Il presidente francese Macron e il primo ministro italiano Draghi hanno chiesto una riforma delle regole finanziarie europee

“Proprio come le regole finanziarie non hanno limitato la nostra risposta alla pandemia, così non dovrebbero impedirci di fare tutti gli investimenti necessari d’ora in poi”, hanno affermato i leader francesi e italiani in un articolo pubblicato sul Financial Times giovedì.

Il contenuto del messaggio non era sorprendente. La Francia assumerà la presidenza di turno dei gabinetti europei il 1 gennaio e Macron aveva già chiarito quando presentava la sua piattaforma che voleva rendere prioritaria la riforma dei cosiddetti criteri di Maastricht.

Gli Standard di Maastricht, istituiti nel 1992 con l’obiettivo di introdurre l’euro, stabiliscono che gli Stati membri devono limitare il loro debito al 60% del loro PIL. Il deficit di bilancio non dovrebbe superare il 3 per cento, ma questo dibattito “pro o contro i tre computer” è già stato descritto da Macron come “sorpassato”.

Il dibattito verrà comunque alla ribalta il prossimo anno. Le regole finanziarie europee sono state sospese all’inizio della pandemia di coronavirus nel marzo 2020 perché gli Stati membri hanno dovuto sostenere spese enormi per mantenere a galla l’economia. L’intenzione è però quella di riattivare le regole dal 2023.

Nel frattempo, la pandemia ha aumentato la montagna di debiti di paesi come la Francia (circa il 115 percento) e l’Italia (circa il 150 percento). Dobbiamo ridurre il nostro livello di debito. “Non c’è dubbio, ma non dobbiamo pensare che raggiungeremo questo obiettivo aumentando le tasse o facendo tagli insostenibili alla spesa sociale”, hanno detto Macron e Draghi.

I due leader hanno chiesto più spazio di manovra per fare investimenti strategici “essenziali per il nostro futuro e la nostra sovranità”. “Le regole fiscali dovrebbero essere a favore del debito contratto per finanziare investimenti che beneficiano inequivocabilmente della prosperità e della crescita a lungo termine delle generazioni future”, hanno affermato Macron e Draghi, osservando che tale spesa contribuisce all’economia e alla sostenibilità a lungo termine del debito.

READ  Nella zona residenziale di De Westakker ha aperto la Pizzeria da Angelo

Il messaggio dalla Francia e dall’Italia, che hanno già consolidato i loro legami in un nuovo trattato bilaterale il mese scorso, è per gli Stati membri che sono stati tradizionalmente più favorevoli al budget. Ciò si riferisce a paesi come Austria, Paesi Bassi e Scandinavia, che in precedenza erano riluttanti a negoziare un Fondo per il recupero della corona da 800 miliardi di euro e hanno anche frenato questo dibattito.

Ma si tratta anche della Germania, dove il nuovo cancelliere Olaf Schulz nella sua coalizione deve trovare un equilibrio tra l’ala verde riformista e i liberali più attenti al budget. Schulz ha sottolineato durante la sua visita a Draghi questa settimana che la pandemia ha dimostrato che le attuali regole finanziarie sono davvero flessibili.

Secondo l’Eliseo, Macron vuole “fare una valutazione quantitativa delle esigenze di investimento” in una riunione informale dei capi di Stato e di governo a marzo. Su questa base va poi considerato lo sviluppo di regole di concorrenza, regole del commercio e regole di bilancio, “che devono adattarsi alle sfide di questa epoca”.

Non è del tutto chiaro se Draghi sarà ancora in campo a marzo. Il suo nome è stato citato come successore del presidente Sergio Mattarella. Le elezioni si terranno a gennaio. Le elezioni presidenziali si terranno in Francia ad aprile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24