Il presidente Mattarella (80) anela alla pace, ma l’Italia spera che rimanga

I suoi sentimenti sono sempre secondi a Sergio Mattarella (80), qui con papa Francesco. L’interesse nazionale viene prima di tutto.Portfolio Mondadori/Getty Images

Per la prima volta in sette anni di presidenza, Sergio Mattarella, 80 anni, ha mostrato un barlume dei suoi sentimenti, poiché non vuole più rimanere presidente dell’Italia. Il suo tempo al centro del potere è finito, per favore scegli un nuovo leader.

Il presidente italiano desidera una presenza fuori dalla politica. In realtà lo ha fatto per tutta la vita, ma non funziona mai davvero. Suo padre fu uno dei fondatori della Democrazia Cristiana, che in casa si occupava di politica, dopodiché anche suo fratello divenne governatore della Sicilia per lo stesso partito. La stessa Mattarella era più appassionata di diritto e scienza, ma quando suo fratello fu assassinato dalla mafia nel 1980 – la prima volta che il pubblico italiano lo vide in una foto di lui mentre tirava fuori dall’auto il fratello insanguinato – decise comunque di mettere il suo preferenze da parte e dedicare la sua vita al servizio del bene pubblico. D’ora in poi avrebbe lottato per un’Italia migliore attraverso la politica.

Ha lottato come politico per una Sicilia libera dalla mafia, è stato per molti anni parlamentare a Roma ed è stato Vice Presidente del Consiglio, Ministro dell’Istruzione e Ministro della Difesa. Solo dopo la sua elezione a giudice della Corte Costituzionale nel 2011, ben oltre l’età pensionabile, ha deciso di dire addio alla politica e tornare al suo vecchio amore: la legge.

Almeno questa era l’intenzione, perché quando il presidente del Consiglio Matteo Renzi lo ha presentato come candidato alla presidenza nel 2015, ha improvvisamente vinto quelle elezioni. “Felice? Non è questo il punto”, ha risposto il giornalista che dopo quelle elezioni ha chiesto al sobrio Mattarella se fosse felice.

READ  Sam Lammers opta definitivamente per un contratto di locazione con l'Eintracht Francoforte

sconosciuto a Renzi

I suoi sentimenti venivano sempre secondi a Mattarella, lontano dall’interesse nazionale. Questo è diventato chiaro nel 2016, ad esempio, quando il presidente del Consiglio Renzi, che credeva che secondo le buone usanze italiane, gli doveva ancora l’uomo che grazie a lui era il suo presidente, chiese elezioni anticipate. Tuttavia, Mattarella rifiutò e nominò invece un consiglio d’affari. Naturalmente, il compagno di festa di Mattarella, Renzi, era così sconvolto dalla decisione che ha smesso di parlargli per tre anni.

Proprio perché Mattarella si rifiutava strutturalmente di conformarsi all’archetipo dell’intrigo romano dello sfondo, divenne per sette anni l’amato uomo politico del Paese. Quando è entrato in carica, è stato ridicolizzato per non essersi adattato al trono di un paese vivace e colorato noto in tutto il mondo per Ferrari e Lamborghini, gli anni ’70 apparentemente tristi fatti di poche parole arrotolate in una Fiat Panda grigia. Tuttavia, nelle sue imminenti dimissioni, molti italiani si rendono conto che Mattarella negli ultimi anni è stato esattamente ciò di cui il loro Paese aveva bisogno, un faro di calma in una scena politica sempre travolgente; Uno statista ha elevato il grigio al valore politico e così ha salvato più volte il suo paese.

Perché quanto sarebbe successo nel 2018, dopo che il popolo italiano aveva eletto il primo governo populista di destra dell’Europa occidentale, non ha chiesto alle parti coinvolte di ripensare con calma all’auspicata nomina di Paolo Savona a ministro delle finanze, convinto scettico dell’UE che una volta ha detto che l’euro è stato “un errore”. Storico”?

E cosa sarebbe successo all’economia italiana se l’anno scorso, nel mezzo della devastante crisi del Corona, avesse ascoltato i populisti e indetto nuove elezioni, invece di nominare primo ministro il tecnocrate Mario Draghi, un leader che finalmente ha portato l’Italia verso quella fine ? Ambito corso d’acqua tranquillo?

Possibile caduta del governo

Non a caso il 65,8 per cento degli intervistati in un recente sondaggio dell’agenzia di ricerca Youtrend si è detto soddisfatto se Mattarella fosse rimasto alla carica di presidente. Questo è teoricamente possibile. Del resto l’unico possibile successore su cui i partiti politici sembrano essere d’accordo è il presidente del Consiglio in carica Draghi. E lo sanno tutti: non appena lascerà la carica di primo ministro, il suo governo probabilmente cadrà, con tutte le conseguenze caotiche che ne deriveranno.

Se gli chiedono di restare fino alla fine dello stallo politico, la devozione di Mattarella al dovere e il politico desideroso che ha passato la vita a cancellarsi per il bene del suo paese, potrebbero costringerlo ad accettare. Ma lui stesso spera senza dubbio che la situazione rimanga tranquilla.

E il giornale italiano scriveva: “Povero uomo”. Repubblica Quindi questa settimana. “Più tifavano per lui, più temevano che sarebbe stato rinchiuso di nuovo al centro del potere”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24