono che questa sia l’unica via d’uscita dalla crisi. Poiché il Fondo Monetario Internazionale chiede quasi certamente riforme fiscali, il governo ha aumentato l’imposta sul valore aggiunto dall’8 al 12%.

Molti srilankesi hanno difficoltà a sbarcare il lunario, come Roshan e la sua famiglia:

READ  diretto | Esercito britannico: i contrattacchi interrompono le forniture ai russi, Biden definisce Putin un 'dittatore omicida' | Guerra in Ucraina

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24