Il pulsante della paura funziona ancora con la prossima “ondata”?

Riepilogo articolo

La prossima onda sembra molto diversa se sei sdraiato sulla spiaggia o in piedi in cima a una duna di sabbia. Quindi anche il pulsante della paura funziona in modo diverso. A questo proposito, l’autunno del 2022 sarà diverso dall’autunno del 2021 e del 2020.

Leggi l’articolo completo: il pulsante della paura funzionerà ancora per la prossima “ondata”?

momento della lettura: 5 Minuti

Contrasti meravigliosi

Per tenermi ampiamente informato, seguo su Twitter persone con opinioni molto diverse sul Covid-19. È affascinante vedere quanto siano contrastanti i punti di vista, anche tra medici e professori.

Ciò è stato sorprendente anche per la licenza delle vaccinazioni Covid per i bambini di età compresa tra 6 mesi e 5 anni negli Stati Uniti. Il dottore Dott. Lena Wayne, che scrive anche per il Washington Post, Ha detto in quel giornale che ne era entusiastaPerché “è stata finalmente in grado di fornire ai suoi figli la protezione tanto necessaria” (citazione letterale).

Ma ti imbatti anche in medici negli Stati Uniti che sono piuttosto dall’altra parte dello spettro. che sono molto critici nei confronti del processo di autorizzazione di questo vaccino per i bambini piccoli e sottolineano che i numeri della ricerca dovrebbero invece portare alla conclusione che non dovresti. Questo medico spiega (in inglese) che:

In Germania, il governo, guidato dal ministro Lauterbach, sta preparando piani per rendere obbligatorie le mascherine ovunque tra ottobre e Pasqua, secondo il quotidiano Die Welt.

Questo pediatra americano ha recentemente partorito un bambino che indossa una maschera per bocca e naso quasi ovunque da quando è nato. E questo è il passeggino che ha costruito per proteggere il suo bambino dal Covid, ed è dotato di uno speciale filtro HEPA.

READ  Anche alla luce delle stelle nessuno è irrilevante

È incredibile quanto siano contrastanti le opinioni tra diversi professionisti. E se vedi le reazioni sotto questo tipo di messaggi, vedrai che queste discrepanze nella popolazione sono più grandi e più acute. L’influenza di coloro che trascorrono molto tempo nei media e che ricoprono importanti incarichi politici è significativa. Ci sono più tedeschi che attualmente indossano maschere per il viso rispetto ai Paesi Bassi, grazie al ministro Lauterbach. E ci sono differenze significative negli atteggiamenti tra californiani e residenti in Florida riguardo al rischio di Covid-19 e all’approccio di risposta.

Chi pensa che persone con opinioni nettamente opposte possano essere convertite dalla ricerca, dagli studi o dall’esperienza si sbaglia. Sbaglia chiunque affermi che ci sono fatti oggettivi e innegabili sulla gravità del Covid-19, l’entità di LongCovid e la sicurezza o il pericolo delle vaccinazioni.

È incredibile quanto spesso si gioca su “scienza” / “scienza”, quando il rapporto è completamente dominato dall’emozione.

E come i dati si rivelano sempre meno, perché nella loro raccolta e presentazione, l’emozione che si prova o si vuole provocare gioca un ruolo importante.

Cos’è un'”onda”

Quindi la sola parola ‘onda’ ha acquisito un significato che varia molto a seconda della tua situazione per quanto riguarda la paura della contaminazione da Covid-19.

Ad esempio, la parola sta riemergendo ora poiché la diffusione del virus sembra aumentare nei Paesi Bassi. Più particelle virali nelle acque reflue, test GGD più positivi. Questo fenomeno è stato osservato anche in molti altri paesi, che sembra essere correlato a un nuovo Omicron-salto.

Il Portogallo (paese con la più alta percentuale di vaccinati) ci precede dall’inizio di maggio. Ma una settimana fa, ha ricominciato a scendere. Questo è anche il caso del Sud Africa, dove è anche inverno.

E se si guarda all’evoluzione dei ricoveri ospedalieri/in terapia intensiva in diversi paesi con i recenti aumenti delle infezioni, non vediamo sviluppi preoccupanti in questi paesi.

In breve: sì, sembra esserci un aumento del numero di infezioni da Covid-19 nei Paesi Bassi, ma ciò non porterà a un aumento significativo del numero di pazienti negli ospedali e nelle unità di terapia intensiva in estate.

READ  L'amicizia passa attraverso la narice: è più probabile che tu faccia amicizia con qualcuno che ha lo stesso odore

Questo è separato da un problema molto più grande che si presenta e simile a quello che sta accadendo a Schiphol dalla fine di aprile. In particolare, sono così poche le guardie di sicurezza attive per il controllo del bagaglio a mano che le file a volte assumono forme astronomiche. Ciò è dovuto principalmente al grande amore olandese per la voglia di viaggiare, mentre è dovuto solo alla manodopera disponibile. (Questo è in parte il risultato della politica secondo cui le persone non erano in grado/non volevano continuare a pagare le persone durante Corona.)

E certamente perché è nel campo della capacità di cura e via I paesi indipendenti non fanno nulla nel contesto della pianificazione di medio raggionon sarei sorpreso se si verificasse una grave carenza di capacità negli ospedali prima della fine dell’anno, a causa del Covid-19, dell’influenza o di un altro virus.

Si tratta di continuare la metafora delle “onde”, non sull’altezza di un’onda, ma sull’altezza della diga, che determina se quell’onda provoca o meno danni.

E quando sei sulla spiaggia, l’onda sembra molto più terrificante che se fossi in cima a una duna di sabbia.

Il pulsante della paura funziona ancora?

Abbiamo visto negli ultimi due anni come gran parte della popolazione abbia sostenuto il governo nell’adozione di misure che sarebbero state inimmaginabili due anni fa. Coprifuoco, chiusure e chiusure di scuole. Ciò è dovuto principalmente al fatto che la maggioranza aveva paura del virus e credeva che queste misure riducano significativamente il rischio di infezione.

Le persone si sono lasciate vaccinare con vaccini che non sono ancora stati immessi sul mercato con tutte le precauzioni e le precauzioni necessarie che venivano utilizzate prima quando venivano rilasciati nuovi farmaci. Nella misura in cui ciò è stato raggiunto, questo rischio è stato considerato inferiore al rischio di infezione e ne ha subito gli effetti negativi per un periodo prolungato o più.

Ma se in autunno la pressione sull’assistenza sanitaria aumenta drasticamente (come sempre con l’arrivo dell’inverno), la grande domanda è fino a che punto questo pulsante della paura serva ancora a introdurre misure nazionali che non conosciamo da fine febbraio..

READ  Perché bisogna parlare di cambiamento climatico: 'Mostraci cosa sai fare' | Attualmente

Tutti abbiamo sperimentato il Covid-19 e/o conosciamo persone intorno a noi che lo hanno sperimentato. Spesso con sintomi (molto) limitati. Siamo anche sempre più consapevoli del fatto che anche se vieni potenziato, puoi comunque contrarre infezioni. La protezione dovrebbe essere sempre più breve alla quarta, quinta o sesta vaccinazione.

Sempre più notizie stanno trapelando anche nei media tradizionali, fornendo un quadro più accurato del Covid come malattia e dei vaccini come salvataggio sicuro. Quindi meno persone saranno ancora in grado di affrontare l’elemento della paura.

Sì, i soliti sospetti riappariranno sicuramente in autunno (pensa Bonten, Osterhaus e altri membri dell’OMT) per segnalare un pericolo imminente. Ci saranno anche pressioni da parte di parti della popolazione affinché agiscano.

Ma mi chiedo se funzionerà davvero e se saremo soggetti a nuove misure pubbliche. 1,5 m di distanza, palpebre all’interno, ecc. Per non parlare del fatto che accetteremo docilmente le restrizioni imposte alla nostra condotta di viaggio, shopping e relax.

Perché anche i vari settori a cui è stata affidata la responsabilità nei piani del Dipartimento della Salute, dell’Assistenza e dello Sport si opporranno al tipo di restrizioni che abbiamo visto dall’anno scorso.

Perché se in autunno la pressione sull’assistenza diventa grande, molto più di quanto non sia stato negli ultimi due anni, sarà segnalato al governo, che non è riuscito ad aumentare la capacità di cura o a preparare e attuare buoni piani di emergenza.

E ciò porterà a un’ulteriore crisi di fiducia, in un momento in cui tale fiducia è già stata minata dall’immagine che le persone hanno del governo in termini di risoluzione di una lista sempre più lunga di problemi nella nostra società.

Un’ulteriore crisi di fiducia, che potrebbe portare alla formazione del Senato nel marzo 2023, che ridurrà ulteriormente l’efficacia del Senato, con tutte le conseguenze connesse.

Sostieni il nostro sito con una (piccola) donazione occasionale. Quindi clicca qui. Grazie.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

TGcomnews24