Il primo caso contro un soldato russo in Ucraina è un caso “in circolazione”.

Vadim Shishimarin, 21 anni, è accusato di aver ucciso un civile ucraino disarmato. Il sergente avrebbe sparato e ucciso un uomo di 62 anni in bicicletta da un veicolo in movimento alla fine di febbraio. Con le sue stesse parole perché aveva paura di tradire la sua posizione.

Questo è successo nella regione di confine di Sumy. (Il sergente era in fuga con altri quattro soldati russi dell’esercito ucraino. Hanno rubato l’auto che stavano guidando.) Se condannato, il russo rischia l’ergastolo.

Queste foto mostrano che è apparso in tribunale venerdì:

Molti paesi prestano molta attenzione al caso del soldato Shishimarin, perché questa è la prima volta che l’Ucraina mostra come il paese tratta i criminali di guerra detenuti.

Il mese scorso, il procuratore capo dell’Ucraina Irina Venediktova ha annunciato che l’Ucraina stava indagando su 500 persone per il loro possibile coinvolgimento in oltre 5.600 crimini di guerra russi nel paese. L’Ucraina riceve assistenza per questa ricerca dai Paesi Bassi e dal Regno Unito, tra gli altri paesi.

Questo è solo il primo caso

Quindi questa è solo la prima causa per molti, afferma il professore di diritto penale internazionale Sergei Vasiliev. “Ci sono così tanti casi a venire che dubito che ricorderemo il suo nome tra tre mesi”.

Come questo caso, molti altri riguarderanno anche l’uccisione volontaria di civili, prevede Martin Zwanenburg, professore di diritto militare. “Ma assisteremo anche al maltrattamento dei civili e al mancato passaggio degli aiuti umanitari, che porteranno alla fame dei civili”, ha aggiunto.

È impossibile dire a quanti affari porterà effettivamente. Vasiliev spiega che questo dipende da molti fattori. Alcuni degli autori non sono stati catturati o potrebbero essere morti. Può anche essere difficile identificare il colpevole quando viene trovato un corpo per il quale non sono stati trovati testimoni oculari.

READ  Razzi hanno colpito una scuola a Kharkiv • I russi prendono di mira Slovjansk

Ecco perché Vasiliev ha chiamato lo stato del giorno “il frutto sospeso”. A differenza di casi di vecchia data o complessi, qui c’erano testimoni oculari e c’erano molte prove.

Guardiano È stato riferito che due soldati russi hanno tenuto la loro prima udienza questa settimana. Avrebbero usato un lanciarazzi su un camion per bombardare case ed edifici (civili) vicino a Kharkov. Si dice anche che abbiano colpito un istituto scolastico nella città di Dergachiv di Belgorod in Russia. Ora sono in attesa di processo in cattività ucraina.

In un altro caso, il soldato ancora ricercato Mikhail Romanov è stato accusato di aver fatto irruzione in una casa nel distretto di Proversky a marzo. Si dice che abbia ucciso un uomo lì e violentato ripetutamente sua moglie. Avrebbe anche minacciato lei e suo figlio con violenza e armi. Anche un altro soldato avrebbe violentato la donna. I pubblici ministeri credono di conoscere l’identità di questo soldato.

Un processo equo a favore dell’Ucraina

Né Zwanenburg né Vasiliev hanno indicazioni o sospetti che i processi saranno iniqui.

Mentre il processo ai soldati russi in Ucraina solleva interrogativi per alcune persone, un processo equo è nell’interesse dell’Ucraina. Riguarda la legittimità dell’Ucraina come paese che cerca di proteggersi da crimini efferati. Come dicono gli esperti, l’Ucraina non può permettere alla Russia di usare il processo iniquo come propaganda.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24